Berlino sta preparando un “enorme lupino” per aiutare a riscaldare le case questo inverno

Berlino (AFP) – La torre color ruggine che sorge da un sito industriale vicino alle sponde del fiume Sprea a Berlino non assomiglia alle eleganti borracce che i tedeschi usano per fare il caffè, ma il loro scopo è simile: fornire un po’ di calore all’interno il giorno, soprattutto quando fuori fa freddo.

Con un’altezza di 45 metri (circa 150 piedi) e una capacità di 56 milioni di litri (14,8 milioni di galloni) di acqua calda, la società di servizi pubblici Vattenfall afferma che la torre aiuterà a riscaldare le case di Berlino questo inverno anche se le forniture di gas russe si esauriranno.

“È un enorme thermos che ci aiuta ad accumulare calore quando non ne abbiamo bisogno”, ha affermato Tanya Willgos, a capo dell’unità di riscaldamento tedesca presso l’azienda svedese. “E poi possiamo lanciarlo quando dobbiamo usarlo.”

Sebbene i sistemi di riscaldamento ad area alimentati a carbone, gas o rifiuti siano in circolazione da più di un secolo, la maggior parte non è progettata per immagazzinare grandi quantità di calore. Invece, bruciano quanti più combustibili fossili possibile, il che contribuisce alle emissioni di gas serra che portano al riscaldamento globale.

Al contrario, la nuova struttura inaugurata giovedì presso la centrale elettrica di Wattenfall Reuter conterrà acqua che raggiunge quasi la temperatura di ebollizione utilizzando l’elettricità proveniente da centrali solari ed eoliche in tutta la Germania. Durante i periodi in cui l’energia rinnovabile supera la domanda, la struttura funziona effettivamente come una gigantesca batteria, sebbene immagazzini calore anziché elettricità.

“A volte hai un’abbondanza di elettricità nelle reti che non puoi più utilizzare, e quindi devi spegnere le turbine eoliche”, ha detto Wilgus. “Ovunque ci troviamo, possiamo assorbire questa elettricità.”

READ  COP27: Il primo ministro britannico Rishi Sunak si è ritirato dal vertice sul clima

L’impianto da 50 milioni di euro (52 milioni di dollari) avrà 200 megawatt di capacità termica, sufficiente per soddisfare la maggior parte del fabbisogno di acqua calda di Berlino durante l’estate e circa il 10% di quella necessaria in inverno. Lo spazioso serbatoio coibentato può mantenere l’acqua calda fino a 13 ore, aiutando a sigillare brevi periodi quando c’è poco vento o sole.

Sarà anche in grado di utilizzare altre fonti di calore, come quella estratta dalle acque reflue, ha affermato Wilgus. Anche se sarà il più grande impianto di accumulo di calore in Europa una volta completato alla fine di quest’anno, nei Paesi Bassi è già in programma un impianto più grande.

Il principale funzionario per il clima di Berlino, Bettina Garach, ha affermato che più velocemente vengono costruiti sistemi di accumulo di calore, meglio è.

“A causa della sua posizione geografica, la regione di Berlino è più dipendente dai combustibili fossili russi rispetto ad altre parti della Germania”, ha detto all’Associated Press. “Ecco perché abbiamo davvero fretta qui.”

“La guerra in Ucraina e la crisi energetica ci hanno insegnato che dobbiamo essere più veloci”, ha detto Garach.

“Prima di tutto, diventare climaticamente neutrali”, ha detto. “E secondo, diventare indipendenti[dalle importazioni di energia]”.

I dati pubblicati giovedì dall’associazione tedesca del settore dei servizi pubblici BDEW mostrano che gli sforzi per ridurre l’uso del gas naturale stanno avendo un effetto.

Il consumo di gas è diminuito del 14,3% nei primi cinque mesi di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2021.

Parte del calo è dovuto al clima più mite, ma il gruppo industriale ha affermato che anche tenendo conto delle temperature più calde, si è verificato un calo significativo attribuibile alle difficili condizioni economiche, alle richieste del governo tedesco per il risparmio energetico e agli sforzi personali degli individui.

READ  Biden conclude frettolosamente la sua conferenza stampa mentre i giornalisti gridano domande: "Sono qui fuori"

Wilgus si è detta fiduciosa che i clienti di Wattenfall non si sarebbero raffreddati questo inverno, nonostante l’incombente pressione del gas dalla Russia mentre Mosca risponde alle sanzioni occidentali riducendo il flusso di gas attraverso i principali gasdotti..

“I consumatori in Germania sono ben protetti”, ha affermato. Quindi sicuramente non soffriranno di alcuna carenza. Ma ovviamente facciamo appello a tutti perché inizino davvero a risparmiare energia”.

“Ogni kilowattora che forniamo è vantaggioso per il Paese”, ha aggiunto.

___

Segui la copertura meteorologica dell’Associated Press su https://apnews.com/hub/climate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.