I sentieri escursionistici più pericolosi del mondo

(CNN) – I drogati di adrenalina spesso deridono l’escursionismo come un’esperienza meno montana come l’arrampicata o lo sci.

Ma come dimostrano questi percorsi impegnativi, mettere un piede davanti all’altro non è sempre una scelta facile.

Per fare queste famose escursioni, avrai bisogno di qualcosa di più di una semplice dose di buon senso.

Questi percorsi sono pericolosi e solo per escursionisti esperti. Ciò significa chi ha l’attrezzatura giusta, la capacità di tirarsi fuori da situazioni difficili e la volontà di pianificare il peggio e di mobilitarsi di conseguenza.

Sia che tu voglia provare un classico gioco inglese Lake District o affrontare “l’escursione più pericolosa del mondo” nella Cina rurale, questo elenco ti copre.

Striding Edge, Lake District, Inghilterra

Il clima notoriamente instabile del Lake District può rendere difficile anche il trekking più intimidatorio.

Ma Striding Edge, un’area ripida che conduce all’Helvellyn Peak, la terza vetta più alta del Parco nazionale del distretto dei laghi, è separata in questo angolo dell’Inghilterra.

Gli escursionisti possono scegliere di seguire i sentieri che corrono lungo il fianco delle colline, ma per gli amanti del brivido, le colline stesse sono dove sono.

In una giornata limpida, i panorami sono drammatici e si estendono fino alla Scozia.

Questo non è per i principianti o per i deboli di cuore: i camminatori dovranno essere preparati per lo scatto, abilità di arrampicata decenti per la spinta finale verso l’alto e sapere come navigare correttamente se entri nelle nuvole.

Il ghiaccio e la neve lo rendono mortale in inverno, quindi essere preparati e pronti a tornare è d’obbligo.

Labirinto, Canyonlands, Utah, Stati Uniti

Il National Park Service va dritto al punto quando si tratta del labirinto.

Descrive l’escursione qui come “molto impegnativa”, avvertendo di rocce scivolose e pendii ripidi.

È la parte più remota delle Canyonlands, dove i visitatori devono affrontare lunghi viaggi su strade sterrate prima di addentrarsi nei profondi canyon, dove non sono rari crolli e inondazioni improvvise ed è difficile attingere acqua dalle poche sorgenti della zona ( riempire con abbastanza liquido) per il trekking Multi-day è un must).

I Park Rangers chiedono a tutti i visitatori di condividere i loro percorsi e di rimanere in contatto il più possibile. Coloro che vengono in paesaggi che sembrano totalmente senza tempo saranno trattati e non saranno nemmeno incontrati da altre persone nelle loro avventure.

Huashan, Cina

Su questo sentiero, gli escursionisti devono seguire delle tavole installate nella parete della roccia.

Maciej Bledowski / Editoriale iStock / Getty Images

Questa epica escursione alla cima meridionale di Huashan, una delle Cinque Grandi Montagne della Cina, è spesso descritta come l’escursione più pericolosa del mondo, e per una buona ragione.

Per raggiungere la vetta, che è alta 7.070 piedi, gli escursionisti devono salire gradini irregolari e una serie di scale prima di legarsi a una catena usando cinture e bombe per attraversare la famosa “passeggiata di legno”.

READ  500 globicefali muoiono in spiaggiamenti di massa nelle remote isole Chatham della Nuova Zelanda

Questo è semplice come sembra: assi di legno avvitate nella parete rocciosa che segui su e giù per la montagna.

Mentre molti turisti arrivano solo con scarpe da ginnastica e magliette, questo non è un posto dove arrivare impreparati.

Sono essenziali scarpe da trekking adeguate, cibo e acqua in abbondanza e un discreto livello di forma fisica.

Giro di Sorapis, Italia

Le Dolomiti ospitano una serie di increspature dello stomaco attraverso ferrate (letteralmente, strade di ferro) – percorsi di gradi minerali perforati nella roccia durante la prima guerra mondiale, quando le forze italiane e austriache hanno combattuto battaglie campali attraverso le cime calcaree della regione.

