In che modo il volto di Brittney Grenier si riadatterà alla vita qui? Gli ex detenuti forniscono prove.

Sospensione

Jessica Buchanan era sulla macchina ellittica nella sua palestra quando i televisori hanno iniziato ad avvisare la notizia che aveva quasi soffocato il suo “riposo vicario”. Brittney Griner, una star del basket americana imprigionata in Russia, lo era emancipazione in uno scambio di prigionieri.

Buchanan non conosce Greener. Ma l’ex cooperante, tenuto in ostaggio Dai pirati in Somalia per 93 giorni dieci anni fa, era tra i pochi a sapere cosa avrebbe dovuto affrontare Grenier: un gioioso e meraviglioso ricongiungimento con i propri cari. Assalto di richieste di interviste. Sono l’alba dei grandi sforzi compiuti dalle persone a casa per assicurarsi la sua libertà. E alla fine, l’unica consapevolezza che le famiglie lasciano un segno che non svanisce mai.

L’11 dicembre, l’amministrazione Biden ha difeso le critiche all’accordo di scambio di prigionieri della star della WNBA Brittney Griner con il trafficante d’armi russo Viktor Bout. (Video: Il Washington Post)

“Quando guardi queste cose oscillare e il tempo passare, sai esattamente come ci si sente”, ha detto Buchanan, 43 anni, che vive ad Alexandria, in Virginia. Dopo che qualcuno è stato rilasciato, ha aggiunto: “Quello che succede è che tutti pensano che tutto andrà bene d’ora in poi, perché ci sei passato; sei sopravvissuto. È la fase della luna di miele. Ciò che viene definito è ciò che io chiamo ‘sopravvivenza’.” “.

L’esperienza di Greiner, una celebrità il cui arresto per possesso di cannabis è diventato uno storico confronto geopolitico, è diversa da quella di molti altri americani ingiustamente imprigionati o tenuti in ostaggio all’estero. Ma indipendentemente dalle circostanze, ora è membro di un piccolo club a cui nessuno vuole entrare, dicono gli ex detenuti, legati dall’esperienza condivisa della libertà rubata e dalla sua conoscenza spesso turbolenta.

Man mano che questa insolita comunità cresceva, alcuni dei suoi membri formarono organizzazioni di difesa che sostenevano gli ostaggi e le loro famiglie. Alcuni sono diventati attivisti di politica estera. Alcuni si ritirano dagli occhi del pubblico. Alcuni sono particolarmente dipendenti l’uno dall’altro.

ha detto Sam Goodwin, che era imprigionato in Siria Per due mesi nel 2019 ho trovato comunione con altri ex ostaggi.

Goodwin, 34 anni, ha recentemente pranzato con Buchanan, che considera un amico. Ha anche incontrato a Washington questo mese Jorge Toledo, Uno dei sei americani e un residente permanente degli Stati Uniti È stato rilasciato dalla prigione In Venezuela ad ottobre.

Goodwin è stato arrestato dalle forze siriane mentre era vicino alla fine di un tentativo di visitare tutti i paesi del mondo: la Siria era il numero 181 su 193. Ha trascorso un mese in isolamento ed è stato portato in tribunale quattro volte, ha detto. Non aveva idea che qualcuno lo stesse aiutando fino a quando, 62 giorni dopo, i mediatori libanesi hanno aiutato a ottenere il suo rilascio ed è stato trasportato in aereo a Beirut, di fronte ai suoi genitori esultanti e a un mare di telecamere.

Un giorno dopo, Goodwin tornò nella sua camera da letto d’infanzia a St. Louis. Gli amici del liceo, che lo hanno visto al telegiornale, sono passati di lì. Dopo due mesi in cui aveva visto così poco cemento, la vista degli alberi gli piacque. Fu consolato dalla presenza dei suoi quattro fratelli e dei suoi genitori.

