Blinken, il cinese Wang Yi ha colloqui sulla guerra e sul commercio in Ucraina

NUSA DUA, Indonesia, 9 luglio (Reuters) – Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha dichiarato sabato di aver discusso dell’aggressione russa in Ucraina durante più di cinque ore di colloqui con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi in cui ha espresso preoccupazione per la posizione di Pechino con Mosca . .

Descrivendo “franchi” i loro primi colloqui personali da ottobre, i due diplomatici hanno convocato l’incontro il giorno dopo aver partecipato a un incontro dei ministri degli esteri del G20 nell’isola indonesiana di Bali.

“Ho condiviso ancora una volta con il Consigliere di Stato che siamo preoccupati per l’allineamento della Repubblica popolare cinese con la Russia”, ha detto Blinken in una conferenza stampa dopo i colloqui, riferendosi alla Repubblica popolare cinese. Ha detto di non credere che la Cina agisse in modo neutrale perché aveva sostenuto la Russia alle Nazioni Unite e “la propaganda russa è stata amplificata”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Blinken ha detto che il presidente cinese Xi Jinping ha chiarito in una telefonata con il presidente Vladimir Putin il 13 giugno che si attiene alla decisione di formare una partnership con la Russia.

Poco prima dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, Pechino e Mosca hanno annunciato una partnership “senza confini”, anche se i funzionari statunitensi affermano di non aver visto la Cina eludere le dure sanzioni guidate dagli Stati Uniti contro la Russia o fornirle equipaggiamento militare.

Funzionari statunitensi hanno avvertito delle conseguenze, comprese le sanzioni, se la Cina fornirà supporto materiale alla guerra, che Mosca definisce una “operazione militare speciale” per indebolire l’esercito ucraino. Kiev e i suoi alleati occidentali affermano che l’invasione è stata un’ingiustificata presa di terra.

READ  Shanghai estenderà il blocco di 26 milioni di persone per rivedere i risultati dei test COVID

Alla domanda sul suo rifiuto di tenere colloqui con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov al G-20, Blinkin ha dichiarato: “Il problema è: non vediamo alcuna indicazione che la Russia, in questo momento, sia pronta a impegnarsi in una diplomazia significativa. “

Wang ha avuto un approfondito scambio di opinioni sulla “questione ucraina” durante i colloqui di sabato, secondo una dichiarazione rilasciata dal suo ministero, senza approfondire.

Ha anche detto a Blinken che la direzione delle relazioni USA-Cina rischia di essere ulteriormente “sviata” a causa di un problema con la percezione della Cina da parte degli Stati Uniti.

“Molte persone credono che gli Stati Uniti stiano vivendo un attacco sempre più grave di ‘sinofobia’”, avrebbe detto Wang.

Wang ha anche affermato che Washington dovrebbe annullare le tariffe aggiuntive sulla Cina il prima possibile e fermare le sanzioni unilaterali contro le società cinesi.

Funzionari statunitensi avevano affermato prima dei colloqui che l’incontro aveva lo scopo di mantenere stabili le difficili relazioni USA-Cina e impedire che si trasformassero inavvertitamente in un conflitto. Leggi di più

“In futuro, gli Stati Uniti vogliono che i nostri canali di comunicazione con Pechino rimangano aperti”, ha affermato Blinken.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha dichiarato a fine giugno che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping dovrebbero parlare di nuovo nelle prossime settimane. Leggi di più

Daniel Russell, un alto diplomatico statunitense dell’Asia orientale sotto l’ex presidente Barack Obama che ha stretti contatti con i funzionari dell’amministrazione Biden, ha affermato prima dei colloqui che l’obiettivo principale dell’incontro sarebbe quello di esplorare la possibilità di un incontro personale tra Biden e . Xi, il loro primo leader, era probabilmente a margine del vertice del G20 a Bali a novembre.

READ  Un'ondata di caldo sta bruciando l'Europa. Emissione di avvertenze sanitarie

Gli Stati Uniti descrivono la Cina come il suo principale rivale strategico e temono che un giorno possa tentare di ottenere il controllo dell’isola democratica e autogovernata di Taiwan, proprio come la Russia ha attaccato l’Ucraina.

Nonostante la loro rivalità, le due maggiori economie del mondo rimangono i principali partner commerciali e Biden sta valutando la possibilità di eliminare le tariffe su una gamma di prodotti cinesi per frenare l’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti in vista delle elezioni di medio termine di novembre, con un occhio al controllo del Congresso. Leggi di più

(Questa storia corregge il paragrafo 14 per chiarire che il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan stava parlando a giugno, non Blinken, che ha detto che Biden e Xi si aspettano di parlare di nuovo nelle prossime settimane)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Report David Bronstrom Stanley Widianto) Ulteriore segnalazione di Ryan Wu a Pechino. Scritto da Ed Davies. Montaggio di Christian Schmolinger, Robert Percell, William Mallard e Christina Fincher

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.