Il giornalista americano Grant Wall muore dopo essere crollato ai Mondiali in Qatar



Cnn

Il famoso giornalista americano Grant Wall è morto in un crollo in Qatar Quando si tratta di coprire la Coppa del Mondo, il gioco ha suscitato shock e dolore in tutto il mondo.

È “collassato” mentre copriva la partita Argentina-Olanda venerdì, ha detto un testimone alla CNN.

Gli organizzatori della Coppa del Mondo del Qatar hanno dichiarato nella conferenza stampa di sabato che Wall si era “ammalato”, dove ha ricevuto “cure mediche immediate sul posto”. Successivamente è stato trasferito all’Hamad General Hospital, ha detto un portavoce del Comitato per la consegna e l’eredità della Corte suprema, che è responsabile della pianificazione della partita.

Le circostanze della sua morte non sono chiare.

“L’intera famiglia di US Soccer ha il cuore spezzato nell’apprendere della perdita di Grant Wal”, ha dichiarato US Soccer in una dichiarazione sul suo account Twitter ufficiale.

“Grant ha fatto del calcio il lavoro della sua vita e siamo devastati dal fatto che lui e la sua meravigliosa scrittura non saranno più con noi”.

US Soccer ha elogiato la passione di Wall e “la fede nel potere dello sport per promuovere i diritti umani” e ha condiviso le sue condoglianze con la moglie di Wall, Celine Counter, e i suoi cari.

Counter ha anche pubblicato un rapporto sul calcio americano su Twitter.

“Sono così grato per il supporto della famiglia calcistica di mio marito Grant Wall e dei tanti amici che mi hanno contattato stasera. Sono completamente scioccato “, ha scritto Counter, un ex collaboratore della CNN che ha fatto parte del comitato consultivo di transizione Covid-19 Biden-Harris.

Il portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price, ha detto che il dipartimento era in “stretta comunicazione” con la famiglia di Wall. Ha detto che gli organizzatori della Coppa del Mondo sono in contatto con l’ambasciata degli Stati Uniti “per garantire che il processo di rimpatrio si svolga secondo i desideri della famiglia”.

Wall ha coperto il calcio per più di due decenni, inclusi 11 Mondiali, e ha scritto diversi libri su questo sport, secondo il suo sito web.

All’inizio di questa settimana ha festeggiato il suo compleanno con “un grande gruppo di amici dei media ai Mondiali”, secondo un post sul suo account Twitter ufficiale, “Grazie mille a tutti”.

In un episodio del podcast Football with Grand Wall, pubblicato pochi giorni prima della sua morte il 6 dicembre, si è lamentato di non sentirsi bene.

“È andata davvero male in termini di oppressione, oppressione, pressione al petto. Bei capelli, mi sento male”, ha detto Wall al co-conduttore Chris Whittingham nell’episodio, aggiungendo di aver cercato aiuto presso la clinica medica nei media della Coppa del Mondo. centro, credendo di avere la bronchite.

Gli hanno dato sciroppo per la tosse e ibuprofene e dopo un po’ si è sentito meglio, ha detto.

Wall ha detto di aver sperimentato “una resa involontaria del mio corpo e della mia mente” dopo la partita USA-Olanda del 3 dicembre.

“Questo non è il mio primo rodeo. Ne ho fatti otto da parte degli uomini», disse poi. “Quindi, sono un po’ stufo di ogni partita, e si tratta di cercare di trovare un modo per voler fare il tuo lavoro.”

Ha ulteriormente descritto l’incidente in una recente newsletter pubblicata il 5 dicembre, dove ha scritto che il suo corpo era “rotto” a causa del poco sonno, dell’alto stress e del superlavoro. Ha avuto un raffreddore per 10 giorni che “è diventato più grave”, ha scritto, aggiungendo che si sentiva meglio dopo aver ricevuto antibiotici e aver dormito un po’.

Wall ha dato la notizia a novembre di essere stato arrestato e gli è stato brevemente negato l’ingresso ai Mondiali dopo aver indossato una maglietta arcobaleno a sostegno dei diritti LGBTQ.

Ha detto che il personale di sicurezza gli ha detto di cambiarsi la maglietta e gli ha portato via il telefono perché “non era permesso”. Wall ha detto di essere stato rilasciato 25 minuti dopo essere stato arrestato e si è scusato con un rappresentante della FIFA e un membro anziano della squadra di sicurezza allo stadio.

Più tardi, Wall ha detto alla CNN che “probabilmente” avrebbe indossato di nuovo la maglia.

La morte di Wall ha provocato un’ondata di shock nella comunità del calcio e del giornalismo sportivo, con molti che hanno reso omaggio sui social media.

“Solo pochi giorni fa, Grant è stato riconosciuto dalla FIFA e dall’AIPS (International Sports Press Association) per il suo contributo alla cronaca di otto Mondiali consecutivi”, ha dichiarato il presidente della FIFA Gianni Infantino in una nota.

I co-redattori di Sports Illustrated, la pubblicazione in cui Wall ha trascorso la maggior parte della sua carriera, hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta di essere “scioccati e devastati dalla notizia della morte di Grant”.

“Siamo orgogliosi di definirlo collega e amico da due decenni: nessuno scrittore nella storia di (Sports Illustrated) è stato più appassionato dello sport che amava e delle storie che amava raccontare”, si legge nella dichiarazione.

Wall si è unito per la prima volta alla pubblicazione nel novembre 1996, ha aggiunto. Ha iniziato a coprire lo sport come giornalista junior – prima che raggiungesse l’apice della popolarità globale di cui gode ora – e alla fine è diventato “una delle autorità più rispettate nel mondo del calcio”, ha detto.

Wall ha anche lavorato con altri media, tra cui Fox Sports, afferma la dichiarazione. Dopo aver lasciato Sports Illustrated nel 2020, ha iniziato a pubblicare il suo podcast e la sua newsletter.

Venerdì a Filadelfia, la star del basket LeBron James ha detto che “gli piace molto Grant”. Mentre era a Sports Illustrated, Wall ha realizzato una storia di copertina su James quando era al liceo.

“Ho sempre guardato da lontano mentre salivo di livello e diventavo un professionista, e lui passava a uno sport diverso”, ha detto James. “Ogni volta che viene fuori il suo nome, penso a me stesso da giovane, ed è una triste perdita avere Grant nel nostro edificio”.

Altri giocatori di calcio americani attuali ed ex, tra cui Ali Krieger e Toni Miola, hanno condiviso le loro condoglianze, così come organizzazioni sportive come la Major League Soccer e la National Women’s Soccer League.

Wittyngham, co-conduttore del podcast di Wahl, sabato ha detto alla CNN che la notizia della sua morte è stata difficile.

“Per gli americani, Grant Wall è stata la prima persona con cui hai coperto il calcio. È stata l’unica persona per un po ‘… Grant è stata la prima persona a prestare davvero attenzione al gioco in modo significativo”, ha detto Whittingham.

Molti giornalisti hanno condiviso storie con Wall e lo hanno incontrato in diversi Mondiali nel corso degli anni.

“Ha fatto canestro prima di diventare un grande calciatore di copertura ed è stato molto gentile con me”, ha scritto il leggendario giornalista televisivo Dick Vitale.

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Qatar Timmy D. Davis ha twittato che Wall era “un giornalista famoso e molto rispettato che si è concentrato sul bellissimo gioco”.

READ  Le inondazioni del Kentucky uccidono almeno 16 persone, il governatore avverte che il bilancio "potrebbe essere molto più alto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.