Oggi, durante i mesi primaverili ed estivi, gli escursionisti che cercano il brivido dell’arrampicata senza paura di lunghe cadute si riversano qui.

Il Giro del Sorapiss presenta la sfida più grande di tutte, partendo dal Rifugio Vandelli per poi dirigersi in alta montagna lungo le pareti rocciose e rocciose e godersi tre distinti percorsi attraverso la ferrata.

Gli escursionisti avranno bisogno di cinture per tagliare le linee, oltre a un casco e una guida ideale in grado di fornire l’attrezzatura necessaria e mostrare la strada.

Drakensberg Grand Traverse, Sud Africa e Lesotho

Le escursioni di più giorni danno agli intrepidi camminatori la possibilità di mettere alla prova le proprie abilità al limite, con il cambiamento del tempo e la necessità di trasportare provviste abbondanti che creano una vera sfida.

Il Drakensberg Grand Traverse è sicuramente uno. Un epico viaggio di 230 chilometri (143 miglia) che può richiedere fino a due settimane per essere completato, parte salendo una serie di scale con catene fino alla scarpata di Drakensberg, prima di attraversare il confine con il Lesotho e infine tornare in Sud Africa.

Questa bestia a lunga distanza può essere vissuta da sola, ma gli escursionisti dovrebbero essere consapevoli che il sentiero stesso è più un concetto che un sentiero visivo, il che significa che chiunque abbia intenzione di dirigersi qui avrà bisogno di tutte le mappe escursionistiche KZN Wildlife Drakensberg, GPS, ecc. Cibo e acqua sufficienti per l’intero volo.

Si consigliano visite primaverili o autunnali ed evitate l’erba rigogliosa e difficile da percorrere in estate e le rigide giornate invernali.

Sella Cascade, Nuova Zelanda

il premio?  Panorami infiniti di cime innevate.

il premio? Panorami infiniti di cime innevate.

Ondrej/Adobe Stock

Situato nel cuore del Mount Aspiring National Park, nell’Isola del Sud della Nuova Zelanda, Cascade Saddle offre alcuni dei migliori paesaggi montani del mondo.

Ma dopo aver visto un certo numero di morti all’inizio di questo secolo a causa di rocce scivolose e condizioni insidiose, il Dipartimento per la conservazione ambientale del paese ci tiene a sottolineare che questo è un percorso “solo per persone con navigazione di alto livello, abilità ed esperienza in campagna, “Avvertendo chi lo fa. Preparati a tornare indietro se le cose vanno male.

READ  Un missile colpisce la cucina umanitaria di Jose Andres in Ucraina

Completato in due giorni, con la possibilità di accamparsi o rilassarsi nei rifugi di montagna lungo il percorso, questo percorso include arrampicate selvagge, affioramenti rocciosi ed escursioni sull’erba Tsuki spezzata dalle caviglie.

Il vantaggio è costituito da panorami infiniti di vette innevate, tra cui la splendida Montagna Aspirante, conosciuta anche come Maori Teetitia.

Sentiero di Kalalaw, Hawaii

Il Kalalau Trail, un sentiero “andata e ritorno” di 22 miglia lungo la costa di Na Pali di Kauai, non è solo l’escursione più pericolosa delle Hawaii: è una delle escursioni più mortali di tutti gli Stati Uniti.

Il sentiero forestale si divide nella costa, con l’Oceano Pacifico che imperversa sotto.

Avrai bisogno di un permesso per passare la spiaggia di Hanakapiai nella valle di Hanakoa per accamparti nella valle o sulla spiaggia di Kalalau.

Per quanto poetico possa sembrare, attraversare il Triple Stream qui può essere brutale sulla scia di forti piogge, quando l’acqua si gonfia a livelli estremamente alti.

Lanciati in un sentiero vorticoso lungo Crawler’s Ledge che è una ricetta per il disastro per gli inesperti. Solo chi ha un’adeguata intelligenza all’aperto deve presentare domanda.

Huayna Picchu, Perù

Chiunque abbia visto la famosa foto di Machu Picchu in Perù potrà dare un’occhiata a Huayna Picchu. È la vetta imponente dietro la famosa città perduta degli Inca, vista in innumerevoli post su Instagram e nelle cartoline inviate a casa dal Sud America.