READ  COP27 offre una svolta nel fondo per il clima a scapito dei progressi nelle emissioni

Goodwin ha detto che le famiglie hanno approfondito la sua perseveranza e gratitudine e gli hanno dato una nuova attenzione alla vita: ora è uno studente di dottorato che studia il conflitto siriano alla Johns Hopkins University ed è un membro dell’organizzazione no profit. Aiuta gli ostaggi in tutto il mondo. Non ha denunciato il suo arresto in Siria al primo appuntamento. Ma lei sgorga incontrando gli altri ostaggi.

“Mi sento abbastanza a mio agio nel fare loro qualsiasi domanda”, ha detto Goodwin, “perché vengo da lei da un posto in cui ho avuto un’esperienza simile:” Ehi, ho capito, sono solo curioso: com’era il tuo cibo? “Ricevo spesso questa domanda, ma la faccio da un posto diverso.”

“Ciò che ci unisce è che abbiamo un posto dove portare le nostre storie”, ha detto Buchanan. “E non siamo estranei l’uno all’altro.”

Dagli archivi: i Navy SEAL salvano l’operatrice umanitaria rapita Jessica Buchanan

Il rientro era diverso da Buchanan, che fu salvato dai Navy SEALs. In cattive condizioni di salute dopo aver dormito per mesi nel deserto senza prescrizione medica, ha inizialmente trascorso del tempo in un ospedale militare in Italia, dove ha preso parte a un programma di reintroduzione del Dipartimento della Difesa che, secondo lei, ha “aumentato” il processo. Ha visto suo marito per un’ora il suo primo giorno in libertà, e ha visto un po’ di più il secondo giorno, come protocollo per evitare di annegare.

Quel sostegno finì presto e Buchanan si trovava a Portland, nell’Oregon, dove la sua famiglia immediata affittò una casa per sfuggire alla folla dei media. L’arredamento era fantastico: ricorda di essersi rifiutata di camminare solo per il gusto di sedersi su una sedia. Era anche presa dall’impulso di correre lungo il fiume, sebbene non fosse mai stata una corridore, affascinata dalla bellezza del nord-ovest del Pacifico.

Poi Buchanan è rimasta inaspettatamente incinta, un’esperienza difficile che ancora una volta l’ha lasciata in ostaggio, questa volta del proprio corpo e della malattia legata alla gravidanza. L’ansia ha dominato la sua vita. Lei e suo marito tornarono al loro lavoro a Nairobi, ma lei non se la sentiva di continuare.

un decennio dopo, Buchanan È un oratore pubblico, podcaster, editore e volontario con l’organizzazione ostaggio USA. Pensa ancora quotidianamente alla sua prigionia, che ha detto l’ha costretta a ricostruire la sua identità.

Ha detto: “A molti di noi a cui succede, diremo la stessa cosa: sei in questi posti perché stai facendo qualcosa o lavorando a qualcosa che ami davvero”. “Ora che non ce l’hai, allora chi sei?”

Toledo, 61 anni, all’inizio di quel processo. Ha trascorso quasi cinque anni in prigionia in Venezuela come “Sei resisterannoUn gruppo di dirigenti di petrolio e gas è stato ingiustamente imprigionato dal regime di Nicolás Maduro nel 2017.

quando cinque di loro Sono stati rilasciati in ottobre Come parte dello scambio di prigionieri, si sono recati in una base militare a San Antonio dove si sono riuniti con le loro famiglie, lontano dagli occhi del pubblico. Come Buchanan, Toledo ha trascorso 10 giorni in un programma militare progettato per aiutare i detenuti ad adattarsi, qualcosa che ha detto essere inestimabile.

READ  Cosa succede ai cani della regina Elisabetta ora che è morta?

