Il dollaro USA è salito al massimo degli ultimi 20 anni quando la Russia ha chiamato i riservisti

In un discorso nazionale televisivo mercoledì, il presidente Vladimir Putin ha immediatamente annunciato Imballaggio parziale Ha minacciato i cittadini russi di usare “ogni mezzo a nostra disposizione” per difendere la Russia “e il nostro popolo”. Ha anche notato il potenziale uso di armi nucleari.

il discorso Ha spinto il biglietto verde in rialzo dello 0,4% rispetto a un paniere di valute principali al livello più alto dal 2002. Gli investitori spesso cercano un rifugio sicuro nelle attività in dollari USA durante i periodi di tensione geopolitica.

Anche i prezzi del petrolio sono aumentati. I future sul greggio Brent, il benchmark globale, sono aumentati del 2,5%, salendo a poco meno di $ 93 al barile.

Le azioni russe sono crollate del 3,5% mercoledì dopo l’annuncio, aggiungendosi alle pesanti perdite subite martedì dopo che Putin ha minacciato di indire referendum per annettere parti dell’Ucraina ancora occupate dalle forze russe. Il rubli È anche in calo di circa il 3% rispetto al dollaro USA.

Le azioni asiatiche sono scese. Sebbene gli indici in Europa si siano inizialmente allentati, sono rimasti piatti o leggermente al rialzo nelle contrattazioni mattutine prima dell’ultimo annuncio politico della Federal Reserve.

L’euro inizialmente è sceso dello 0,7 per cento a 98 centesimi ($ 0,97) rispetto al dollaro, ma da allora è aumentato. La valuta utilizzata in 19 paesi europei, sprofondato sotto il dollaro a fine agosto, È stato scosso dall’elevata inflazione e da una crisi energetica innescata dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio.

La sterlina è scesa dello 0,4% rispetto al dollaro USA a poco più di $ 1,13, toccando il minimo di 37 anni, prima di recuperare leggermente.

READ  Wordle 380 Jul 4 Suggerimenti giornalieri: non riesci a risolvere Wordle oggi? TRE INDIZI PER AIUTARE A RISPONDERE | giochi | intrattenimento

La guerra ha aumentato la pressione degli investitori, poiché rende difficile prevedere quando l’inflazione diminuirà e potrebbe spingere le banche centrali a mantenere un approccio aggressivo più a lungo.

Tara Subramaniam e Andrew Ren hanno contribuito al reporting.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.