Gli Stati Uniti stanno valutando nuove procedure per i viaggiatori provenienti dalla Cina

Per più di due anni, i viaggiatori stranieri hanno dovuto mettere in quarantena all’arrivo in Cina a causa delle restrizioni Covid. Nella foto qui all’aeroporto internazionale di Pechino il 18 giugno 2022, i passeggeri attendono di essere portati nelle destinazioni di quarantena designate.

Leone Ramirez | Afp | Immagini Getty

Il governo degli Stati Uniti sta valutando la possibilità di imporre nuove regole Covid per i viaggiatori provenienti dalla Cina, hanno affermato i funzionari, citando preoccupazioni sui dati relativi ai virus rilasciati dal governo cinese.

“Ci sono crescenti preoccupazioni nella comunità internazionale per i continui aumenti di COVID-19 in Cina e la mancanza di dati trasparenti, compresi i dati sulla sequenza genetica virale, segnalati dalla Repubblica popolare cinese”, hanno affermato i funzionari in una dichiarazione martedì.

“Senza questi dati, sta diventando sempre più difficile per i funzionari della sanità pubblica assicurarsi di essere in grado di identificare eventuali nuove varianti e adottare misure immediate per limitare la diffusione”, hanno affermato i funzionari.

Funzionari giapponesi hanno sottolineato misure recenti richiedendo un test Covid negativo per i viaggiatori in arrivo dalla Cina continentale dal 30 dicembre, poiché la Cina deve affrontare un picco di infezioni a livello nazionale dopo un’improvvisa riapertura.

Il ministero della salute giapponese ha aggiunto che anche i viaggiatori provenienti dalla Cina che non hanno un certificato di vaccinazione valido dovranno sottoporsi a un test prima della partenza. L’avviso afferma che le misure non si applicheranno ai viaggiatori provenienti da Hong Kong e Macao.

Leggi di più sulla Cina dalla CNBC Pro

Quando è stato chiesto di commentare le azioni del Giappone, il ministero degli Esteri cinese ha sottolineato la necessità di misure “basate sulla scienza”, senza elaborare.

READ  L'Italia oscilla all'estrema destra: il partito Fratello d'Italia di Giorgia Meloni pronto a vincere le elezioni italiane

“L’attuale situazione del coronavirus nel mondo richiede ancora un approccio di risposta basato sulla scienza e sforzi congiunti per garantire viaggi transfrontalieri sicuri, mantenere la stabilità della produzione globale e delle catene di approvvigionamento e ripristinare la crescita economica globale”, ha affermato il vicedirettore generale Wang Wenbin. ai giornalisti in a Martedì briefing.

Funzionari statunitensi hanno affermato che anche la Malesia sta agendo mentre l’India e l’Organizzazione mondiale della sanità hanno espresso preoccupazione per la situazione in Cina.

“Gli Stati Uniti stanno seguendo la scienza e i consigli degli esperti di sanità pubblica, consultandosi con i partner e prendendo in considerazione misure simili che possiamo intraprendere per proteggere il popolo americano”, hanno affermato i funzionari.

— Evelyn Cheng della CNBC ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.