Per raggiungere la vetta, tuttavia, è necessario salire la porzione senza titolo “Stairs of Death”, una parte della scalinata di 500 anni, con un ripido dislivello nella valle sottostante.

Buttatevi nei tratti di scala che fanno venire la nausea anche agli escursionisti più tenaci e questo è un percorso da non sottovalutare. Mentre molti vengono impreparati, gli scarponi da trekking e l’aiuto di una guida locale sono altamente raccomandati. Può sembrare scoraggiante, ma la vista del castello sottostante vale lo sforzo di tre ore.

Kokoda Trail, Papua Nuova Guinea

Ci vogliono fino a due settimane per completare il Kokoda Trail.

Ci vogliono fino a due settimane per completare il Kokoda Trail.

Andrew Peacock/Stone RV/Getty Images

A 96 chilometri (circa 60 miglia), il Kokoda Trail traccia un percorso appena fuori dalla capitale papale, Port Moresby, al villaggio di Kokoda, attraverso la catena montuosa di Owen Stanley.

READ  William nominato Principe di Galles - Kate segue Diana per diventare Principessa del Galles | Notizie dal Regno Unito

Questa è un’area appartata, dove il viaggio richiede fino a due settimane per essere completato grazie a furiose inondazioni e condizioni che possono diventare insidiosamente scivolose grazie al fango profondo fino alle caviglie e alle radici degli alberi che crescono scivolose nel caldo tropicale.

Dopo la morte di 13 australiani diretti alla pista con un aereo leggero nel 2009, le autorità si sono mosse per rendere più sicuro l’accesso alla pista.

Sono richiesti permessi e tutti i visitatori devono camminare con un operatore autorizzato, nel tentativo di aiutare le comunità locali a beneficiare del turismo. Per prepararsi alle giornate sudate e alle notti amare in questo angolo remoto del mondo, gli organizzatori consigliano di allenarsi per un massimo di un anno.

Percorrendo questa strada verdeggiante e brutale, è utile ricordare che fu teatro di aspre battaglie tra le forze giapponesi, alleate australiane e papuane durante la seconda guerra mondiale.

Traversata di Daikrito, Giappone

Le Alpi settentrionali in Giappone sono senza dubbio le escursioni migliori e più impegnative del paese. La traversata del Daikiretto è senza dubbio la via da provare per gli escursionisti in cerca di una vera avventura, un’avventura il più vicino possibile a una salita tecnica senza bisogno di corde.

La traversata stessa copre meno di due miglia ma può richiedere ore per essere completata ed è meglio farlo come parte di un viaggio guidato più lungo attraverso questa bellissima catena.

Il percorso sopra l’incrocio utilizza catene e scale, seguendo un crinale a lama di coltello con dislivelli alti oltre cento metri su entrambi i lati.

Un alto livello di forma fisica e la testa per le altezze sono essenziali. Casco e guanti faciliteranno il passaggio e va notato che provarli da soli, soprattutto in inverno, non è saggio.

Monte Washington, New Hampshire, Stati Uniti

Mount Washington è famosa per essere la patria del “peggiore tempo del mondo” (almeno secondo il Mount Washington Observatory).

Nel gennaio 2004, le temperature in vetta sono scese a -47°F (-44°C), stabilendo anche un record per i venti più veloci mai registrati sulla Terra, appena 231 mph (372 km/h) nel 1934. lo ha superato solo nel 1996 a Barrow Island, in Australia.

Tutto ciò significa che l’escursionismo qui richiede una seria preparazione. Le condizioni possono cambiare in qualsiasi momento, il che significa che dovrai portare con te l’attrezzatura invernale anche in piena estate.

La salita non è uno scherzo, poiché gli escursionisti devono essere in buona forma per realizzarla. Sì, è possibile guidare o salire in cima con il famoso trenino a cremagliera, ma chiunque sia ben preparato e desideroso di affrontare la sfida dovrebbe mettersi le scarpe, riempire gli zaini e farlo a piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.