Il panel delle Nazioni Unite mette in guardia contro l’arresto del cambiamento climatico, ma il tempo stringe

Tuttavia, il rapido allontanamento dai combustibili fossili che hanno sostenuto le economie per più di un secolo richiederà alle nazioni di fare molto di più. Nel prossimo decennio, governi e imprese dovranno investire da tre a sei volte Quasi 600 miliardi di dollari Attualmente spendono ogni anno per promuovere l’energia pulita e ridurre le emissioni, afferma il rapporto.

Ma anche il costo dell’inazione è alto, in termini di morti, sfollamenti e danni. Negli Stati Uniti lo scorso anno, i danni causati da inondazioni, incendi, siccità e altri disastri meteorologici e climatici sono stati pari a circa 145 miliardi di dollari, Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration. L’agenzia ha affermato che livelli “estremamente elevati” di disastri sono diventati la “nuova normalità”.

“Ridurre significativamente le emissioni è molto meno doloroso di quanto si pensi e potrebbe essere utile a breve termine”, ha affermato Glenn Peters del Center for International Climate Research di Oslo, Norvegia, che ha contribuito al rapporto.

Il nuovo rapporto esamina dozzine di strategie che scienziati ed esperti di energia hanno proposto per aiutare i paesi a compiere la transizione.

In primo luogo, i paesi dovranno ripulire quasi tutte le centrali elettriche in tutto il mondo che generano elettricità per le case e le fabbriche. Ciò significa una maggiore dipendenza dall’energia eolica, solare, nucleare, geotermica o idroelettrica. La maggior parte degli impianti a carbone e gas naturale nel mondo dovrà essere chiusa o installata tecnologia di cattura del carbonio Può intrappolare le emissioni e seppellirle sottoterra. Questa tecnologia è stata lenta a decollare a causa dei suoi costi elevati.

Il prossimo passo sarà rimodellare i trasporti, l’industria e altri settori dell’economia globale in modo che funzionino con elettricità pulita anziché con combustibili fossili. Le auto a benzina possono essere sostituite da veicoli elettrici caricati con reti a basse emissioni di carbonio. I forni a gas nelle case possono essere sostituiti con pompe di calore elettriche. Invece di bruciare carbone, le acciaierie possono passare a forni elettrici che fondevano rottami.

READ  Vettore

Allo stesso tempo, i paesi possono adottare misure per ridurre la domanda complessiva di energia. Ciò potrebbe comportare l’espansione dei trasporti pubblici, il potenziamento dell’isolamento in modo che le case utilizzino meno energia, il riciclaggio di più materie prime e il rendere le fabbriche più efficienti dal punto di vista energetico. Il rapporto rileva che tali politiche dal lato della domanda potrebbero aiutare a ridurre le emissioni nei settori chiave fino al 40-70% entro il 2050.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.