Aggiornamenti live: la guerra della Russia in Ucraina

Andrey Grigorievich Gurev, CEO di PhosAgro, parla in un’intervista alla conferenza stampa di apertura durante il Campionato mondiale di scacchi il 9 marzo 2018 a Berlino, Germania. (Sebastian Reuter/Getty Images per World Chess)

Martedì, l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha adottato una serie di misure contro le élite russe – inclusi diversi stretti legami con il presidente russo Vladimir Putin – nel suo ultimo tentativo di punire il Cremlino per la guerra in corso in Ucraina.

In una dichiarazione, il Tesoro ha annunciato un nuovo round di sanzioni contro un certo numero di oligarchi, un importante produttore di acciaio e due delle sue filiali, nonché un istituto finanziario accusato di eseguire un’operazione di elusione delle sanzioni e il suo direttore generale.

Separatamente, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha annunciato l’imposizione di sanzioni a tre oligarchi, una società statale russa controllata dal ministero dei Trasporti russo, “quattro persone e un’entità che operano illegalmente sul territorio ucraino in collaborazione con la Russia”, 24 russi entità legate alla difesa e alla tecnologia.

Blinken ha affermato che gli Stati Uniti stanno anche imponendo restrizioni sui visti a 893 funzionari della Federazione Russa e “31 funzionari del governo straniero che hanno lavorato per sostenere la presunta annessione russa della regione della Crimea ucraina, e quindi hanno minacciato o violato la sovranità dell’Ucraina”.

Molte delle designazioni annunciate dagli Stati Uniti prendono di mira gli oligarchi che sono stati precedentemente sanzionati da alleati come Regno Unito, Australia, Canada e Unione Europea. Queste misure arrivano quando la guerra in Ucraina si avvicina al suo sesto anno.

“Mentre gli innocenti soffrono per l’illegale guerra di aggressione della Russia, gli alleati di Putin si sono arricchiti e finanziato stili di vita sontuosi”, ha affermato in una dichiarazione il segretario al Tesoro Janet Yellen. “Il Tesoro utilizzerà ogni strumento a nostra disposizione per garantire che le élite russe e i sostenitori del Cremlino siano ritenuti responsabili della loro complicità in una guerra che è costata molte vite. Innumerevoli vite.”

I pochi approvati martedì dal ministero degli Esteri sono Andrei Igorevich Melnichenko, Alexander Anatolyevich Ponomarenko e Dmitriy Alexandrovich Pompiansky. Il Dipartimento di Stato ha affermato in una scheda informativa che lo yacht Axioma è stato identificato come proprietà vietata e ha un interesse in Pompeianski.

READ  L'incendio di un impianto petrolifero minaccia il fragile sistema elettrico di Cuba

Secondo questa scheda informativa, Ponomarenko “è un’oligarchia con stretti legami con altre oligarchie e la costruzione del palazzo sul mare di Vladimir Putin” precedentemente sanzionata da Regno Unito, Unione Europea, Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Tra i pochi sanzionati dal Tesoro martedì c’era Andrei Grigorievich Gurev, il miliardario russo fondatore dell’azienda chimica PhosAgro ed ex funzionario del governo descritto dal Dipartimento del Tesoro come un “noto partner” di Putin. È anche soggetto alle sanzioni britanniche e, secondo il Tesoro degli Stati Uniti, “possiede Witanhurst, la seconda proprietà più grande di Londra dopo Buckingham Palace”.

Martedì il Tesoro degli Stati Uniti ha designato lo yacht Alfa Nero, che si dice sia di proprietà di AG Guryev, come proprietà vietata.

Un altro stretto alleato di Putin, Alina Maratovna Kabaeva, è stato punito martedì. Kabaeva è un ex membro della Duma di Stato e attuale capo del gruppo mediatico nazionale, “un impero filo-Cremlino di organizzazioni televisive, radiofoniche e di stampa”. Secondo il Tesoro, “è stato anche soggetto a sanzioni da parte dell’Unione Europea e del Regno Unito”.

Martedì è stato sanzionato dagli Stati Uniti anche il figlio di AG Gurev, Andrei Andreevich Guryev, dopo essere stato sanzionato da Australia, Canada, Unione Europea, Svizzera e Regno Unito, nonché dalla sua società di investimento Dzhi AI Invest OOO .

Natalia Valerevna Popova è stata sanzionata “per il suo lavoro o lavoro nel settore tecnologico dell’economia della Federazione Russa e perché era o era un leader, funzionario, alto dirigente o membro del consiglio di amministrazione di LLC VEB Ventures”, che è un ente sanzionato. È stata anche punita per essere la moglie di Kirill Alexandrovich Dmitriev, CEO del Russian Direct Investment Fund. Sia lui che l’RDIF furono puniti nei giorni successivi all’inizio della guerra.

READ  ESCLUSIVO: Come un miliardario russo ha protetto i suoi beni dalle sanzioni europee

La promettente Joint Stock Company of Industry and Infrastructure Technologies, “un istituto finanziario di proprietà dell’Agenzia federale russa per la gestione della proprietà statale”, e il suo direttore generale Anton Sergeevich Urosov sono stati sanzionati martedì in relazione alla presunta elusione delle sanzioni.

Secondo il Tesoro, “il JSC PPIT ha tentato di facilitare l’elusione delle sanzioni contro il Russian Direct Investment Fund (RDIF).”

Il Tesoro ha sanzionato Publichnoe Aktsionernoe Obschestvo Magnitogorskiy Metallurgicheskiy Kombinat (MMK), descritto come “uno dei maggiori produttori di acciaio del mondo”, il suo presidente Viktor Filippovich Rashnikov – che ha anche sanzionato Australia, Canada, Unione Europea, Svizzera e Regno Unito – e due delle sue filiali per MMK.

“MMK è uno dei maggiori contribuenti in Russia e fornisce una significativa fonte di entrate per il governo della Federazione Russa”, ha affermato il Tesoro. L’Agenzia ha concesso un periodo di liquidazione per le transazioni con MMK e una delle sue affiliate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.