Gli Stati Uniti affermano che la Russia ha speso milioni in una campagna politica globale segreta

La Russia ha segretamente trasferito almeno 300 milioni di dollari a partiti politici stranieri e candidati in più di due dozzine di paesi dal 2014 nel tentativo di plasmare gli eventi politici al di fuori dei suoi confini, secondo una nuova revisione dell’intelligence statunitense.

Mosca ha pianificato di spendere centinaia di milioni di dollari aggiuntivi come parte della sua campagna segreta per indebolire le democrazie e rafforzare le forze politiche globali viste come allineate con gli interessi del Cremlino, secondo la revisione, commissionata dall’amministrazione Biden quest’estate.

Un alto funzionario statunitense, che come altri funzionari ha parlato ai giornalisti martedì a condizione di anonimato per discutere i risultati dell’intelligence, ha affermato che l’amministrazione ha deciso di declassificare alcuni dei risultati della revisione nel tentativo di contrastare la capacità della Russia di influenzare i sistemi politici nei paesi in Europa, Africa e altrove.

“Evidenziando la finanza politica russa segreta e i tentativi russi di minare i processi democratici, stiamo facendo sapere a questi partiti e candidati stranieri che se accettano segretamente denaro russo, possiamo e lo esporremo”, ha affermato il funzionario.

I paesi in cui sono state identificate tali attività includevano Albania, Montenegro, Madagascar e forse Ecuador, secondo una fonte amministrativa a conoscenza della questione.

I funzionari hanno indicato un paese asiatico, che ha rifiutato di essere nominato, dicendo che l’ambasciatore russo aveva dato milioni di dollari in contanti a un candidato presidenziale. Hanno affermato che le forze legate al Cremlino hanno anche utilizzato società di facciata, centri di ricerca e altri mezzi per influenzare gli eventi politici, a volte a beneficio di gruppi di estrema destra.

L’alto funzionario ha affermato che il governo degli Stati Uniti ha visto un leggero aumento dei finanziamenti politici segreti russi nel 2014. La revisione non ha affrontato le attività russe all’interno degli Stati Uniti.

READ  Putin dice che l'Ucraina si sta dirigendo verso la "tragedia" e Kramatorsk si prepara a difenderla

Valutazioni di tutti noi agenzie di spionaggio e Indagine del Senato bipartisan Ha concluso che la Russia sotto il presidente Vladimir Putin ha lanciato una campagna per interferire nelle elezioni presidenziali del 2016 per aiutare l’allora candidato Donald Trump.

Lunedì si avvicina la Farnesina Le ambasciate statunitensi in più di 100 paesi hanno descritto presunte attività russe e suggerito misure che gli Stati Uniti potrebbero intraprendere per rispondere, comprese sanzioni e divieti di viaggio o l’espulsione di spie russe coinvolte in attività di finanza politica.

Il cablogramma, che i funzionari hanno fornito ai giornalisti, affermava che uomini d’affari russi erano coinvolti in quelli che chiamavano “schemi di finanziamento”, tra cui Yevgeny Prigozhin e Alexander Babakov. Prigozhin, noto come “il cuoco di Putin” dopo aver guadagnato ingenti somme in contratti di ristorazione con il governo russo, è stato incaricato da funzionari statunitensi nel 2018. Tentativo di interferire nelle elezioni americane del 2016. È stato collegato alla compagnia militare privata di Wagner ed è ricercato dall’FBI.

I diplomatici statunitensi informano le loro controparti in altri paesi sulle attività che i funzionari statunitensi ritengono possano aggirare i paesi e gli importi identificati.

“Crediamo che questa sia solo la punta dell’iceberg”, ha detto l’alto funzionario. “Quindi, invece di sederci in disparte, condividiamo queste azioni di risposta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.