Decine di feriti e stazioni di polizia continuano mentre continuano le proteste in Perù | Perù

Decine di peruviani sono rimasti feriti quando la tensione è divampata di nuovo venerdì notte mentre la polizia si è scontrata con i manifestanti durante le manifestazioni antigovernative che si stanno diffondendo in tutto il paese.

E le riprese televisive hanno mostrato nella capitale, Lima, che gli agenti di polizia hanno usato gas lacrimogeni per respingere i manifestanti che lanciavano bottiglie e pietre, mentre nelle strade divampavano gli incendi.

Nella regione meridionale di Puno, circa 1.500 manifestanti hanno attaccato una stazione di polizia nella città di Elaf, ha detto il ministro dell’Interno Vicente Romero. Ha detto che una stazione di polizia a Zebeta, Puno, ha preso fuoco.

Le autorità sanitarie di Elaf hanno riferito che otto pazienti sono stati ricoverati in ospedale con ferite, tra cui braccia e gambe rotte, contusioni agli occhi e un addome perforato.

Nel tardo pomeriggio, 58 persone sono rimaste ferite in tutto il paese durante le manifestazioni, secondo un rapporto del difensore civico del Perù.

La gente si riunisce per protestare contro il governo a Lima venerdì.
La gente si riunisce per protestare contro il governo a Lima venerdì. Foto: Agenzia Anadolu/Getty Images

Seguirono guai Giovedì giornata travagliataquando uno degli edifici più storici di Lima è stato raso al suolo, con la presidente Dina Boulwart che ha promesso di diventare più dura con i “vandali”.

I funzionari hanno descritto la distruzione dell’edificio, un palazzo quasi centenario nel centro di Lima, come la perdita di un “enorme bene”. Le autorità stanno indagando sui motivi.

Romero ha affermato venerdì che l’incendio è stato “debitamente pianificato e organizzato”.

Migliaia di manifestanti sono scesi a Lima questa settimana chiedendo cambiamenti e arrabbiati per l’aumento del bilancio delle vittime delle proteste, che ha ufficialmente raggiunto quota 45 venerdì.

All’inizio delle proteste di venerdì, i manifestanti sono apparsi più organizzati rispetto al giorno prima e hanno preso il controllo delle strade principali del centro di Lima.

La polizia è apparsa più combattiva rispetto al giorno prima e dopo aver fatto la guardia ai manifestanti bloccati per le vie del centro cittadino, ha iniziato a sparare raffiche di lacrimogeni.

I vigili del fuoco lavorano fuori da un palazzo storico distrutto da un incendio durante le proteste nel centro di Lima.
I vigili del fuoco lavorano fuori da un palazzo storico distrutto da un incendio durante le proteste nel centro di Lima. Foto: Paulo Aguilar/EPA

Il Perù è stato scosso dalle proteste da quando Pedro Castillo è stato estromesso da presidente a dicembre dopo aver tentato di sciogliere la legislatura per impedire un voto di impeachment.

Bulwart ha respinto le richieste di dimettersi e di tenere elezioni anticipate, chiedendo invece il dialogo e promettendo di punire le persone coinvolte nei disordini.

Nella regione di Cusco, la principale miniera di rame dell’Antapaccay di Glencore ha sospeso le operazioni venerdì dopo che i manifestanti hanno attaccato l’edificio – uno dei più grandi del paese – per la terza volta questo mese.

Con Reuters e Associated Press

READ  I ministri della difesa Usa e cinese restano fermi su Taiwan nel primo incontro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.