Esclusivo accordo transattivo dell’UE per disinnescare il confronto con la Russia su Kaliningrad

  • Kaliningrad dipende dalle ferrovie e dalle strade in tutta la Lituania
  • La repressione delle spedizioni autorizzate fa arrabbiare Mosca
  • L’UE cerca un compromesso con la Lituania per riprendere il normale commercio

VILNIUS/BRUXELLES (Reuters) – Il commercio attraverso la Lituania con la regione russa di Kaliningrad potrebbe tornare alla normalità entro pochi giorni, hanno affermato due fonti che hanno familiarità con la questione, mentre i funzionari europei si stanno avvicinando a un accordo di compromesso con lo Stato baltico per disinnescare la lite. con Mosca.

La città di Kaliningrad, che confina con i paesi dell’Unione Europea e fa affidamento su ferrovie e strade attraverso la Lituania per la maggior parte delle merci, è stata tagliata fuori da alcuni trasporti di merci dalla Russia continentale dal 17 giugno a causa delle sanzioni imposte da Bruxelles.

Le persone, che hanno rifiutato di essere nominate perché i funzionari europei sono in trattative per esentare il territorio dalle sanzioni, che finora hanno colpito beni industriali come l’acciaio, aprono la strada a un accordo all’inizio di luglio se la Lituania, membro dell’UE, abbandona le sue riserve. Le discussioni sono private.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La lite sull’isolamento della Russia sta mettendo alla prova la determinazione dell’Europa a imporre sanzioni imposte sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, alimentando i timori di un’escalation dopo che altre restrizioni hanno spinto la Russia al default.

Mentre le potenze occidentali hanno promesso di sostenere l’Ucraina, affermando la loro determinazione sia al vertice del G7 che della NATO questa settimana, si sta rivelando difficile per l’Europa resistere a severe sanzioni ed evitare un’ulteriore escalation con la Russia.

Questo è il motivo per cui i funzionari europei, sostenuti dalla Germania, stanno cercando un compromesso per risolvere una delle loro numerose controversie con Mosca, ha affermato una persona.

READ  Finito in 9 minuti: come si è svolto il colpo d'oro celtico in Germania

La fonte ha affermato che se il percorso tradizionale delle merci russe verso Kaliningrad, attraverso il suo alleato Bielorussia e poi la Lituania, non verrà ripristinato, lo stato baltico teme che Mosca utilizzerà la forza militare per arare un corridoio di terra attraverso il suo territorio.

Nel frattempo, i soldati della Germania sono di stanza in Lituania e potrebbero essere coinvolti in uno scontro dalla parte dei suoi alleati della NATO se ciò accadesse.

Anche la più grande economia europea dipende fortemente dalle importazioni di gas russe e sarà vulnerabile a qualsiasi riduzione dei flussi se il conflitto di Kaliningrad dovesse intensificarsi.

“Dobbiamo affrontare la realtà”, ha detto una persona che ha familiarità con le discussioni dell’UE, descrivendo Kaliningrad come “santa” per Mosca.

“(Putin) ha molta più influenza di noi. È nel nostro interesse trovare una via di mezzo”, ha detto, riconoscendo che il risultato finale potrebbe sembrare ingiusto.

accordo di rinuncia

Un portavoce del ministero degli Esteri lituano ha affermato che continuerà a consultarsi con la Commissione europea sull’attuazione delle sanzioni e che qualsiasi cambiamento da parte del blocco non dovrebbe essere limitato allo stato baltico.

“Le sanzioni devono essere imposte e qualsiasi decisione presa non deve minare la credibilità e l’efficacia della politica sanzionatoria dell’UE”, ha affermato il portavoce.

“Poiché il transito di Kaliningrad è possibile attraverso molti Stati membri dell’UE, l’interpretazione della Commissione europea su come attuare le sanzioni dell’UE … non può essere limitata alla Lituania”.

