Ci saranno elezioni generali in Gran Bretagna?


Londra
CNN

Il Dimissioni Liz Truss giovedì dopo a Sei settimane Il Consiglio dei Ministri ha dato il via alla corsa per diventare il prossimo leader del Partito Conservatore.

Il nuovo leader, che è diventato capo del più grande partito alla Camera dei Comuni e primo ministro britannico, dovrebbe essere annunciato venerdì 28 ottobre, secondo il funzionario del Partito conservatore responsabile del processo.

Il partito laburista di opposizione, i cui sondaggi avevano ottenuto una vittoria schiacciante, ha immediatamente chiesto elezioni generali anticipate.

“Dopo 12 anni di fallimento conservatore, il popolo britannico merita molto di meglio di questa porta girevole del caos”, ha detto il leader del partito Keir Starmer dopo le dimissioni di Truss. “Abbiamo bisogno di elezioni generali ora”.

Ma una nuova elezione è incerta, anche se la Gran Bretagna si prepara per il suo quinto leader in poco più di sei anni.

Invece, il Partito conservatore è sul punto di scegliere il suo terzo leader dalle ultime elezioni generali del 2019.

Mentre quello L’ultima elezione per la guida del Partito conservatore Ci sono voluti quasi due mesi – più di quanto Truss avrebbe speso come primo ministro – il mese successivo sarebbe stato veloce.

Graham Brady, presidente della commissione 1922, in rappresentanza dei membri conservatori del parlamento, ha annunciato che il nuovo leader sarebbe stato scelto venerdì prossimo.

Brady ha detto che i candidati per sostituire Truss avrebbero bisogno di almeno 100 candidature da parlamentari conservatori. La richiesta di 100 approvazioni per avanzare effettivamente nella corsa restringe il campo dei potenziali candidati a un massimo di tre.

READ  La Russia ha dichiarato alle Nazioni Unite che l'Occidente potrebbe scatenare una guerra nucleare sull'Ucraina

Se emergesse un solo candidato, ha detto Brady, potrebbe esserci un nuovo leader del partito e primo ministro entro lunedì.

Ma se più di un candidato supera quella soglia, verrà inserito nel partito in un rapido scrutinio online, con un nuovo primo ministro che sarà annunciato venerdì prossimo.

Il concorso si concluderà in tempo per una decisiva dichiarazione economica del cancelliere britannico, prevista per il 31 ottobre.

“I conservatori non possono rispondere al caos recente semplicemente toccandosi le dita ancora una volta e trascinando le persone in cima senza il consenso del popolo britannico”, ha detto Starmer in una dichiarazione giovedì.

Tuttavia, il popolo britannico potrebbe avere ancora due anni da aspettare prima di poter dare il proprio consenso alle prossime elezioni generali.

Il leader laburista Keir Starmer sta guidando le richieste di elezioni generali.

Finché il governo può ottenere la fiducia della Camera dei Comuni, può decidere quando indire le elezioni. Nonostante tutte le loro turbolenze, i conservatori hanno una sana maggioranza di 71 lavoratori in parlamento ed è improbabile che i loro parlamentari scelgano volontariamente un’elezione che potrebbe portare loro a perdere il lavoro.

Al momento, i conservatori sono in ritardo rispetto ai laburisti nei sondaggi di opinione di livelli quasi storici, suggerendo una quasi cancellazione del partito.

Sebbene molti legislatori conservatori abbiano espresso disperazione per lo stato del loro partito, resta da vedere se un numero sufficiente di loro si unirà ai laburisti in un potenziale voto per le elezioni generali, perché molti di questi parlamentari conservatori voteranno effettivamente per non esercitare la professione.

Il prossimo sondaggio a livello nazionale non deve essere condotto al massimo fino a gennaio 2025 e generalmente dovrebbe svolgersi a metà del 2024, che è il periodo dell’anno in cui si tengono solitamente le elezioni generali in Gran Bretagna.

READ  La Cina amplia le restrizioni COVID e le interruzioni delle fabbriche Apple si aggiungono alle preoccupazioni economiche

Il governo ha bisogno che il Parlamento dia il via libera ai piani per un nuovo voto e, una volta che ciò accadrà, inizierà un periodo di campagna di sei settimane.

Ma la questione delle elezioni generali dominerà sicuramente la politica britannica e ostacolerà il nuovo primo ministro, visto il turbine di cambiamenti al centro del governo dall’ultimo voto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.