“Ci sarà un altro tsunami?”: Tonga nel limbo a un anno dall’eruzione | Tonga

Quando Eleni Via, 67 anni, viveva sull’isola di Atata, la sua famiglia era in grado di sopravvivere sulla terra e sul mare, sopravvivendo con i raccolti coltivati ​​nel loro orto e frutti di mare freschi dall’oceano.

Ma nell’ultimo anno, la vita è cambiata radicalmente. Ora stanno lottando in una nuova casa, cercando di coltivare una terra che non è fertile come dovrebbe essere. Per la prima volta nella sua vita, Fia deve pensare a come pagare la bolletta dell’acqua e dell’elettricità, sbarcando il lunario. Ad Atata possono contare sulla pesca per provvedere ai beni di prima necessità e al reddito. Nella sua nuova casa sull’isola principale del paese, Tongatapu, si sveglia ogni giorno chiedendosi come provvederà alla sua famiglia.

Come molti tongani, la vita di Via è stata sconvolta il 15 gennaio 2022, quando è esploso il vulcano Hong Tongan – Hong Haapai. Le immagini satellitari che mostrano la sorprendente portata dell’eruzione sono state trasmesse in tutto il mondo, ma quando gli occhi del mondo si sono rivolti a Tonga, il paese è scomparso. I danni al cavo sottomarino che alimenta Internet di Tonga e gran parte della sua infrastruttura di telecomunicazioni hanno fatto sì che per giorni l’entità del disastro fosse sconosciuta.

Quando finalmente il governo è riuscito a rilasciare una dichiarazione, la notizia è stata devastante: l’esplosione ha innescato uno tsunami che ha sommerso diverse isole del Paese. L’84% della popolazione di Tonga è stata colpita dallo tsunami o dalla cenere vulcanica.

I residenti che hanno perso la casa sono stati trasferiti sull’isola principale di Tongatapu. Il governo lo ha descritto come un “disastro senza precedenti”. La Banca Mondiale ha stimato il costo in 90,4 milioni di dollari – pari al 18,5% del PIL di Tonga – e la maggior parte di questo costo deriva dal reinsediamento e dalla ricostruzione dei villaggi colpiti dallo tsunami.

Eleni Via con suo marito Ma'uhe'ofa Via e la nipote Tu'aloa fuori dalla loro nuova casa a Masilamea, Tongatapu.
Eleni Via con suo marito Ma’uhe’ofa Via e la nipote Tu’aloa fuori dalla loro nuova casa a Masilamea, Tongatapu. Fotografia: Israele Misaki Taukolo/The Guardian

Atata è stato tra i più colpiti. Il danno all’isola è stato descritto dalla New Zealand Defence Force come “catastrofico” e una valutazione delle Nazioni Unite ha rilevato che dozzine di strutture erano state danneggiate mentre l’intera isola era ricoperta di cenere.

Un anno dopo, Via, insieme a suo marito, Ma’uhe’ofa Via, e sua nipote, Tu’aloa, lasciarono finalmente la casa dei parenti con cui stavano dallo tsunami e si trasferirono in un nuovo insediamento a Masilamea. villaggio di Tongatapu.

“Siamo così felici di esserci stabiliti qui. La nostra casa sulla nostra isola è stata distrutta. Siamo grati a [what] Via dice.

La casa ha una camera da letto, un bagno, un gabinetto e una veranda dove si mangia tutto il cibo e si cuoce sul fuoco all’aperto. Hanno pochi utensili e stoviglie. Desiderava una cucina per preparare il cibo e un posto dove conservare.

Gli alloggi rimangono un problema in tutto il paese, dopo che molte case sono state danneggiate o distrutte dallo tsunami.

Dall’altra parte dell’isola, nel villaggio di Batangata, vive Moses Sekolo Maffei, 61 anni. La sua famiglia vive di fronte al mare e ha assistito in prima persona alla devastazione lasciata dallo tsunami.

Nonostante la diffusa distruzione, nella sua comunità sono state costruite solo sei nuove case. Il governo ha promesso dieci persone, ma anche questo non basterà, secondo Maffei.

Al giorno d’oggi, ci sono molte case che devono essere ricostruite. Il problema è che non c’è una distribuzione equa e i sondaggi che vengono fatti non riflettono la realtà delle condizioni di vita».

La casa di Musa Sikulumavi nel villaggio di Batangata è stata danneggiata dallo tsunami.
La casa di Musa Sikulumavi nel villaggio di Batangata è stata danneggiata dallo tsunami. Fotografia: Israele Misaki Taukolo/The Guardian

Si suggerisce che per proteggere le persone da un altro tsunami, la battigia dovrebbe essere costruita più in alto e fornire un’altra uscita di emergenza.

“In questo momento l’unica via d’uscita da Batangata è la Ocean Road e speriamo di avere una strada secondaria che ci porti direttamente nell’entroterra in caso di future emergenze da tsunami”.

Maffy è comunque grato: la sua famiglia ha ancora a disposizione l’oceano, che produce il pesce e i frutti di mare che vendono sul ciglio della strada. Nonostante la devastazione, nessun membro della sua comunità è rimasto ucciso nello tsunami.

“Sono altrettanto grato per quello che è successo durante il giorno come se fosse successo di notte, ci sarebbero state molte più morti infantili”, dice.

“Abbiamo perso tutto. Non credo che nessuno sia sopravvissuto all’ira dello tsunami”.

Pochi possono sfuggire ai suoi ricordi. L’ultima volta che c’è stato un terremoto, dice Maffei, è suonata la sirena nazionale dello tsunami e tutti sono corsi dentro.

Molti bambini sono stati particolarmente colpiti. La nipote di Fia ha solo cinque anni, ma vive nella paura che uno tsunami possa colpire di nuovo da un momento all’altro.

“Quando si verificano fulmini e tuoni, o quando ci sono forti venti e forti piogge, ti rivolgi a me, ‘Ci sarà un altro tsunami?'” “Le dico: no. È solo pioggia e vento forte.”

Nel frattempo, dice Villa, “riponiamo di nuovo la nostra fiducia in Dio”.

READ  Le tensioni aumentano nel nord del Kosovo e la Serbia mette in allerta l'esercito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.