Cinque pianeti si allineano nel cielo a giugno. Ecco come guardarlo.

Cinque pianeti si stanno spostando verso un raro allineamento, che sarà visibile dalla Terra questa settimana. Mercoledì, venerdì, martedì, giovedì e sabato sono in fila – in quest’ordine – per la prima volta da dicembre 2004. Venerdì 24 giugno l’evento è stato molto noto alle stelle.

Sebbene sia comune vedere tre pianeti fondersi insieme, è raro vederne cinque Cielo e telescopio. I pianeti si allineano in un ordine naturale rispetto al sole, che è anche significativo, secondo una rivista scientifica pubblicata dall’American Astronomical Society.

I cinque pianeti conosciuti come “gli occhi nudi” erano visibili il 3 e 4 giugno e la sequenza poteva essere vista attraverso un telescopio, ma solo circa mezz’ora prima del bagliore di Mercurio verso il sole.

pr-giugno24-con-eclittica-rev1-900px-hi.jpg
Sky & Telescope afferma che il 24 giugno è il momento migliore per vedere i pianeti allinearsi 45 minuti prima dell’alba. Dovrebbe essere visibile all’orizzonte orientale.

Cielo e telescopio


Ma il 24 giugno la vista sarà ottimale. Con l’aumento della distanza tra Mercurio e Saturno, Mercurio diventa più facile da rilevare, quindi sta gradualmente diventando più facile vedere tutti e cinque i pianeti, ha detto l’editore di osservazione Sky & Telescope Diana Hanniginen via e-mail a CBS News.

Hanniginen ha detto che il cielo mattutino del 24 “darebbe una visione felice” poiché la falce di luna calante si unirebbe alla processione tra Venere e Marte.

I pianeti dovrebbero essere conosciuti nei giorni a venire prima di questo. Sky & Telescope afferma che il 24 giugno è il momento migliore per vedere la coda 45 minuti prima dell’alba. Dovrebbe essere visibile all’orizzonte orientale.

Quattro pianeti ad occhio nudo si sono allineati negli ultimi mesi. Secondo la NASA. Ma nei prossimi mesi i pianeti Saturno, Marte, Giove e Venere si diffonderanno. A settembre, Venere e Saturno non sono visibili alla maggior parte degli spettatori.

Un altro evento astronomico sarà visibile a giugno: l’ammasso stellare globale M13, una raccolta di stelle sferiche fitte. M13, noto anche come ammasso di Ercole, contiene migliaia di stelle che si pensa abbiano circa 12 miliardi di anni, quasi l’età dell’universo, afferma la NASA.

READ  Manifestanti bancari attaccati da folle in borghese nella provincia cinese di Henan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.