Il nulla osta di sicurezza differisce dai presidenti che riguardano il caso Trump

Secondo gli esperti dell’intelligence, i pubblici ministeri che esaminano Donald Trump per un possibile trattamento improprio di informazioni riservate dovranno farlo senza una componente legale e fattuale chiave che è stata a lungo un punto fermo in questi casi. Questo perché, a differenza della stragrande maggioranza dei lavoratori federali che accedono a informazioni riservate, i capi non sono obbligati a firmare documenti su documenti riservati come parte della loro entrata o uscita dal governo.

In genere, quando qualcuno ottiene l’accesso a informazioni riservate, viene “letto”, un processo che prevede inizialmente la firma di documenti in cui riconosce i requisiti legali per non condividere informazioni su software sensibile con persone non autorizzate o per mantenere i documenti riservati in una forma non autorizzata. Posti. Quando lasciano questi lavori, vengono “letti” di nuovo, riconoscendo per iscritto le loro responsabilità legali e dichiarando di non essere in possesso di documenti riservati.

David Price, un ex ufficiale della CIA che ora è l’editore di Lawfare, un sito web di sicurezza nazionale e produttore di podcast, ha detto che i presidenti non vengono letti dai programmi segreti quando lasciano l’incarico. Questo è, ha detto, “perché i presidenti non vengono letti formalmente”.

Ha detto la stampa: C’è un mito secondo cui i presidenti hanno un nulla osta di sicurezza ufficiale. Non lo fanno”.

In virtù della sua elezione a presidente da parte del popolo americano, Bryce ha affermato: “Il comandante in capo ha il potere di classificare o declassificare i documenti”. “L’ex presidente può ottenere l’accesso a materiale riservato limitato dopo aver lasciato l’incarico per assistere con la scrittura di promemoria o a discrezione dell’incumbent, ma non include un nulla osta di sicurezza formale”.

L’e-mail mostra che l’avvocato della Casa Bianca ha concordato nel 2021 che i documenti in possesso di Trump dovrebbero essere archiviati

In precedenti casi di abusi segreti che coinvolgevano persone diverse dai superiori, i documenti ufficiali per la lettura di questioni riservate erano una parte importante dell’indagine. Quando il generale in pensione ed ex direttore della CIA David Petraeus dichiarato colpevole nel 2015 con l’accusa di cattiva gestione di informazioni riservate, Ad esempio, i documenti del tribunale lo affermavano Aveva firmato ripetutamente documenti in cui affermava che non avrebbe condiviso o conservato in modo improprio materiale classificato.

READ  Facebook e Twitter uccidono la campagna di influenza dell'Ucraina

Petraeus ha firmato almeno 14 accordi di riservatezza di questo tipo durante la sua carriera nel settore militare e di intelligence, inclusa una dichiarazione nel 2006 che avrebbe “restituito tutto il materiale che potrei essere in mio possesso o di cui sono responsabile a causa di questo accesso. , sulla base di una richiesta di un rappresentante autorizzato del governo degli Stati Uniti o al completamento del mio rapporto di lavoro o di altro tipo con il governo degli Stati Uniti.”

Lo stesso annuncio afferma che Petraeus ha capito che se non avesse restituito tale materiale su richiesta, potrebbe trattarsi di una violazione dell’Espionage Act, la stessa sezione del codice penale menzionata nel mandato di perquisizione dell’FBI per la casa di Trump a Mar-a-Lago questo mese . .

Nel 2012, quando Petraeus lasciò la CIA, firmò un documento in cui dichiarava: “Mi assicuro che nessun materiale classificato è in mio possesso, custodia o controllo in questo momento”. Questo documento in seguito divenne parte della causa contro di lui.

Ma Trump, come i suoi predecessori, non sembra aver firmato tali documenti, che potrebbero avere un significato legale per il modo in cui i pubblici ministeri vedono il suo caso.

L’inchiesta Trump è emersa da una polemica in cui si sono ripetuti gli Archivi Nazionali pressione L’ex presidente di presentare materiali che erano considerati proprietà del governo ai sensi del Presidential Records Act. Alla fine, i consiglieri di Trump hanno consegnato 15 scatole di materiale, inclusi, secondo l’agenzia, più di 100 documenti riservati, alcuni dei quali top secret.

La restituzione di quelle scatole dal Mar-a-Lago Club di Trump a gennaio ha innescato campanelli d’allarme nel governo sul fatto che l’ex presidente o i suoi collaboratori le hanno gestite male e mantenuto grandi quantità di informazioni sensibili sulla difesa nazionale. Ma la posizione di Trump come ex presidente significa che l’indagine penale, per necessità, potrebbe finire per concentrarsi maggiormente su ciò che Trump ha fatto a partire da maggio, quando ha ricevuto una citazione del gran giurì su qualsiasi materiale riservato rimanente, piuttosto che sulle sue azioni riguardo al trasformato- negli articoli. Altro a gennaio.

