Il Kenya schiera truppe in Congo per aiutare a porre fine a decenni di spargimenti di sangue

NAIROBI (Reuters) – Mercoledì il presidente del Kenya William Ruto ha schierato truppe nella Repubblica Democratica del Congo orientale per unirsi a una forza regionale nell’Africa orientale con l’obiettivo di porre fine a decenni di spargimenti di sangue.

I sette paesi della Comunità dell’Africa orientale, a cui il Congo ha aderito quest’anno, hanno concordato ad aprile di costituire una forza congiunta per combattere i gruppi di milizie nell’est del Congo. Le forze keniote si uniranno a un contingente del Burundi.

Nonostante abbiano speso miliardi di dollari per una delle più grandi forze di pace delle Nazioni Unite, più di 120 gruppi armati continuano ad operare in vaste aree del Congo orientale, compresi i ribelli del Movimento 23 marzo, che il Congo ha ripetutamente accusato di appoggiare al Ruanda. Kigali nega queste accuse.

L’Uganda ha già inviato truppe in Congo nell’ambito di un dispiegamento separato per dare la caccia ai militanti legati allo Stato islamico, uno dei gruppi in guerra nell’est del Congo.

“Abbiamo tutti un interesse per la stabilità e la sicurezza della Repubblica Democratica del Congo”, ha detto Ruto durante una cerimonia di congedo nella capitale del Kenya, Nairobi.

Ruto ha affermato che le Nazioni Unite e l’Unione africana hanno fornito un sostegno “tacito” per il dispiegamento del Kenya.

READ  Putin afferma che gli Stati Uniti vogliono "prolungare" la guerra in Ucraina

Il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha affermato che il segretario generale di Reuters Antonio Guterres non aveva autorità delegata e che le decisioni sull’opportunità di finanziare tali compiti erano al di fuori della sua competenza.

Una fonte delle Nazioni Unite ha detto a Reuters che c’era una certa ambiguità sul dispiegamento delle forze keniote perché Nairobi voleva finanziamenti internazionali, che richiederebbero l’autorizzazione formale del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite o dell’Unione africana.

“Abbiamo lavorato duramente per mobilitare la comunità internazionale a sostegno della forza dell’Africa orientale”, ha affermato il ministro della Difesa keniota Aden Duale durante l’evento.

Diverse migliaia di persone mercoledì mattina hanno organizzato una manifestazione nella città di Bukavu, nel Congo orientale, contro il potere regionale perché alcuni dei loro “nemici”, hanno detto, sono stati membri della Comunità dell’Africa orientale.

Rapporti aggiuntivi di Edwin Waita, Herward Holland e Mukilua Hlachwayo; Segnalazione aggiuntiva di Crispin Kyalangalilwa; Scritto da Hereward Holland. Montaggio di James Macharia Chegg, William MacLean e Sandra Mahler

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.