Bandire i turisti russi? L’Unione Europea è divisa sulle restrizioni sui visti per i russi ordinari.

Sospensione

Bruxelles – Con i combattimenti in corso nell’Ucraina orientale e in Europa che si preparano a una crisi indotta dalla guerra, ai russi dovrebbe essere permesso di godersi la fine dell’estate nel sud della Francia? Acquistare beni di lusso in Italia? Visitare la famiglia in Finlandia?

Queste domande faranno parte della discussione di questa settimana tra i ministri degli esteri dell’UE riuniti in una riunione informale a Praga. Mentre i paesi dell’Unione Europea erano uniti I voli russi vietati del suo spazio aereo e della sua posizione Più di 1200 persone Nella loro lista delle sanzioni, un divieto generale ai turisti russi si è rivelato più divisivo.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sta spingendo in una direzione. “Lasciali vivere nel loro mondo finché non cambieranno la loro filosofia”, ha detto V Intervista al Washington Post Questo mese. “Questo è l’unico modo per influenzare Putin”.

Aumentano le richieste di vietare i visti dell’UE per i russi, ma non tutti gli ucraini sono d’accordo

Ha il sostegno dei paesi dell’Unione Europea che condividono un confine comune con la Russia – gli stati baltici e la Finlandia – così come della Polonia e della Repubblica Ceca.

Il primo ministro estone Kaja Kallas ha affermato in una e-mail che il divieto di viaggio è “un altro modo per trasmettere il nostro messaggio al popolo russo che il Cremlino deve fermare la sua guerra genocida contro il popolo ucraino”. “Le persone cambiano il loro modo di pensare una volta che i loro privilegi sono stati tagliati e il loro benessere è stato influenzato”.

Ma altri membri dell’Unione Europea, in particolare Germania e Francia, si oppongono con veemenza a questa idea. Dicono che sarebbe ingiusto e imprudente punire tutti i russi per cosa Chiama il cancelliere tedesco Olaf Schultz La guerra di Putin. Sostengono che le restrizioni sui visti potrebbero ridurre il numero in diminuzione delle vie di fuga per i critici e potrebbero intrappolare più persone nella camera dell’eco del Cremlino, portando ad accuse di persecuzione occidentale.

“Rischi di rendere l’UE il cattivo agli occhi dei cittadini russi che potrebbero non sostenere il regime o sostenere la guerra”, ha affermato un diplomatico dell’UE, parlando in condizione di anonimato per discutere in primo piano i colloqui privati. – Fino all’incontro a Praga.

READ  Re Carlo dichiarò re, il funerale della regina il 19 settembre

È improbabile che l’udienza di mercoledì determini chi dovrebbe essere autorizzato a visitare e a quali condizioni. Un secondo diplomatico dell’UE che ha familiarità con la discussione ha affermato che sarebbe un inizio informale della “discussione” e non l’ultima parola su ciò che, se del caso, verrà dopo.

Una possibilità Il compromesso è la sospensione totale dell’accordo di facilitazione del visto del 2007 con la Russia, che renderebbe l’ottenimento di visti turistici più difficile e costoso per i cittadini russi, Secondo i diplomatici.

Sebbene Zelensky abbia suggerito nella sua intervista con Post che le restrizioni di viaggio dovrebbero applicarsi a tutti i russi, compresi gli espatriati, sembra esserci poco sostegno per una tale mossa.

La maggior parte dell’attuale dibattito è incentrato sui visti per soggiorni di breve durata che consentono di viaggiare fino a 90 giorni nell’area Schengen di 26 paesi. Più di 4 milioni di questi visti sono stati rilasciati in Russia nel 2019, prima dello scoppio della pandemia, secondo Numeri UE.

Gli Stati membri stanno discutendo su come mantenere le loro porte aperte agli attivisti per i diritti umani e ai dissidenti, nonché se e come creare eccezioni per gruppi come familiari, studenti e studiosi.

