I Denver Broncos licenziano l’allenatore Nathaniel Hackett dopo un inizio di 4-11

ENGLEWOOD, Colo. — I Denver Broncos hanno licenziato l’allenatore del primo anno Nathaniel Hackett lunedì.

La mossa arriva dopo un inizio 4-11 e la sconfitta per 51-14 di domenica contro i Los Angeles Rams.

Il licenziamento di Hackett interrompe bruscamente il mandato più breve di un allenatore non ad interim nella storia della franchigia. La nuova proprietà dei Broncos – il Walton-Benner Group guidato dall’erede di Walmart Rob Walton, sua figlia Carrie Walton-Benner e il genero Gregg Penner – divenne rapidamente impaziente con una squadra che aveva la migliore linea difensiva del campionato. Con un’offesa che semplicemente non può essere battuta.

“A seguito di lunghe conversazioni con [general manager] Giorgio [Paton] e il nostro team di proprietà, abbiamo deciso che una nuova direzione fosse nel migliore interesse dei Broncos”, ha dichiarato Greg Benner in una nota. “Questo cambiamento è stato fatto per rispetto di tutte le persone coinvolte e consente alla ricerca di iniziare immediatamente. Un nuovo capo allenatore.

“Andando avanti, valuteremo attentamente ogni aspetto delle nostre operazioni calcistiche e apporteremo le modifiche necessarie per ripristinare l’eredità di successo di questa franchigia”, ha affermato Penner, aggiungendo che Patton assisterà nella ricerca dell’allenatore. L’allenatore ad interim non è stato nominato.

Il team ha programmato una conferenza stampa per martedì a mezzogiorno ET.

Ad un certo punto in questa stagione, i Broncos avevano la difesa numero 1 e l’attacco numero 32. I Broncos hanno saltato i playoff per il settimo anno consecutivo, la più lunga siccità di playoff dai primi anni della franchigia, che ha perso i playoff tra il 1960 e il 1976.

È molto diverso dal mandato di tre decenni di Hall of Famer Pat Bowlen, quando i Broncos hanno partecipato a più Super Bowls (sette) di quante ne avessero perse stagioni. Questa stagione segna la quinta volta negli ultimi sette anni che i Broncos hanno segnato meno di 20 punti di media a partita. Fino al licenziamento di Hackett, Wade Phillips ha avuto il mandato più breve come capo allenatore ad interim nell’era post-fusione AFL-NFL – due stagioni (1993-1994) – prima di essere licenziato da Bowlen e assunto da Mike Shanahan.

READ  Midland Health ospiterà la clinica di vaccinazione di richiamo Covid-19

Hackett, 42 anni, è stato assunto come 18esimo capo allenatore della franchigia a gennaio dopo aver servito per tre stagioni come coordinatore offensivo dei Green Bay Packers sotto Matt LaFleur. A quel tempo, Payton definì Hackett “un leader dinamico e allenatore la cui intelligenza, innovazione e carisma ci hanno impressionato fin dall’inizio del processo”.

Anche l’allora coordinatore offensivo di Rams Kevin O’Connell e il coordinatore difensivo dei Dallas Cowboys Dan Quinn erano finalisti per il ruolo. O’Connell è stato successivamente assunto dai Minnesota Vikings, la cui rinascita li ha portati a un inizio di 12-3. Poco dopo l’assunzione di Hackett, i Broncos hanno scambiato cinque scelte al draft, tra cui due prime e due seconde, e tre giocatori come quarterback ai Seattle Seahawks. Russel Wilson. Wilson ha firmato un’estensione del contratto quinquennale da 245 milioni di dollari poco prima dell’inizio della stagione.

Ma l’entusiasmo fuori stagione dei Broncos si è rapidamente esaurito quando il gioco di Hackett è stato messo in discussione dall’inizio della stagione.

Nella settimana 1, la sua chiamata per un kicker Brandon McManus Il tentativo di Wilson di realizzare un field goal da 64 yard invece di tentare un quarto e 5 nell’ultimo minuto di una sconfitta per 17-16 contro il Seattle si è rivelato controverso.

“Ripensandoci, avrebbe sicuramente dovuto farlo”, ha detto Hackett il giorno dopo la sconfitta. “Una di quelle cose, ti guardi indietro e dici: ‘Certo che avremmo dovuto provarci; abbiamo mancato il canestro.’ Ma avevamo un piano in quella situazione e sapevamo che il punto 46 era quello”.

I problemi di gestione del gioco sono continuati nelle settimane successive – i fan hanno persino contato il cronometro durante alcune partite casalinghe – e l’ex assistente allenatore dei Baltimore Ravens Jerry Roseburg è stato assunto a settembre per aiutare con le decisioni sulla gestione del gioco. Tuttavia, la disconnessione tra Hackett, Wilson e l’offesa persisteva. “Deve essere costruito attorno”, insisteva abitualmente Hackett [Wilson]Fai ciò che Wilson era “a suo agio” in attacco, anche se ha ripetutamente affermato di essere a suo agio “nel fare un sacco di cose”.

Con 15,5 punti a partita, i Broncos sono al loro punteggio totale più basso in una stagione dal 1966.

Infortuni a giocatori di spicco come il placcaggio sinistro Garrett Bowlescorro indietro Javonte WilliamsRicevitore ampio Tim Patrizio e linebacker esterno Randy Gregorio Certamente non ha aiutato le cose. Ma con il passare della stagione, ci sono state meno conversazioni di pubblico dominio sulla volontà di Hackett di pensare fuori dagli schemi sui suoi metodi di insegnamento e sul perché l’offesa dei Broncos sia stata storicamente così grave. Cinque delle prime sei sconfitte e otto totali dei Broncos sono state partite a punteggio singolo.

Non è stato così domenica, poiché la difesa di Denver ha visto i Rams puntare su otto dei loro nove possedimenti. Inoltre, il quarterback di riserva Brett Rybion e guardia Dalton Risner Wilson ha scambiato parole a bordo campo dopo una lite nel terzo quarto quando è stato esonerato per giocate consecutive.

Gregory Hackett è stato ritirato dal gioco due volte, una nel primo tempo dopo aver lanciato il casco dopo un touchdown di Rams, e poi è stato segnalato per un colpo in ritardo sul quarterback di Los Angeles. Baker Mayfield. “Dopo quella seconda volta, l’abbiamo tirato fuori – era inaccettabile”, ha detto Hackett.

Gregory e i Rams facevano la guardia mentre le squadre si ammucchiavano in mezzo al campo mentre si dirigevano verso gli spogliatoi dopo la partita. Abushi anziano Le parole sono state scambiate – indossando elmetti – e Gregory ha colpito Abushi con un pugno nell’elmetto. Abushi ha risposto con i suoi pugni prima che fossero separati.

Anche adesso, con la franchigia e la base di fan più ricche della NFL che ha dato ai Broncos un fuoricampo dal 1970, il lavoro di capo allenatore dei Broncos può essere allettante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.