Il russo Medvedev afferma che Mosca ha abbastanza armi

(Reuters) – L’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha risposto martedì ai rapporti occidentali secondo cui la Russia stava esaurendo missili e artiglieria, affermando che le scorte di armi di Mosca erano sufficienti per continuare a combattere in Ucraina.

“I nostri avversari stanno guardando, periodicamente affermando che non abbiamo questo o quello… Voglio deluderli. Abbiamo abbastanza di tutto”, ha detto Medvedev durante una visita alla fabbrica di Kalashnikov a Izhevsk, a circa 1.000 chilometri di distanza. . (620 miglia) a est di Mosca.

In un video pubblicato sul suo canale Telegram, Medvedev è stato visto ispezionare fucili Kalashnikov, proiettili di artiglieria, missili e droni.

Funzionari militari ucraini e occidentali hanno affermato che la Russia sta affrontando una carenza di armi dopo aver lanciato migliaia di proiettili di artiglieria e razzi in Ucraina dalla sua invasione esattamente 11 mesi fa.

Medvedev ha detto ai funzionari durante la visita che la domanda di droni è particolarmente alta per quella che Mosca chiama la sua “operazione militare speciale” in Ucraina.

Sia la Russia che l’Ucraina hanno utilizzato i droni in più attacchi dall’inizio della guerra perché sono economici, relativamente precisi e considerati più sicuri degli aerei con equipaggio.

L’Iran ha fornito alla Russia i cosiddetti “droni kamikaze” e missili terra-aria per il conflitto, provocando nuove sanzioni occidentali contro Teheran.

Medvedev, una volta visto in Occidente come la migliore speranza per un riavvicinamento con Mosca durante la sua presidenza 2008-2012, è diventato una delle voci più agguerrite della Russia a favore della guerra.

Dopo essersi dimesso da presidente nel 2012 per far posto al ritorno di Vladimir Putin alla carica di vertice, Medvedev è stato primo ministro russo per quasi otto anni prima di essere messo da parte all’inizio del 2020.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la guerra della Russia in Ucraina

Ora è vicepresidente del potente Consiglio di sicurezza e lo scorso dicembre è diventato presidente di una nuova Commissione industriale militare per supervisionare la produzione di armi a sostegno della guerra.

Ha detto la scorsa settimana che la sconfitta della Russia in Ucraina potrebbe portare a una guerra nucleare.

(Segnalazione di Jake Cordell; Montaggio di Gareth Jones)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.