Un portavoce della Commissione europea ha fatto riferimento alla sua dichiarazione del 22 giugno secondo cui la Lituania stava attuando le restrizioni dell’UE e che la fornitura di beni essenziali a Kaliningrad è rimasta senza ostacoli.

READ  Ci saranno elezioni generali in Gran Bretagna?

Una persona con conoscenza diretta della questione ha affermato di aspettarsi che un accordo venga raggiunto entro il 10 luglio e un’altra persona ha affermato che potrebbe essere annunciato la prossima settimana.

Una di queste persone ha affermato che un compromesso vedrebbe il traffico marittimo tra la Russia e Kaliningrad esente dalle sanzioni dell’UE in quanto non è considerato un normale commercio internazionale perché l’avamposto fa parte della Russia.

Questa concessione può essere fornita solo a condizione che il carico certificato a Kaliningrad venga utilizzato e non esportato attraverso il suo porto, dove si trova la sede della flotta russa del Baltico.

Ciò potrebbe essere difficile da garantire, ha affermato la persona, e potrebbe mettere la Lituania, che ha il compito di determinare la destinazione finale delle merci, in rotta di collisione con la Russia.

Un’altra persona ha affermato che i motivi umanitari potrebbero essere utilizzati per ottenere un’esenzione per Kaliningrad, che si trova tra Lituania, Polonia e Mar Baltico.

Ma ha detto che la Lituania ha serie riserve sull’offerta di quella che potrebbe essere considerata una concessione a Mosca.

alcool e cemento

La Lituania, precedentemente governata da Mosca, è ora uno dei più accaniti critici della Russia nell’Unione Europea ed è stata in contrasto con funzionari in Germania e Bruxelles che vogliono disinnescare la lite.

Finora, le sanzioni dell’UE contro la Russia impediscono il trasporto di ferro, acciaio e minerali a Kaliningrad attraverso i paesi dell’UE.

L’elenco dei beni sanzionati sarà esteso per includere cemento e alcol dal 10 luglio, carbone ad agosto e prodotti petroliferi come il carburante a dicembre. Quando inizierà la fase finale, quasi la metà delle spedizioni inviate a Kaliningrad dalla Russia sarà penalizzata.

READ  Teoria della perdita di laboratorio Covid supportata nel rapporto repubblicano del Senato

Né i passeggeri né i prodotti alimentari sono vietati e Kaliningrad è ancora raggiungibile in aereo o via mare.

E mentre gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno rapidamente imposto sanzioni per limitare l’accesso della Russia alla finanza internazionale e alle sue vendite di carbone e petrolio, le misure punitive hanno fatto ben poco per mitigare l’aggressione militare russa.

Nelle ultime settimane, Mosca ha anche ribaltato la situazione sull’Europa tagliando le forniture di gas critiche, spingendo la Germania a prepararsi per la legalizzazione e monitorare con crescenti preoccupazioni l’escalation della lite su Kaliningrad.

Kaliningrad, con una popolazione di quasi un milione di abitanti, è stata tagliata fuori da Mosca quando la Lituania è diventata indipendente durante lo scioglimento dell’Unione Sovietica e i residenti devono attraversare il territorio dell’UE per raggiungere il resto della Russia via terra.

Dmitry Medvedev, vice capo del Consiglio di sicurezza russo, ha affermato questa settimana che le restrizioni sulla spedizione di merci a Kaliningrad fanno parte di una guerra per procura con l’Occidente e che la Russia ha molti modi per rispondere.

“Ci sono molte opportunità e gran parte di esse sono di natura economica e sono in grado di togliere ossigeno ai nostri vicini baltici che hanno adottato misure aggressive”, ha detto a un quotidiano russo.

“C’è anche la possibilità di utilizzare misure sproporzionate… che provocherebbero una pericolosa escalation del conflitto”, ha aggiunto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

scrittura di John O’Donnell; Montaggio di David Clark

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.