Classifica classica 2022 Rocket Mortgage, voti: Tony Finau domina per la seconda vittoria consecutiva

Dall’inizio del Rockets Mortgage Classic del 2022, ogni pensiero sulla performance dei postumi di una sbornia di Tony Fina è stato accantonato. L’americano, che ha vinto il 3M Open della scorsa settimana in modo convincente, è tornato al Detroit Golf Club, firmando round di 64-66-65-67 in rotta verso la sua quarta vittoria al PGA Tour e la terza in meno di un anno. .

Nonostante sia diventato il primo giocatore dai tempi di Brendan Todd nel 2019 a vincere settimane consecutive nella stagione regolare, le due vittorie non avrebbero potuto essere più diverse. Il beneficiario di una crisi di Scott Pearcy al TPC Twin Cities, la carica di nove difensori di Fina e un po’ di fortuna sono stati sufficienti per spingerlo a 26 sotto nella cerchia dei vincitori in Minnesota.

Non c’è stata fortuna nella sua esibizione da record a Detroit. Ogni aspetto del suo gioco stava sparando su tutti i cilindri e non è stato fino all’undicesima buca di domenica che la speranza della Presidents Cup ha cardato il suo primo spauracchio della settimana. Terminando 64 buche senza perdere un tiro, la mano ferma di Finau ha soffocato il campo poiché gli errori dei suoi rivali sono stati amplificati di dieci.

È concepibile suggerire che una versione precedente di Fina avrebbe sentito il calore di iniziare un round finale di un branco di inseguitori con artisti del calibro di Patrick Cantlay e Cameron Young. Come abbiamo visto con Xander Schauffele all’inizio di quest’estate, è incredibile come solo un paio di settimane possano cambiare la nostra opinione su un giocatore.

READ  La Russia ha attaccato la regione di Kiev per la prima volta in poche settimane

Molti hanno aspettato che Finau trovasse il suo pieno potenziale e potrebbe compiere 26 anni questa settimana. Quando arriva al green, rende il gioco facile e privo di stress come chiunque altro in tour.

La gioventù è il nome del gioco in questi giorni. Ogni stagione un volto nuovo e fresco entra in scena e non c’è traccia di nervosismo sul palcoscenico più grande del golf. Scottie Scheffler, Collin Morikawa, Will Zalatoris e Cameron Young, solo per citarne alcuni, e questo rende la finestra per quelli dalla parte sbagliata dei 30 molto corta.

Mentre la sua vittoria al Rocket Mortgage Classic ha segnato la fine della sua stagione regolare 2021-22, ha anche segnato l’inizio del prossimo capitolo della carriera di Finau. Una carriera da vincente. Una corsa ai playoff come quella dell’anno scorso di Cantlay è stata cancellata la scorsa settimana, ma perché fermarsi qui? Le sue due vittorie sono arrivate in due dei campi più deboli del 2022, ma data la sua capacità di essere all’altezza dell’occasione nei campionati più importanti, c’è da chiedersi se Finau possa ottenere questo slancio nel 2023 e minacciare seriamente una certa giacca verde ad aprile. Grado: A+

Ecco una ripartizione delle classifiche rimanenti per il Rocket Mortgage Classic 2022

T2. Taylor Pendrith (-21): Sfortunatamente per il debuttante di 31 anni, domenica c’erano i nervi presto e spesso. Mai a suo agio nel round finale, Pentrith non è stato in grado di convertire le possibilità di birdie su nessuno dei par 5 ed è andato per il par. Spingendo Finau indietro di due passi, il pilota ha tradito il canadese. Alla sua terza partenza da quando è tornato da un infortunio alla costola, Pendrith ha impressionato e ha ottenuto il suo quarto posto consecutivo nella top-15 che ha portato al The Players Championship. Ha ridotto queste corse più brevi nella sua campagna da matricola e 7.200 yard in avanti dovrebbero sempre essere considerate in quei punti. Grado: A

T2. Patrick Cantlay (-21): Una delle grandi sorprese della stagione è che Cantlay è senza un successo da solista. È stato lento fuori dai cancelli con il 2-under 70 di giovedì per iniziare l’ultimo round appena dietro Pentrith e Fina. Tuttavia, la sua esibizione al Rockets Mortgage Classic ha segnato un’altra chiamata ravvicinata come giocatore in carica del PGA Tour. Ha 10-10 piazzamenti quest’anno – due delle quali sconfitte ai playoff – in sole 16 partenze. Si dirige ai playoff della FedEx Cup cercando di difendere la sua corona, ma dovrà ricreare la magia post-stagione dell’anno scorso per catturare il più grande giorno di paga dell’anno al Tour Championship. Grado: A-

T2. Cameron Young (-21): Il PGA Tour Rookie of the Year era in una posizione familiare domenica. Seguendo i due co-leader di quattro colpi, Young non è riuscito a eguagliare il suo ultimo round all’Open, invece si è fermato per la maggior parte del suo round, firmando infine per un 4-under 68. Anche se non poteva minacciare il comando, ancora una volta si è giocato in prima pagina della classifica, come ha fatto in modo accattivante durante la sua stagione da rookie. In totale, ora ha sette podi e la saggezza convenzionale suggerisce che una vittoria rivoluzionaria è proprio dietro l’angolo. Grado: A-

T20. Will Salatoris (-13): Jalatoris trascorre un’altra settimana senza la sua prima vittoria nel PGA Tour. Dopo aver firmato round di 70-71 e aver effettuato il taglio, il prodotto Wake Forest ha trovato il suo gioco durante il fine settimana ed è salito tra i primi 20 grazie ai round di 69-65. Allo stato attuale, Jalatoris dovrebbe giocare nel Windham Championship e forse un ritorno nello stato della Carolina del Nord lo spingerà nella cerchia dei vincitori. Si colloca al di fuori dei primi 50 in entrambe le metriche di gioco corto, quindi ha bisogno di migliorare sopra e intorno al green. Grado: B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.