Dall’invasione russa, Repubblica Ceca, Lituania, Lettonia L’Estonia ha smesso di rilasciare visti per soggiorni di breve durata ai cittadini russi. Inoltre, l’Estonia è passata alla Champions Visti per soggiorni di breve durata rilasciati in precedenzaLa Lettonia richiede ai viaggiatori russi che entrano con visti in corso di firmare dichiarazioni di opposizione alla guerra.

Nel frattempo, la Finlandia ha annunciato che ridurrà del 90% il numero di visti rilasciati ai russi dal 1 settembre.

“Non è vero che nello stesso momento in cui la Russia sta conducendo una guerra di aggressione brutale e selvaggia in Europa, i russi possono condurre una vita normale, viaggiare in Europa ed essere turisti. Questo non è vero”, il primo ministro Sanna Marin Per il canale di radiodiffusione pubblica finlandese.

Quest’estate, gli europei hanno ripreso i notiziari di Auto di lusso russe all’aeroporto di Helsinki. Con un divieto diffuso sui voli russi, i russi che volevano andare in vacanza in Europa hanno dovuto viaggiare nei paesi vicini e volare da lì.

READ  I viaggiatori ora possono andare in Giappone, ma i turisti nazionali rimangono al centro dell'attenzione

Ma la Finlandia e gli stati baltici affermano che c’è molto che possono fare da soli per frenare il turismo russo ed evitare che venga utilizzato in modo improprio come via di transito. I funzionari si lamentano del fatto che molti turisti russi vengono con visti per soggiorni di breve durata rilasciati da altri paesi Schengen.

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielus Landsbergis ha scritto: “Dobbiamo dire un chiaro ‘No’ ai passeggeri russi liberi alla frontiera. In un pezzo di opinione per Politico che chiedeva la “solidarietà dei visti” all’interno dell’Unione europea

Come altri che sostengono la limitazione del turismo russo, ha suggerito che i visti dovrebbero rimanere disponibili per motivi umanitari, “lasciando la porta dell’Europa aperta agli attivisti democratici ea coloro che sono perseguitati dai regimi autoritari di Mosca e Minsk”.

Altri leader e funzionari affermano che l’idea di prendere di mira i russi comuni per punire Putin è sbagliata.

Alcuni si chiedono se il divieto al turismo, in effetti, indurrà i russi generali a opporsi alla guerra, per non parlare del governo.

Anna Arutonyan, giornalista e scrittrice russo-americana, ha scritto: “L’idea che costringere i russi a rimanere a casa li farebbe in qualche modo cambiare la politica del Cremlino è dubbia anche se lo stato russo fosse una democrazia, e assolutamente assurda dato che è tutt’altro che .” un Articolo di opinione per il Moscow Times.

“Non ci sono assolutamente prove storiche che la chiusura dei confini spinga le persone a spingere per un cambiamento democratico”, ha affermato. “Ci sono solo prove del contrario”.

In un documento di discussione distribuito prima dell’incontro di questa settimana, Francia e Germania si oppongono a un divieto generale sulla base del fatto che vivere in prima persona la vita nelle democrazie potrebbe avere un “potere di trasformazione” per i russi, secondo l’agenzia di stampa tedesca DPA.

“Le nostre politiche sui visti dovrebbero riflettere questo e continuare a consentire alle persone nell’Unione Europea di comunicare con cittadini russi che non sono associati al governo russo”, ha affermato il quotidiano.

READ  La Svezia fornirà più aiuti militari, compresi i missili anti-nave, all'Ucraina

Dmitry Peskov, un portavoce del Cremlino, ha affermato martedì che il dibattito sui visti dell’UE ha mostrato una “assoluta mancanza di ragione”.

“Si tratta di decisioni molto pericolose che possono essere dirette contro i nostri cittadini”, ha detto, “e non possono rimanere senza risposta”.

Kate Brady a Berlino e Marie Ilyusina a Riga, in Lettonia, hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.