1.100 persone, tra cui 380 bambini, sono rimaste uccise nelle devastanti inondazioni in Pakistan

  • Le inondazioni hanno ucciso almeno 1.100 persone e colpito 33 milioni di persone
  • Un terzo del Paese è sott’acqua – Ministro del clima
  • Il disastro climatico in Pakistan ha bisogno dell’attenzione del mondo – Guterres
  • Disastro “guidato a livello internazionale” – Imbriglia delle Nazioni Unite

SARSADA, Pakistan, 30 ago (Reuters) – Piogge torrenziali e inondazioni hanno sommerso un terzo del Pakistan e ucciso più di 1.100 persone, inclusi 380 bambini, mentre le Nazioni Unite hanno chiesto aiuto martedì in quello che hanno descritto come un “disastro climatico senza precedenti .” “

Gli elicotteri militari hanno strappato le famiglie bloccate e lasciato i pacchi di cibo in aree inaccessibili. Il diluvio storico, innescato da piogge monsoniche insolitamente intense, ha distrutto case, aziende, infrastrutture e raccolti, colpendo 33 milioni di persone, il 15% della nazione dell’Asia meridionale composta da 220 milioni di abitanti.

Nel trimestre fino ad agosto di quest’anno, il paese ha ricevuto il 190% di pioggia in più rispetto alla media degli ultimi 30 anni, per un totale di 390,7 millimetri (15,38 pollici). La provincia del Sindh, che ospita una popolazione di 50 milioni di abitanti, è stata la più colpita, ricevendo il 466% di pioggia in più rispetto alla media di 30 anni.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Un terzo del Paese è sott’acqua”, ha detto a Reuters il ministro del cambiamento climatico Sherry Rehman, descrivendo l’entità del disastro come una “catastrofe di proporzioni senza precedenti”.

Ha detto che l’acqua non si ritirerà presto.

Almeno 380 bambini erano tra i morti, ha detto il primo ministro Shahbaz Sharif ai giornalisti nel suo ufficio a Islamabad.

READ  È morto all'età di 71 anni William Hurt, il protagonista degli anni '80 vincitore dell'Oscar

“Il Pakistan sta soffrendo”, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in un videomessaggio mentre le Nazioni Unite hanno lanciato un appello da 160 milioni di dollari per aiutare il Paese dell’Asia meridionale. “Il popolo pakistano affronta il monsone con gli steroidi – Impatto implacabile di piogge e inondazioni di dimensioni epocali”.

Un portavoce delle Nazioni Unite ha detto che Guterres si recherà in Pakistan la prossima settimana per assistere agli effetti del “disastro climatico senza precedenti”.

Ha detto che la portata della catastrofe climatica ha attirato l’attenzione collettiva del mondo.

Circa 300 persone bloccate, tra cui alcuni turisti, sono state trasportate in aereo nel nord del Pakistan martedì, ha affermato in una dichiarazione un’agenzia statale per la gestione dei disastri, mentre più di 50.000 persone sono state trasferite in due rifugi governativi nel nord-ovest.

“La vita qui è molto dolorosa”, ha detto a Reuters il 63enne Hussain Sadiq, che era in un rifugio con i suoi genitori e cinque figli, aggiungendo che la sua famiglia aveva “perso tutto”.

Hussain ha detto che l’assistenza medica era inadeguata e la diarrea e la febbre erano comuni nel rifugio.

Il capo generale dell’esercito pakistano Qamar Javed Bajwa ha visitato la valle settentrionale dello Swat per ispezionare i soccorsi e i soccorsi, dicendo che “la riabilitazione richiederà molto tempo”.

Gli Stati Uniti forniranno 30 milioni di dollari in aiuti in caso di inondazione al Pakistan attraverso l’USAID, ha affermato la sua ambasciata a Islamabad in una dichiarazione, affermando che il Paese è “profondamente rattristato dalla devastante perdita di vite umane, mezzi di sussistenza e case in tutto il Pakistan”. leggi di più

READ  40 La migliore termoconvettore gas del 2022 - Non acquistare una termoconvettore gas finché non leggi QUESTO!

‘Obbligo di aiuto’

Le stime iniziali stimano i danni causati dalle inondazioni a oltre 10 miliardi di dollari e il governo ha affermato che il mondo ha l’obbligo di aiutare il Pakistan ad affrontare gli effetti del cambiamento climatico causato dall’uomo. leggi di più

Il Primo Ministro ha detto che le perdite sarebbero molto alte.

Piogge incessanti piovevano dalle montagne settentrionali, distruggendo edifici e ponti, lavando via strade e colture in piedi, provocando inondazioni improvvise.

Un’enorme quantità d’acqua si riversa nel fiume Indo, che scorre attraverso il centro del paese dalle sue vette settentrionali alle pianure meridionali, provocando inondazioni per tutta la sua lunghezza.

Il ministro degli Esteri pakistano Bilawal Bhutto-Zardari ha affermato che centinaia di migliaia di persone vivevano all’aperto senza cibo, acqua pulita, riparo o servizi igienici di base.

Guterres ha detto che spera di raccogliere 160 milioni di dollari attraverso l’appello, che fornirà cibo, acqua, servizi igienici, istruzione di emergenza e assistenza sanitaria a 5,2 milioni di persone.

‘Aiuto insufficiente’

Il primo ministro Sharif ha chiesto che gli aiuti siano “rapidamente aumentati” e ha assicurato che “ogni centesimo raggiungerà i poveri e non andrà sprecato”.

Sharif temeva che il disastro avrebbe ulteriormente destabilizzato un’economia già travagliata, portando a una grave carenza di cibo e all’inflazione che ha raggiunto il picco del 24,9% a luglio.

Anche la semina del grano potrebbe essere ritardata e il Pakistan è già in trattative con la Russia sulle importazioni di grano per ridurre al minimo l’impatto.

READ  40 La migliore orologio contatore luce del 2022 - Non acquistare una orologio contatore luce finché non leggi QUESTO!

Il capo della National Disaster Management Authority, il generale Akhtar Nawaz, ha affermato che almeno 72 distretti su 160 distretti del Pakistan sono stati dichiarati colpiti dal disastro.

Due milioni di acri (809.371 ettari) di terreni agricoli sono stati allagati, ha detto.

Bhutto-Zardari ha affermato che il Pakistan è diventato il punto di riferimento per il riscaldamento globale.

“È probabile che la situazione peggiori poiché le forti piogge continuano in aree già inondate da tempeste e inondazioni per più di due mesi”, ha affermato.

Guterres ha chiesto una rapida risposta alla richiesta di aiuto del Pakistan alla comunità internazionale e ha chiesto che smetta di “camminare nel sonno verso la distruzione del nostro pianeta a causa del cambiamento climatico”.

“Gravi inondazioni monsoniche ci dicono che non c’è tempo da perdere, il punto di svolta climatico è qui”, ha detto il ministro dei cambiamenti climatici Rehman, aggiungendo che il Pakistan stava cercando paesi sviluppati che non permettessero ad altri paesi di pagare per il loro carbonio. Supportare lo sviluppo.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reportage di Asif Shahjad e Charlotte Greenfield a Islamabad e Gibran Beshimam a Kabul; Montaggio di Robert Birzel, Bernadette Baum e Sandra Maler

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.