Il cutter della Guardia Costiera statunitense ha negato l’accesso al porto delle Isole Salomone

Bangkok – Un cutter della Guardia Costiera degli Stati Uniti che pattugliava come parte di una missione internazionale per prevenire la pesca illegale di recente non è stato in grado di ottenere il permesso per visitare un porto di linea nelle Isole Salomone, un incidente che si verifica tra le crescenti preoccupazioni sull’influenza cinese sulla nazione del Pacifico.

L’ufficio della Guardia Costiera di Honolulu ha detto che Cutter Oliver Henry stava partecipando all’operazione Chief Pacific Fishing Activities Monitor, che si è conclusa venerdì, quando ha cercato una sosta programmata a Guadalcanal, nelle Isole Salomone, per il rifornimento e il rifornimento. .

La Guardia Costiera ha detto che non c’era stata risposta dal governo delle Isole Salomone per ottenere il permesso diplomatico affinché la nave si fermasse lì, quindi Oliver Henry si è rivolto alla Papua Nuova Guinea.

Quando era prevista la sosta alle Isole Salomone, non è stata rivelata, ma la Guardia Costiera ha detto che Oliver Henry è arrivato a Port Moresby, in Papua Nuova Guinea, martedì “dopo aver pattugliato parti del Mar dei Coralli e delle Isole Salomone”.

La Royal Navy britannica non ha commentato direttamente le notizie secondo cui alla nave HMS Spey, coinvolta anche nell’operazione Chief Island, è stato negato l’accesso a un porto delle Isole Salomone.

“I programmi delle navi sono sotto costante revisione ed è pratica di routine cambiare”, ha affermato la Royal Navy in una dichiarazione inviata via e-mail.

Per motivi di sicurezza operativa, non discutiamo i dettagli. La Royal Navy non vede l’ora di visitare le Isole Salomone in un secondo momento”.

READ  L'Ucraina afferma che la nave russa che trasportava grano ucraino è stata sequestrata dalla Turchia

Durante l’operazione Head Island, negli Stati Uniti, AustraliaGran Bretagna e Nuova Zelanda hanno fornito supporto attraverso la sorveglianza aerea e di superficie alle nazioni insulari del Pacifico coinvolte nell’operazione, comprese le Isole Salomone.

La Cina sta cercando risolutamente di espandere la sua presenza e influenza nel Pacifico, e il Primo Ministro delle Isole Salomone, Manasseh Sogavari, ha allarmato alcuni vicini, gli Stati Uniti e altri dopo aver firmato un nuovo accordo di sicurezza con Cina.

L’accordo ha sollevato timori che una base navale cinese sarebbe stata stabilita a 2.000 chilometri (1.200 miglia) dalla costa nord-orientale dell’Australia. La presenza militare cinese nelle Isole Salomone non solo li collocherebbe alle porte di Australia e Nuova Zelanda, ma anche molto vicini a Guam, il territorio statunitense che ospita importanti basi militari.

Sia le Isole Salomone che la Cina hanno negato che il loro accordo avrebbe portato a un punto d’appoggio militare cinese nel Pacifico meridionale.

Sugavari ha anche sollevato le sopracciglia all’inizio di agosto, quando ha saltato una funzione commemorativa in occasione della battaglia di Guadalcanal, una grande battaglia della seconda guerra mondiale in cui gli Stati Uniti e altre forze alleate hanno strappato il controllo delle isole all’impero giapponese.

Il vicesegretario di Stato americano Wendy Sherman, il cui padre è stato ferito durante la campagna di Guadalcanal e ha partecipato al memoriale, ha affermato che Sugavari ha “perso un’importante opportunità” non partecipando.

La senatrice statunitense Marsha Blackburn ha incontrato Sugavari mercoledì alle Isole Salomone, ma non è chiaro se avesse sollevato la questione del rifiuto della Guardia Costiera al porto.

L’attivista repubblicana del Tennessee ha dichiarato in una dichiarazione sul suo sito web che la sua visita alle Isole Salomone, alle Fiji e alla Papua Nuova Guinea “è stato un passo importante per dimostrare l’impegno dell’America nella regione e per espandere le nostre relazioni strategiche”.

READ  Gioielli sommersi, tesoro sepolto scoperto alle Bahamas da un naufragio spagnolo del 17° secolo

La Guardia Costiera, in una dichiarazione di Honolulu, ha affermato di rispettare la sovranità dei suoi partner stranieri e attende con impazienza un futuro impegno con le Isole Salomone.

Il tenente della guardia costiera Kristen Kamm ha detto a Stars and Stripes che il Dipartimento di Stato americano è stato in contatto con il governo delle Isole Salomone dopo aver rifiutato di contattare il porto e che “si aspettano che tutti i permessi futuri vengano forniti alle navi statunitensi”.

———

La scrittrice dell’Associated Press Danica Kirka a Londra ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.