Colloqui per rilanciare l’accordo nucleare con l’Iran e far uscire il “testo finale”

Dubai, Emirati Arabi Uniti — I diplomatici hanno affermato che i colloqui per rilanciare l’accordo nucleare infranto tra Teheran e le potenze mondiali a Vienna si sono conclusi lunedì dopo che le parti hanno finalizzato il testo finale e i principali negoziatori si sono preparati a consultare le loro capitali.

Dopo 16 mesi di negoziati indiretti intermittenti per ripristinare l’accordo, il capo degli affari esteri dell’Unione europea, Josep Borrell, ha indicato che non c’era più spazio per negoziare sulla bozza ora sul tavolo.

Ha osservato che la decisione finale sull’opportunità di ripristinare il più importante Trattato di non proliferazione nucleare dell’ultimo quarto di secolo spetta ai governi iraniano e statunitense. L’accordo nucleare del 2015 ha concesso all’Iran lo sgravio delle sanzioni in cambio di restrizioni più severe al suo programma nucleare.

“Ciò che può essere negoziato è stato negoziato ed è ora in un testo finale”, ha scritto Borrell su Twitter. “Tuttavia, dietro ogni questione tecnica e ogni paragrafo si cela una decisione politica da prendere nelle capitali”.

Le sfide principali per concludere l’accordo rimangono. Funzionari europei hanno esortato l’Iran durante il fine settimana a ritirare le sue “richieste irrealistiche” al di fuori dell’ambito dell’accordo originale, comprese le indagini dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica sul materiale nucleare non dichiarato del paese.

L’agenzia di stampa della Repubblica islamica iraniana (IRNA) ha riferito che il capo negoziatore iraniano Ali Bagheri Kani tornerà presto a Teheran per consultazioni politiche. Il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei presiede il vertice della teocrazia iraniana, che avrà l’ultima parola su qualsiasi accordo.

Gli Stati Uniti, che hanno abbandonato l’accordo nucleare originale quattro anni fa sotto l’ex presidente Donald Trump, hanno descritto la bozza proposta come “la migliore e unica base su cui è possibile raggiungere un accordo”.

READ  Wordle 380 Jul 4 Suggerimenti giornalieri: non riesci a risolvere Wordle oggi? TRE INDIZI PER AIUTARE A RISPONDERE | giochi | intrattenimento

“Da parte nostra, la nostra posizione è chiara: siamo pronti a concludere rapidamente un accordo sulla base delle proposte dell’Unione europea”, ha affermato il ministero degli Esteri, rilevando che il ripristino dell’accordo spetta all’Iran.

Il portavoce ha aggiunto: “Loro (l’Iran) affermano ripetutamente di essere pronti a tornare all’attuazione reciproca”. “Vediamo se le loro azioni corrispondono alle loro parole.”

Da parte sua, l’Iran è apparso cauto, sollevando dubbi sulle possibilità di una svolta dopo mesi di stallo.

“È naturale che i casi richiedano uno studio completo”, ha affermato l’agenzia di stampa ufficiale IRNA, citando un alto funzionario del ministero degli Esteri iraniano. “Trasmetteremo le nostre opinioni e punti complementari”.

Ma i diplomatici occidentali hanno avvertito che il tempo sta finendo con il programma nucleare iraniano che avanza rapidamente sotto il declino del controllo internazionale. Sono anche preoccupati per l’avvicinarsi del medio termine elezioneNegli Stati Uniti può conferire potere ai repubblicani che si oppongono all’accordo.

Non era chiaro per quanto tempo sarebbero proseguite le consultazioni politiche sul progetto di testo.

Ma Borrell ha detto: “Se quelle risposte sono positive, possiamo firmare questo accordo”.

———

Gli scrittori dell’Associated Press Nasser Karimi a Teheran e in Iran e Elaine Knekmeyer a Washington.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.