Il Pakistan afferma che le orribili inondazioni rafforzano la necessità di un risarcimento

Sharm El Sheikh, Egitto – Il ministro degli Esteri pachistano ha affermato che le catastrofiche inondazioni che hanno inondato un terzo del paese all’inizio di quest’anno sottolineano la necessità che i paesi ricchi forniscano un risarcimento, Una questione molto controversa che ha avuto un ruolo centrale nella principale conferenza delle Nazioni Unite sul clima.

Prendi in considerazione un risarcimento o un finanziamento “perdita e danno”. Una questione fondamentale della giustizia climatica. La questione calda è entrata nella storia domenica all’apertura del vertice sul clima della COP27 adottandola formalmente per la prima volta all’ordine del giorno.

La decisione di includere il finanziamento delle perdite e dei danni come punto all’ordine del giorno, proposta dal Pakistan, è stata preceduta 48 ore prima dei colloqui.

Gli inviati per il clima, riuniti nella località egiziana di Sharm el-Sheikh, sul Mar Rosso, discuteranno ora un accordo su una struttura di finanziamento che fornirebbe alle nazioni ricche denaro per perdite e danni alle nazioni vulnerabili.

Il presidente del parlamento pakistano Bilawal Bhutto Zardari ha detto alla CNBC che è stato un successo che il finanziamento per perdite e danni sia stato finalmente adottato nell’agenda della COP27, sottolineando il ruolo che i paesi in via di sviluppo hanno svolto nel creare consenso sulla questione.

Ora spera che la comunità internazionale possa trovare un modo per affrontare collettivamente il finanziamento di perdite e danni.

“L’abbiamo scoperto in prima persona attraverso le orribili e catastrofiche inondazioni che abbiamo vissuto all’inizio di quest’anno, e stiamo ancora affrontando le conseguenze di questo, … un evento di questa portata. [does] Non abbiamo alcun meccanismo finanziario internazionale a nostra disposizione per poter affrontare una tragedia di questa portata”.

READ  Macron: l'Ucraina decide i tempi e le condizioni per la pace con la Russia
Guarda l'intervista completa della CNBC al ministro degli Esteri pakistano Bilawal Bhutto Zardari

Mesi di pioggia incessante in Pakistan hanno inondato aree del paese dell’Asia meridionale, sfollando milioni di persone mentre le inondazioni hanno spazzato via case, trasporti, raccolti e bestiame. Zardari ha stimato che il danno totale fosse un importo “astronomico” di $ 30 miliardi.

Zardari ha affermato che il Pakistan è “consapevole” del difficile contesto economico, citando gli effetti della pandemia di coronavirus e della guerra russa in Ucraina, ma ha aggiunto che “questa è già diventata una doppia tragedia” per il Paese.

Il disastro mette in luce la disparità tra coloro che sono più colpiti dalle conseguenze del riscaldamento globale e coloro che lo sono La più grande responsabilità storica della crisi climatica.

“Non possiamo negare che non esistono perdite e danni. Voglio dire che un terzo del mio Paese è sott’acqua e questo dimostrerà il contrario, ma non voglio considerare questo come una sorta di responsabilità o risarcimento”, ha detto Zardari, riferendosi alla riluttanza dei paesi ricchi ad assumersi la responsabilità di perdite e danni.

Ha avvertito che questo non si fermerà al Pakistan. “Il prossimo paese colpito deve avere qualcosa a disposizione in modo che possano rimediare alle perdite e ai danni”.

“Un’agenda non molto costruttiva”

I paesi ricchi si oppongono da tempo alla creazione di un fondo per affrontare perdite e danni e molti politici temono che l’accettazione di responsabilità possa portare a un’ondata di azioni legali da parte dei paesi in prima linea nell’emergenza climatica.

L’inviato statunitense per il clima John Kerry ha indicato in precedenza che gli Stati Uniti non sarebbero disposti a risarcire i paesi per le perdite e i danni subiti a causa dell’emergenza climatica.

Tuttavia, in un apparente ammorbidimento di tale posizione, Kerry da allora ha affermato che Washington non “interromperà” i discorsi su perdite e danni alla COP27.

L’inviato statunitense per il clima John Kerry ha affermato che Washington non “interromperà” i colloqui per perdite e danni a Sharm el-Sheikh.

Bloomberg | Bloomberg | Getty Images

Mesi di pioggia incessante in Pakistan hanno inondato zone del Paese dell’Asia meridionale.

Asif Hassan | Afp | Getty Images

Alla domanda se c’era il rischio che la lobby per il finanziamento di perdite e danni potesse interrompere i colloqui alla COP27, Singh ha risposto: “Quello che sto dicendo a questo proposito è che perdite e danni non sono stati sul tavolo negli ultimi 30 anni e guarda cosa è successo”.

“Perdite e danni sono una pagella per l’inazione negli ultimi 30 anni. Perdite e danni ci dicono che ora ci sono conseguenze”, ha detto Singh. “Se avessimo parlato di perdite e danni nel 1992, se non avessimo mitigato, avresti dovuto pagare per la perdita e il danno, avresti fatto bene all’inizio”.

La finanza è la chiave di tutto ciò che accade

Nel frattempo, l’ex funzionario delle Nazioni Unite per il clima Patricia Espinosa ha detto alla CNBC che i finanziamenti per il clima “sono la chiave per far sì che tutto accada”.

“Questo è stato il caso per un bel po’ di conferenze, ma ora che stiamo iniziando un’era di implementazione, questa è un’area che farà la differenza”.

Il Pakistan lotta a causa delle storiche inondazioni

Espinosa ha affermato di essere particolarmente preoccupata per il fatto che l’impegno delle nazioni ricche di 100 miliardi di dollari in finanziamenti per il clima nel 2009 per aiutare le nazioni a basso reddito a mitigare e adattarsi all’emergenza climatica deve ancora essere soddisfatto.

“È al centro del tipo di sfiducia che stiamo vedendo, quindi sono molto preoccupato per questo”, ha detto Espinosa.

“C’è un bisogno molto chiaro di trovare denaro e non lo vedo. Tuttavia, quello che spero accada è che possiamo davvero iniziare ad avere una conversazione seria e informata sul finanziamento di perdite e danni”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.