Gli israeliani si radunano in tre città contro le riforme legali di Netanyahu

TEL AVIV (Reuters) – Decine di migliaia di israeliani hanno manifestato sabato in tre grandi città contro i piani di riforma giudiziaria del primo ministro Benjamin Netanyahu, con gli organizzatori che lo accusano di minare il governo democratico poche settimane dopo la sua rielezione.

Netanyahu, che guida una coalizione nazional-religiosa con una forte maggioranza parlamentare, vuole tenere a freno la Corte Suprema in quello che ha descritto come ristabilire l’equilibrio dei tre rami del governo.

I critici affermano che le riforme proposte ostacolerebbero l’indipendenza giudiziaria, favorirebbero la corruzione, soffocherebbero i diritti delle minoranze e negherebbero al sistema giudiziario israeliano la credibilità che aiuta a respingere le accuse di crimini di guerra commessi all’estero. Tra gli oppositori ci sono il giudice capo della Corte Suprema e il procuratore generale del Paese.

Dopo che il presidente Isaac Herzog ha implorato i politici polarizzanti di “abbassare il fuoco” nei dibattiti, gli organizzatori delle manifestazioni – che si sono svolte sotto la fredda pioggia invernale – hanno cercato di esprimere una nota di unità nazionale.

L’ex ministro della difesa centrista Benny Gantz, che ha partecipato alla manifestazione di Tel Aviv, ha affermato che, come altre figure dell’opposizione, non doveva essere contrastato.

Lo striscione di un manifestante diceva: “Preserviamo la nostra casa comune”. Un altro ha detto che Netanyahu era colpevole di un “colpo di stato legale”.

READ  Il primo ministro Liz Truss è partito nel peggiore dei modi

I media israeliani hanno stimato il numero a circa 80.000, con altre migliaia durante le proteste a Gerusalemme e Haifa.

I filmati sui social media hanno mostrato una piccola esposizione di bandiere palestinesi in sfida agli alleati di estrema destra di Netanyahu. Uno di loro, il ministro della sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir, ha detto alla televisione Kan che vuole che queste bandiere vengano rimosse ma che attende l’opinione del pubblico ministero prima di ordinare qualsiasi repressione da parte della polizia.

Il 73enne Netanyahu venerdì ha segnalato flessibilità sul piano di riforma, affermando che sarebbe stato attuato “con attenta considerazione ascoltando tutte le posizioni”.

I sondaggi differivano sulle opinioni pubbliche sulle riforme. Channel 13 TV la scorsa settimana ha rilevato che il 53% degli israeliani si oppone al cambiamento della struttura delle nomine nei tribunali, mentre il 35% lo sostiene. Ma Channel 14 TV giovedì ha trovato il 61% a favore e il 35% contrario.

I critici della Corte Suprema affermano che è esagerata e non rappresentativa dell’elettorato. I suoi sostenitori sostengono la corte come mezzo per bilanciare una società divisa.

“Decine di migliaia di persone hanno preso parte alle manifestazioni di stasera. Alle elezioni tenutesi qui due mesi e mezzo fa, si sono presentate in milioni”, ha scritto su Twitter Miki Zohar, un alto parlamentare del partito conservatore Likud di Netanyahu.

“Abbiamo promesso alle persone di cambiare, abbiamo promesso governance, abbiamo promesso riforme e lo faremo”.

Scritto da Dan Williams; Montaggio di Christina Fincher e Mark Potter

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.