Il vertice del G7 prende il via alla luce della guerra in Ucraina e della minaccia della stagflazione

Schloss Ilmau, Germania (Reuters) – Il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha accolto domenica i leader del Gruppo dei Sette ricche democrazie a un vertice di tre giorni nelle Alpi bavaresi, oscurato dalla guerra in Ucraina e dalle sue conseguenze di vasta portata. Mancanza di energia alla crisi alimentare.

Il vertice si svolge in uno scenario più oscuro rispetto allo scorso anno, quando i leader britannici, canadesi, francesi, tedeschi, italiani, giapponesi e americani si sono incontrati per la prima volta da prima della pandemia di COVID-19 e si sono impegnati a ricostruire meglio.

L’aumento dei prezzi globali dell’energia e dei generi alimentari ha influenzato la crescita economica sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Venerdì, le Nazioni Unite hanno avvertito di una “crisi della fame globale senza precedenti”. Leggi di più

Anche il cambiamento climatico, una Cina sempre più assertiva e l’ascesa dell’autoritarismo saranno all’ordine del giorno.

I leader del G7 dovrebbero cercare di mostrare un fronte unito per sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario e aumentare la pressione sul Cremlino, anche se vorranno evitare sanzioni che potrebbero aumentare l’inflazione ed esacerbare la crisi del costo della vita che colpisce i loro paesi . persone speciali.

“Il messaggio principale del G7 sarà l’unità e il coordinamento dell’azione… Questo è il messaggio principale, ovvero che anche in tempi difficili… rimaniamo fedeli alla nostra alleanza”, ha affermato un funzionario dell’UE.

Una fonte informata ha detto a Reuters che i partner del G7 sono determinati ad accettare il divieto delle importazioni di oro dalla Russia. Una fonte del governo tedesco in seguito ha affermato che i leader avevano avuto discorsi “davvero costruttivi” sulla fissazione di un possibile tetto massimo di prezzo per le importazioni di petrolio russe. Leggi di più

READ  Il Kenya schiera truppe in Congo per aiutare a porre fine a decenni di spargimenti di sangue

I leader del G7 dovrebbero anche discutere le opzioni per affrontare l’aumento dei prezzi dell’energia e per sostituire le importazioni russe di petrolio e gas.

Il vertice si terrà nella località del castello di Schloss Elmau, ai piedi della montagna più alta della Germania, lo Zugspitze, lo stesso luogo in cui il paese ha ospitato l’ultimo incontro annuale del G7 nel 2015. Poi, anche l’aggressione russa in Ucraina ha dominato l’agenda. Un anno dopo che Mosca invase la Crimea.

Il vertice è anche un’opportunità per Schultz di trarre vantaggio dall’essere l’ospite mostrando una leadership più assertiva sulla crisi ucraina.

Il cancelliere ha promesso di rivoluzionare la politica estera e di difesa tedesca dopo l’invasione russa di febbraio, promettendo di rafforzare l’esercito con 100 miliardi di euro e di inviare armi in Ucraina.

Ma da allora i suoi critici lo hanno accusato di procrastinare e inviare messaggi contrastanti avvertendo la Russia che la Russia potrebbe considerare la NATO come una parte in guerra ed evidenziando i pericoli della guerra nucleare.

Il Gruppo dei Sette è stato istituito nel 1975 come forum per le nazioni più ricche per discutere di crisi come l’embargo petrolifero dell’OPEC.

Divenne il G8 dopo che la Russia vi si unì sei anni dopo la caduta dell’Unione Sovietica. Ma Mosca è stata sospesa nel 2014 dopo aver annesso la Crimea all’Ucraina.

READ  L'Indonesia ha bisogno di case resistenti ai terremoti. Costruirli è una vera sfida

partner globali

Quest’anno Schulze ha invitato, come paesi partner, il Senegal, che attualmente presiede l’Unione Africana, e l’Argentina, che attualmente presiede il Gruppo dei paesi dell’America Latina e dei Caraibi, nonché l’Indonesia e l’India, attuale e prossimo ospite del Gruppo di 20 grandi paesi industrializzati. , così come il Sud Africa.

“Il vertice dovrebbe inviare un messaggio non solo che la NATO e il G7 sono più uniti che mai, ma anche che le democrazie del mondo stanno insieme contro l’imperialismo di Putin proprio come fanno nella lotta contro la fame e la povertà”, ha detto Schulz alla Germania. Parlamento questa settimana.

Molti paesi del sud sono preoccupati per i danni collaterali delle sanzioni occidentali.

Un funzionario dell’UE ha affermato che le nazioni del G7 avrebbero convinto le nazioni partner che gli aumenti dei prezzi alimentari che avevano colpito erano il risultato delle azioni della Russia e che non c’erano sanzioni contro il cibo. È stato anche un errore pensare alla guerra in Ucraina come a una questione interna.

“È più di questo”, ha detto il funzionario, “sta mettendo in discussione il sistema e l’ordine del secondo dopoguerra”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Sarah Marsh) Segnalazione aggiuntiva di Philip Blinkensop Montaggio di Peter Graf

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.