Il Cremlino prevede che fino a 100.000 coscritti vengano uccisi o feriti entro la primavera del 2023

La Russia spera di stabilizzare la situazione sul fronte ucraino in inverno per riprendere le operazioni offensive in primavera. Il Cremlino si aspetta che l’esercito russo subisca una perdita irreversibile fino a 100.000 coscritti.

fonte: Storia di Vazhnye (Important Stories), un media investigativo russo indipendente, citando due fonti: una vicina al Servizio di sicurezza federale russo e l’altra, dello Stato maggiore delle forze armate della Federazione Russa.

particolari: Vazhnye Istorii ha riferito che, secondo le sue fonti, i comandanti russi comprendono che una nuova ondata di ostilità in primavera porterà a perdite significative.

Una fonte vicina all’FSB russo ha detto a Vaznei Estore: “Forse entro la prossima primavera fino a 100.000 militari saranno uccisi o feriti. Ma nessuno si preoccupi di questo: saranno sostituiti da coscritti”.

Una fonte vicina allo stato maggiore delle forze armate russe ha condiviso una previsione simile, affermando che il Cremlino prevede che le perdite della Russia in Ucraina saranno di circa 100.000, la maggior parte dei quali coscritti.

La fonte ha detto a Vagne Estori che il ministero della Difesa russo ha in programma di addestrare 120.000 reclute che saranno schierate in Ucraina per compensare le perdite della Russia. La fonte ha spiegato che per questo Putin non ha ancora cancellato il decreto di mobilitazione parziale.

I giornalisti stanno combattendo in prima linea. il supporto ukranska pravda o diventare Il nostro sponsor!

READ  Sanguinose battaglie scoppiarono a Tripoli, sollevando i timori di una guerra più ampia in Libia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.