31 dicembre 2022 Notizie di Russia e Ucraina

I residenti e i visitatori di Kiev alla vigilia di Capodanno hanno espresso la loro intenzione di celebrare il nuovo anno e sperano anche che il 2023 porti la pace, con la continuazione dell’invasione russa.

Anastasia Grimailo e Daria Zabinska. (Dennis Labine per la CNN)

Daria Zabinska, una studentessa di 19 anni con Visit Ukraine, ha affermato che il suo desiderio nel 2023 è quello di ripristinare i confini dell’Ucraina del 1991 come paese indipendente.

“Per noi, tornare alla frontiera del 1991 è l’unico sogno”, ha detto alla Galileus Web. “E voglio che tutti i miei cari stiano bene”.

“Non abbiamo l’umore del nuovo anno come negli anni precedenti; negli anni precedenti avevamo tutto addobbato e preparato per un mese, e ancora non abbiamo nemmeno un albero di Natale. Ne cercheremo uno adesso e se trovane uno, ne avremo uno quest’anno, e se no, va bene.”

Ha aggiunto: “Tutta questa adrenalina, tutto questo stress, quando leggi le notizie o parli con qualcuno, vuoi solo festeggiare questo nuovo anno”.

La studentessa ventenne Anastasia Grimailo ha detto di aver fatto scorta di candele perché gli scioperi russi causano frequenti blackout in tutta l’Ucraina.

“Siamo pronti a tutto”, ha detto alla CNN.

Yuri Nagotnok e Daria Chesnokova.
Yuri Nagotnok e Daria Chesnokova. (Dennis Labine per la CNN)

Daria Chesnokova è un’insegnante di scuola e Yuri Nagotnok lavora nel settore IT. Entrambi hanno 25 anni e vengono dalla città meridionale di Kryvyi Rih.

E lei ha detto: “Siamo venuti a Kiev per visitare gli amici, per recuperare l’umore del nuovo anno. Facciamo anche regali ai nostri amici”.

Chesnokova ha detto che il suo desiderio nel 2023 è che l’Ucraina vinca la guerra, “e poi ricostruiremo tutto”.

Natalia Vaganova.
Natalia Vaganova. (Dennis Labine per la CNN)

Natalya Vaganova, 27 anni, dipendente di una società di consulenza che vive a Brovary nella regione di Kiev, ha detto che festeggerà a casa con la sua famiglia.

READ  Miliardario cino-canadese scomparso condannato a 13 anni di carcere

“Ci aspettiamo la vittoria e un cielo sereno dal 2023”, ha detto.

Oleksandr Oleksenko.
Oleksandr Oleksenko. (Dennis Labine per la CNN)

Oleksandr Oleksenko, un lavoratore IT di 26 anni che vive a Kiev, ha detto che non festeggerà il nuovo anno perché la sua ragazza è all’estero, aggiungendo che ha intenzione di “bere del vino e mangiare qualcosa di gustoso”.

“Nel 2023, ovviamente, non mi aspetto che la guerra finisca, ma mi piacerebbe molto. Sono realista e penso che la guerra potrebbe durare altri due anni. Ma vorrei un minimo livello di stabilità e un po’ di pace”, ha detto.

Alena Bogulska.
Alena Bogulska. (Dennis Labine per la CNN)

Alyona Bogulska, una finanziera di 29 anni di Kiev, ha detto che intende festeggiare il nuovo anno con “un bicchiere di champagne e… un panino con caviale rosso”.

“Dal 2023 voglio davvero vincere, e avere anche impressioni più brillanti e nuove emozioni. Mi manca molto. Voglio anche viaggiare, aprire confini. Penso anche alla crescita personale e professionale, perché non bisogna stare fermi. Devo svilupparmi e lavorare per l’interesse del Paese”.

Tatiana Tkachuk.
Tatiana Tkachuk. (Dennis Labine per la CNN)

Tatyana Tkachuk, un’impiegata di una farmacia di 43 anni a Kiev, ha affermato che quest’anno il suo albero di Natale ha simboleggiato la sopravvivenza e la vittoria.

“Quest’anno abbiamo avuto una domanda in famiglia sull’opportunità di prepararsi per il nuovo anno e se montare un albero di Natale. Abbiamo preso una decisione: l’albero di Natale dovrebbe essere in casa. Quest’anno è un simbolo, non che lo sia una piccola vittoria, ma è un simbolo Siamo sopravvissuti tutto l’anno. Ci sono state molte cose spaventose, ma ce ne sono state anche di belle… I bambini nascono, è un buon segno”, ha detto.

“Dal nuovo anno non ci aspettiamo altro che la vittoria. E so per certo che ce ne sarà una. È il desiderio di tutti gli ucraini, e se tutti vogliono qualcosa, accadrà”, ha detto.

READ  Lo storico Niall Ferguson ha messo in guardia gli investitori

“Voglio ringraziare tutti coloro che hanno aiutato l’Ucraina. Abbiamo fatto molti amici. E per capire che abbiamo avuto molte cose buone, sfortunatamente, abbiamo dovuto affrontare cose terribili. Ma molte persone fanno veri miracoli per l’Ucraina. In altri circostanze, non avremmo mai saputo di poterlo fare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.