Il Regno Unito avverte di blackout invernali di tre ore se la domanda di gas diminuisce

Regno Unito Operatore Energetico Nazionale Ha avvertito i cittadini di prepararsi per un’interruzione di corrente fino a tre ore questo inverno nel caso “improbabile” di una carenza di fornitura di gas.

La National Grid Electricity System Operating Company (ESO) ha annunciato giovedì di aver adottato misure precauzionali per garantire la fornitura di gas dal 31 ottobre al 31 marzo 2023.

“L’invasione russa dell’Ucraina significa che, nel complesso, questo inverno sarà probabilmente difficile per l’approvvigionamento energetico in tutta Europa”, ha affermato l’operatore nazionale in una dichiarazione che ha evidenziato molteplici scenari in cui gli inglesi potrebbero trovarsi a corto di energia durante il picco di utilizzo.

La piattaforma di condensazione di gas Armada, gestita da BG Group Plc, si trova nel Mare del Nord, al largo della costa di Aberdeen, nel Regno Unito, l’11 dicembre 2015. (Simon Dawson/Bloomberg tramite Getty Images/Getty Images)

Biden rilascerà altri 10 milioni di barili dalla Strategic Petroleum Reserve a novembre sulla scia dell’OPEC+ CUTS

“Potrebbero esserci giorni in cui fa freddo (e quindi probabilmente una domanda elevata), con bassi livelli di vento (bassa generazione disponibile), in cui c’è la possibilità di dover tagliare la fornitura ad alcuni clienti per periodi di tempo limitati”, ha affermato l’AIEA. , aggiungendo che eventuali interruzioni di corrente saranno “gestite e controllate”.

“Tuttavia, ci aspettiamo che le nostre misure di mitigazione siano efficaci”, ha aggiunto.

I funzionari hanno affermato che il pubblico può anche aiutare non abusando del calore e limitando il consumo di energia durante le ore di punta.

READ  Immagini della portaerei della US Navy da 13 miliardi di dollari, la USS Gerald R. Guado

Si prevede che le scorte di gas della Gran Bretagna durante l’inverno saranno ampiamente adeguate a causa delle linee di approvvigionamento del gas nel Mare del Nord e delle importazioni dalla Norvegia.

Prima dell’invasione russa dell’Ucraina, gli Stati membri dell’UE facevano affidamento su quasi il 40% delle loro importazioni di gas da Mosca.

Regno Unito Gas

Gli attivisti per il clima della Just Stop Oil Coalition arrivano a bloccare Parliament Square per chiedere che nessuna nuova licenza per petrolio e gas venga concessa dal governo il 1 ottobre 2022 a Londra. (Mark Cresson/Immagini via Getty Images/Getty Images)

I ministri OPEC + concordano di tagliare la produzione di 2 milioni di barili al giorno

Anche se hanno adottato misure per ridurre drasticamente le importazioni dalla Russia 90% entro fine anno, Non è chiaro in che misura l’UE abbia continuato a importare da Mosca, in particolare alla luce delle continue interruzioni dell’approvvigionamento.

Il Regno Unito faceva affidamento in misura minore sul Cremlino per il suo fabbisogno energetico e le sue importazioni Solo il 3% del suo gas proviene dalla Russia.

Gas del Mare del Nord

Un dipendente cammina al piano di sotto alla luce del gas che brucia da un tubo di sfiato sulla piattaforma di condensazione del gas Armada, gestita da BG Group Plc, nel Mare del Nord, al largo di Aberdeen, Regno Unito, 10 dicembre 2015. (Simon Dawson/Bloomberg tramite Getty Images/Getty Images)

Quasi la metà delle importazioni di gas del Regno Unito proviene dal Mare del Nord, un terzo dalla Norvegia e il resto Provenienti da paesi come il Qatar e gli Stati Uniti, Secondo le testate giornalistiche britanniche.

READ  L'Ucraina avverte di ulteriori attacchi russi alle infrastrutture energetiche

“Siamo cautamente fiduciosi che ci saranno margini sufficienti durante il periodo invernale”, ha dichiarato il CEO dell’ESO Fintan Sly in una dichiarazione.

Fare clic qui per l’app FOX Business

Style ha affermato che, sebbene sia relativamente sicuro che le case britanniche rimarranno calde durante i mesi invernali, “dobbiamo comunque tenere conto di fattori esterni e rischi al di fuori del nostro controllo, come la turbolenza e la volatilità senza precedenti nei mercati energetici in Europa e oltre”.

Style ha affermato che i funzionari britannici continueranno a lavorare con i funzionari europei del gas per garantire forniture stabili nei prossimi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.