I serbi del Kosovo settentrionale hanno lasciato il lavoro statale per protesta contro la targa

Mitrovica, Kosovo (Reuters) – La minoranza serba nel Kosovo settentrionale ha dichiarato sabato di aver lasciato le proprie posizioni nelle istituzioni statali, inclusi governo, polizia e tribunali, per protestare contro l’ordine di Pristina di iniziare a utilizzare le targhe dei veicoli del Kosovo.

Una lunga disputa sulla targa ha sollevato tensioni tra la Serbia e la sua ex provincia del Kosovo, che ha ottenuto l’indipendenza nel 2008 e ospita una piccola minoranza etnica serba nel nord sostenuta da Belgrado.

A seguito di un incontro dei rappresentanti politici serbi nel Kosovo settentrionale, il ministro delle Comunità e dei ritorni Goran Rakic ​​ha dichiarato che si dimetterà dalla sua posizione nel governo di Pristina.

Ha detto ai giornalisti che anche i colleghi rappresentanti della minoranza serba di 50.000 membri nel nord si erano dimessi dai loro incarichi nelle amministrazioni municipali, nei tribunali, nella polizia, nel parlamento e nel governo di Pristina.

Rakesh ha detto che non avrebbero preso in considerazione l’idea di tornare a meno che Pristina non avesse revocato l’ordine di scambiare le targhe della loro vecchia auto, che risaliva agli anni ’90, quando il Kosovo faceva parte della Serbia, con quelle dello stato del Kosovo.

Ha aggiunto che hanno anche chiesto la formazione di una federazione di comuni serbi che desse maggiore autonomia alle regioni a maggioranza serba.

Il primo ministro Albin Kurti ha esortato i serbi a “non boicottare o abbandonare le istituzioni del Kosovo”.

“Sono al servizio di tutti noi, ognuno di voi. Non cadere preda di manipolazioni politiche e giochi geopolitici”, ha aggiunto Courty in un post su Facebook.

Un funzionario del ministero dell’Interno, che ha parlato in condizione di anonimato, ha detto a Reuters che alcune unità di polizia hanno esteso i loro turni a 12 dalle solite otto ore per sopperire all’assenza degli ufficiali serbi.

READ  Lavrov si ritira dai colloqui del G-20 dopo aver negato che la Russia stia causando una crisi alimentare | G20

La NATO, che conta ancora circa 3.700 soldati per mantenere la fragile pace, ha chiesto a Pristina e Belgrado di dar prova di moderazione e prevenire l’escalation. “La NATO rimane vigile e pronta a intervenire se la stabilità è compromessa”, ha scritto su Twitter il vice segretario generale della NATO Mircea Gioanna dopo aver parlato con l’inviato dell’Unione europea in Kosovo e Serbia, Miroslav Lajac.

Nella parte settentrionale di Mitrovica, abitata principalmente da serbi, non si vedeva la polizia. Alcuni soldati svizzeri e carabinieri italiani, parte delle forze di pace della Nato, erano gli unici in divisa sulla piazza principale.

In Serbia, il primo ministro Ana Brnabic ha affermato che il suo governo “sta dalla parte del nostro popolo coraggioso e orgoglioso del Kosovo”.

Il governo del Kosovo ha dichiarato che questo mese inizierà a infliggere multe ai conducenti serbi che utilizzano vecchie targhe prima dell’indipendenza e sequestrerà i veicoli i cui numeri di targa non sono stati modificati entro il 21 aprile 2023.

I principali sostenitori del Kosovo, gli Stati Uniti e l’Unione Europea, hanno esortato Kurti a ritardare l’attuazione della sentenza sulla targa di altri 10 mesi, ma ha rifiutato.

Scritto da Ivana Sekularak; Montaggio di Helen Popper

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.