I futures su azioni TK aiutano a costruire sul recente rally dopo Walmart, Home Depot

I futures azionari sono stati poco modificati martedì sera dopo che le due catene di big-box della nazione, Walmart e Home Depot, hanno alzato il Dow e l’S&P 500, ponendo le basi per guadagni al dettaglio più elevati questa settimana.

I futures per la media industriale del Dow Jones sono scesi di 17 punti, ovvero dello 0,5%. I futures S&P 500 e Nasdaq 100 sono scesi rispettivamente dello 0,04% e dello 0,07%.

Nel trading regolare, il Dow ha chiuso la giornata in rialzo di 239 punti, o dello 0,7%, e l’S&P ha guadagnato lo 0,2%. Il composito Nasdaq è sceso dello 0,2%.

I rivenditori hanno guidato il mercato in gran parte grazie ai buoni risultati trimestrali di Walmart e Home Depot, che sono stati i maggiori guadagni nel Dow da 30 titoli.

Il Dow ha registrato un quinto giorno consecutivo di guadagni. Nel frattempo, l’S&P 500 è diretto per la quinta settimana consecutiva mentre gli investitori valutano la forza del rally. L’indice di mercato più ampio è aumentato del 18% dal minimo di giugno.

“Questo mercato è molto resistente”, ha dichiarato Brian Talkington, managing partner di Requisite Capital Management, in “Closing Bell: Overtime” della CNBC. “Man mano che ci avviciniamo alle entrate, i rendimenti saranno in media del 7%”.

Ciò che le dà “una grande pausa” in questo mercato è il continuo aumento dei tassi della Federal Reserve e la contrazione del suo bilancio. “I redditi sono ancora forti, ma… il bilancio della banca centrale non è cambiato”, ha detto.

Gabriela Santos, global market strategist di JP Morgan Asset Management, ha convenuto che gli investitori dovrebbero diffidare di una maggiore volatilità lungo la strada.

READ  40 La migliore i clip porta carte di credito del 2022 - Non acquistare una i clip porta carte di credito finché non leggi QUESTO!

“I rendimenti reali aumenteranno ulteriormente in autunno, il che farà nuovamente pressione sui titoli di crescita”, ha affermato. “[With] La storia macro ha raggiunto di recente e ha portato ad alcuni guadagni più ampi nel mercato: è troppo presto per avere qualche tipo di fiducia che conosceremo davvero la forma della recessione o dell’inflazione il prossimo anno. Vedremo come reagirà la banca centrale a quell’inflazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.