READ  Papa Francesco elogia l'umiltà di papa XIII che si è dimesso | Papa Francesco

Gli esperti hanno affermato che se Trump non si atterrà pienamente alla citazione, potrebbe correre un rischio legale Indipendentemente dal fatto che sia stato letto da programmi segreti quando ha lasciato l’incarico.

“Questo è un altro motivo per cui l’indagine penale e il perseguimento di un ex presidente hanno complicazioni”, ha affermato Brandon Van Grack, un avvocato di pratica privata che in precedenza ha lavorato su casi di abuso di riservatezza quando era un pubblico ministero federale. “Ciò che evidenzia è che il procedimento penale si concentra su ciò che è accaduto dopo maggio, non su ciò che è accaduto prima”.

Un portavoce del Dipartimento di Giustizia ha rifiutato di commentare come l’apparente mancanza di lettura o lettura di Trump potrebbe influenzare l’analisi legale dei fatti nel caso Trump da parte dei pubblici ministeri.

L’ex capo di stato maggiore di Trump, John F. Kelly, che ha affermato che non gli piacevano le regole di classificazione e non si fidava dei funzionari dell’intelligence, ha affermato che i funzionari del governo avrebbero dovuto fornire al 45esimo presidente una sorta di debriefing su questioni e documenti riservati quando ha lasciato la Casa Bianca .

“Era importante che lo leggessimo perché alcuni sperano che non avesse violato tutte queste regole relative al materiale classificato. Il messaggio importante era: ‘Una volta diventato presidente, tutte le regole si applicano a te’, ha detto Kelly.

Un portavoce di Trump non ha risposto a una richiesta di commento sul fatto che l’ex presidente avesse ricevuto alcun tipo di informazione sull’uscita A proposito di materiale classificato. Trump ha criticato l’FBI per aver perquisito la sua casa e i suoi difensori hanno affermato di aver declassificato i materiali che aveva portato con sé prima di lasciare l’incarico, sebbene non sia stata resa pubblica alcuna prova del fatto che abbia seguito il processo per farlo.

READ  Il principe William e Kate Middleton si irradiano mentre lasciano i bambini il primo giorno di scuola

La ricerca dell’FBI su Mar-a-Lago segue mesi di resistenza e ritardi da parte di Trump

Lunedì, gli avvocati di Trump hanno depositato atti processuali cercando di nominare un maestro speciale per rivedere il materiale sequestrato nella ricerca di agosto: una strana richiesta dato che tali nomine sono generalmente fatti per affrontare questioni di privilegio avvocato-cliente, non informazioni riservate, e quella richiesta ha fatto Non è arrivato. Sono passate solo due settimane di ricerca, il che significa che le forze dell’ordine avevano effettivamente esaminato il materiale sequestrato per un lungo periodo di tempo.

Il 22 agosto, gli avvocati dell’ex presidente Donald Trump hanno chiesto a un tribunale federale di nominare un maestro speciale per esaminare i documenti sequestrati dall’FBI a Mar-a-Lago. (Video: Reuters)

Un giudice federale in Florida che ha ricevuto quella richiesta ha chiesto al team legale di Trump di spiegare perché era stata presentata e ha dato agli avvocati una scadenza venerdì per rispondere.

L’abuso di materiale di sicurezza nazionale non è l’unico crimine indagato nell’indagine Mar-a-Lago e lo status di Trump come ex presidente potrebbe non ridurre i suoi rischi legali per le altre due potenziali accuse penali elencate nel mandato di perquisizione: distruzione di documenti e nascondere o travisare materiale governativo.

ancora, Ashley Dix, una professoressa di giurisprudenza presso l’Università della Virginia che fino a poco tempo fa era il vice consulente legale del Consiglio di sicurezza nazionale, ha affermato che le leggi e le pratiche relative alle informazioni riservate mettono il presidente in una posizione alquanto unica.

“Dato che il presidente stesso è l’autorità di valutazione definitiva, ha senso che le agenzie non leggano formalmente i presidenti nei programmi riservati”, ha affermato Dix. “Per quanto riguarda gli ex presidenti, lo stesso Congresso ha riconosciuto per legge che gli ex presidenti possono ancora avere accesso ad almeno alcuni dei loro documenti, sebbene il Congresso abbia anche chiarito che gli ex presidenti non possiedono personalmente questi documenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.