I media statali cinesi cercano di rassicurare il pubblico sul coronavirus

WUHAN (Reuters) – Migliaia di cinesi sono scesi in piazza per celebrare il nuovo anno mentre le autorità e i media statali hanno cercato di rassicurare il pubblico che l’epidemia di COVID-19 che ha colpito il Paese era sotto controllo e si avvicinava al suo apice.

Sebbene molte persone nelle principali città abbiano continuato a isolarsi mentre il virus si diffondeva tra la popolazione, le celebrazioni di Capodanno sono sembrate per lo più inalterate poiché le persone hanno festeggiato la fine del 2022 e l’inizio del 2023.

A Wuhan, dove il coronavirus è stato identificato per la prima volta alla fine del 2019, i residenti hanno affermato che le preoccupazioni sull’impatto dell’allentamento delle rigide restrizioni anti-COVID sulla convivenza con la malattia si sono ora attenuate, almeno per le persone giovani e sane.

“Fondamentalmente, io e i miei amici ora ci sentiamo relativamente positivi e ottimisti”, ha detto un insegnante di 29 anni soprannominato Wu. “Molte persone escono e vanno in giro.”

“Sappiamo tutti che soprattutto coloro che sono di mezza età e anziani, in particolare quelli di età superiore ai 60 anni, e in particolare quelli con malattie di base, saranno colpiti da questo virus”, ha affermato.

Una lunga fila di persone ha allineato il pronto soccorso del Tongji Hospital di Wuhan, una delle principali strutture per i pazienti COVID-19, come la 72enne Huang, che voleva essere identificata solo con il suo cognome.

“Non mi sento bene. Non ho energia. Non riesco a respirare. Ero in buona salute. Ho fatto una radiografia per controllare i miei polmoni… Questo ospedale è troppo disturbo, devi aspettare per così lungo.”

READ  Il DNA di 13 Neanderthal rivela un'istantanea "guadagnata" dell'antica società | antropologo

I dati sono monitorati

L’improvviso cambiamento della Cina nei controlli COVID, così come l’accuratezza dei suoi dati sui casi e sui decessi, è oggetto di un crescente controllo in patria e all’estero.

L’ondata di casi ha sollevato nuove preoccupazioni sulla salute dell’economia e nei suoi primi commenti pubblici dal cambio di politica, il presidente Xi Jinping nel suo discorso di Capodanno ha chiesto maggiore impegno e unità mentre la Cina entra in una “nuova fase”.

La Cina ha riportato un nuovo decesso di COVID-19 sulla terraferma per il 31 dicembre, lo stesso giorno prima, ha detto domenica il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Il bilancio cumulativo ufficiale delle vittime in Cina è ora di 5.249, molto inferiore a quello di altri grandi paesi. Il governo ha respinto le accuse di aver deliberatamente sottostimato il numero totale di morti.

All’impresa di pompe funebri di Hankou, alla periferia di Wuhan, domenica è arrivato un flusso intermittente di persone in lutto e automobilisti.

Il personale all’ingresso del sito fortemente sorvegliato si è rifiutato di rispondere alle domande sui recenti carichi di lavoro. Ma le pompe funebri in altre città della Cina, tra cui Chengdu e Pechino, hanno affermato di essere più impegnate che mai da quando la Cina ha improvvisamente abbandonato le restrizioni COVID il mese scorso.

Sabato il CDC cinese ha riportato 5.138 casi ufficialmente confermati, ma con i test di massa interrotti, gli esperti affermano che il numero effettivo di infezioni è molto più alto.

I casi giornalieri hanno recentemente raggiunto il picco di circa 60.000 e ora sono circa 19.000, hanno detto domenica i media statali nella città cinese sud-orientale di Guangzhou.

READ  America: l'Iran fornisce alla Russia centinaia di droni | Russia

Le autorità stanno cercando di rassicurare il pubblico sul fatto che la situazione è sotto controllo e Xinhua ha pubblicato domenica un editoriale in cui si afferma che l’attuale strategia era un “approccio pianificato basato sulla scienza” che rifletteva la natura mutevole del virus.

ri Assicurazione

Separatamente, Xinhua ha affermato che la produzione di farmaci è accelerata nell’ultimo mese, con la produzione degli antidolorifici ibuprofene e paracetamolo che ora raggiunge 190 milioni di compresse al giorno, cinque volte superiore rispetto all’inizio di dicembre.

La produzione di kit di test dell’antigene è quasi raddoppiata a 110 milioni al giorno in un mese, ha affermato.

Domenica, l’Australia e il Canada si sono uniti agli Stati Uniti e ad altri nel richiedere ai viaggiatori provenienti dalla Cina di presentare test COVID-19 negativi all’arrivo. Il ministero degli Affari esteri marocchino ha dichiarato che il Marocco imporrà un divieto alle persone provenienti dalla Cina.

Il ministro della Salute australiano Mark Butler ha affermato che ulteriori misure sarebbero prese in considerazione tra le preoccupazioni che la Cina non stia rivelando informazioni sufficienti sulla natura e l’entità dell’attuale epidemia.

Domenica il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen si è offerto di fornire “l’assistenza necessaria” alla Cina per aiutarla a far fronte all’aumento dei casi di COVID-19.

Segnalazioni aggiuntive di Martin Quinn Pollard a Wuhan e David Stanaway a Shanghai; Montaggio di Neil Vollick

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.