Dopo la perdita di Luhansk, le forze ucraine si sono riunite per difendere Donetsk

  • La città di Lysychansk “non esiste più” – residente
  • Putin ottiene la più grande vittoria nella guerra di cinque mesi
  • Donetsk prossima battaglia
  • L’Ucraina spera in un contrattacco meridionale

Kiev (Reuters) – Le forze russe hanno messo gli occhi sui loro prossimi obiettivi nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale, dopo che il presidente Vladimir Putin ha dichiarato la vittoria nella vicina provincia di Luhansk e la guerra di cinque mesi è entrata in una nuova fase.

La cattura di Lyschansk domenica ha completato l’invasione russa di Luhansk, una delle due regioni del Donbass, la regione industriale orientale dell’Ucraina che è diventata il luogo della più grande battaglia d’Europa da generazioni.

Entrambe le parti subirono pesanti perdite nei combattimenti per Luhansk, in particolare durante l’assedio delle città gemelle di Lyschansk e Severodonetsk. Entrambe le città sono state devastate dagli incessanti bombardamenti russi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“La città non esiste più”, ha detto Nina, una giovane madre che è fuggita da Lyschansk per cercare rifugio nella città centrale di Dnipro.

“È stato praticamente spazzato via dalla faccia della terra. Non c’è un centro di distribuzione umanitaria, è stato bombardato. L’edificio che ospitava il centro non esiste più. Proprio come molte delle nostre case”.

Martedì, le forze ucraine hanno preso nuove linee difensive a Donetsk, dove controllano ancora le principali città, mentre Putin ha chiesto alle sue forze di “riposare completamente e ripristinare la loro prontezza militare”, mentre le unità in altre regioni continuano a combattere.

Le forze russe hanno bombardato le città di Sloviansk e Kramatorsk durante la notte, secondo Pavlo Kirilenko, governatore di Donetsk.

READ  Cosa è successo il 108° giorno di guerra in Ucraina

“Ora sono anche la principale linea offensiva del nemico”, ha detto delle città. “Non c’è posto sicuro senza bombardamenti nella regione di Donetsk”.

Dall’inizio del conflitto, la Russia ha chiesto all’Ucraina di consegnare sia Luhansk che Donetsk ai separatisti filo-Mosca, che hanno dichiarato stati indipendenti.

“Questa è l’ultima vittoria della Russia sul suolo ucraino”, ha detto in un video pubblicato su Internet Oleksiy Aristovich, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky.

“Queste erano città di medie dimensioni. Ci sono voluti dal 4 aprile al 4 luglio – 90 giorni. Molte perdite”.

Oltre alla battaglia di Donetsk, ha detto Aristovich, l’Ucraina sperava di lanciare contrattacchi nel sud del Paese.

“La cattura delle città a est significa che il 60% delle forze russe è ora concentrato a est ed è difficile reindirizzarle a sud”, ha affermato.

“E non c’erano più truppe che potevano essere portate dalla Russia. Hanno pagato un prezzo pesante a Severodonetsk e Lyschansk”.

Alcuni esperti militari hanno ritenuto che la vittoria duramente conquistata abbia portato alle forze russe pochi guadagni strategici e l’esito della cosiddetta “battaglia del Donbass” è rimasto in bilico.

“Penso che sia una vittoria tattica per la Russia, ma a un costo enorme”, ha detto Neil Melvin del think-tank RUSI a Londra. Confronta la battaglia con le massicce battaglie per i magri guadagni territoriali che hanno segnato la prima guerra mondiale.

“Ci sono voluti 60 giorni per fare progressi molto lenti”, ha detto. “I russi possono dichiarare una sorta di vittoria, ma la principale battaglia bellica deve ancora venire”.

Melvin ha affermato che la battaglia decisiva per il controllo dell’Ucraina probabilmente non avrà luogo a est, dove la Russia sta lanciando la sua offensiva principale, ma a sud, dove l’Ucraina ha lanciato un contrattacco per rivendicare il territorio.

READ  L'incapacità della Russia di sconfiggere Kiev è stata una sconfitta per secoli

“È qui che vediamo gli ucraini fare progressi attorno a Kherson. Ci sono contrattacchi che iniziano da lì e penso che è probabile che vedremo lo slancio in Ucraina, dove proverà quindi a lanciare un contrattacco su larga scala per respingere i russi”.

Il sindaco, Oleksandr Senkevich, ha affermato che i missili russi hanno colpito Mykolaiv, la città meridionale sull’autostrada principale tra Kherson e Odessa, martedì mattina presto.

“super tensione”

Zelensky ha dichiarato lunedì che, nonostante il ritiro dell’Ucraina da Lyschansk, le sue forze continuano a combattere.

“Le forze armate ucraine stanno rispondendo, spingendo e distruggendo la capacità offensiva degli occupanti giorno dopo giorno”, ha detto Zelensky in un videomessaggio notturno.

“Dobbiamo romperlo. È un compito difficile. Richiede tempo e sforzi straordinari. Ma non abbiamo alternative”.

La battaglia di Luhansk è la più vicina che Mosca abbia raggiunto uno dei suoi obiettivi dichiarati da quando le sue forze sono state sconfitte nel tentativo di impadronirsi di Kiev a marzo. Ciò ha segnato la più grande vittoria della Russia dalla sua cattura del porto meridionale di Mariupol a fine maggio.

Putin ha iniziato la sua invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, definendola una “operazione militare speciale” per disarmare il suo vicino meridionale e proteggere i portavoce russi da quelli che lui chiama nazionalisti “fascisti”. L’Ucraina e l’Occidente affermano che questa è una scusa infondata per un’aggressione totale per impadronirsi del territorio.

Serhiy Gaidai, il governatore ucraino di Luhansk, ha ammesso che la sua intera provincia era ora effettivamente in mano russa, ma ha detto a Reuters: “Dobbiamo vincere la guerra, non la battaglia di Lyschansk… una guerra”.

READ  La russa Gazprom chiude per 3 giorni il gasdotto verso l'Europa

Gaidai ha detto che le forze ucraine che si sono ritirate da Lyschansk stanno ora tenendo la linea tra Bakhmut e Slovyansk, preparandosi a respingere qualsiasi ulteriore avanzata russa.

La Reuters non è stata in grado di verificare i resoconti del campo di battaglia.

Le speranze dell’Ucraina per un contrattacco prolungato dipendono in parte dalla ricezione di armi aggiuntive dall’Occidente, inclusi missili che potrebbero neutralizzare l’enorme vantaggio di potenza di fuoco della Russia colpendo in profondità dietro la linea del fronte.

“È una questione di quanto velocemente arrivano i rifornimenti”, ha detto Aristovich.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reportage da Reuters Borex. scrittura di Michael Berry; Montaggio di Simon Cameron Moore, Robert Persil

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.