Un appassionato corridore prima del suo arresto, Toledo fantasticava di correre durante i suoi anni in prigione. Alla base, si è alzato presto e ha percorso solo un chilometro prima che le sue gambe si sentissero deboli. Ma stare all’aria aperta, respirare aria fresca e vedere l’alba era quasi indescrivibile. “È stata una transizione dal sogno alla realtà”, ha detto. “A volte ti chiedi: ‘È reale o è solo un altro sogno?'” “

Quando è tornato a casa in un sobborgo di Houston, i compiti quotidiani erano fonte di stress. Guidare per la prima volta, ha detto, “è stato come fare paracadutismo”. Un tempo confortante rituale della memoria, fare la paella sembrava una sfida che suscitava sentimenti di insicurezza. Si ritrova a usare l’umorismo per evitare di deprimere gli altri, scherzando con i suoi amici dicendo che la prigione lo ha cambiato insegnandogli nuove abilità: pulire i bagni, fare il bucato e lavare i piatti.

Nonostante sia stato rilasciato solo per due mesi, Toledo ha dichiarato di aver deciso di iniziare a difendere altri ostaggi. Ha parlato con famiglie di americani detenuti in Iran e Cina e ha incontrato ex ostaggi e altri detenuti, tra cui Goodwin. Spera che anche Grenier segua il programma di rientro.

“Investire in questi pochi giorni della tua vita renderà questa transizione ancora migliore”, ha detto.

Fattal: Sono stato imprigionato in Iran per due anni. Mi ha insegnato molto su come negoziare con Teheran.

Joshua Fattal, uno dei tre americani Quelli detenuti dalle guardie di frontiera iraniane Mentre vaga vicino al confine Iran-Iraq nel 2009, descrive per categorie il suo ritorno dopo più di due anni nella famigerata prigione iraniana di Evin.

Fattal ha detto che doveva abituarsi a non essere imprigionato – ricorda di essersi chiuso fuori dal suo appartamento, perché “non ho avuto a che fare con le chiavi per anni – tutti avevano le chiavi”. Ha dovuto adattarsi a stare nel suo paese d’origine, dove da tempo si aspettava che gli estranei parlassero una lingua straniera. Poi c’è stato il panorama dei media e la consapevolezza che la sua orribile esperienza personale era stata spazzata via Grandi romanzi politici.

Fattal, 40 anni, è rimasto in contatto con i compagni di prigionia, Shane Bauer e Sarah Shourd, e ha trovato un po’ di guarigione attraverso la scrittura. prenotare Con loro. Questo gli ha permesso di classificare le sue esperienze come “storie”: la volta in cui ha giocato a pallavolo con una guardia, il giorno in cui è stato condannato a otto anni di prigione, ha detto.

Di recente, ha detto, è stato in grado di rivisitare i sentimenti dietro quelle storie, con l’aiuto della terapia assistita da sostanze psichedeliche, in “modo sicuro e significativo”.

Fattal, che ora è il direttore esecutivo dell’Oregon Rural Livelihoods Center, ha affermato che sebbene non sia attivamente associato ad altri ex ostaggi, sente una parentela con altri che sono stati imprigionati.

Fattal, che ha recentemente incontrato un uomo rilasciato da una prigione statunitense, ha affermato che sebbene milioni di persone siano incarcerate negli Stati Uniti, “non è un’incognita per la classe media, l’America tradizionale”. “Non conosco la sua esperienza, ma so che è una cosa reale che ogni giorno è diverso. … Non puoi semplicemente riassumere come una cosa.”

READ  Pechino chiude parchi e musei mentre aumentano i casi di coronavirus in Cina

Alex Drueke e Andy Tai Huynh hanno dato occasionali scorci della loro esperienza. I due veterani dell’Alabama si sono offerti volontari per combattere in Ucraina dopo l’invasione russa. La loro unità cade in un’imboscata durante la loro prima missione nell’Ucraina orientale, In precedenza avevano detto al Washington Post. Le forze russe li hanno trattenuti per 104 giorni, fino al loro rilascio in uno scambio di prigionieri a settembre.

Gli uomini sono cresciuti in famiglia. Si sono avvicinati al loro ritorno in modi diversi, ha detto Diana Shaw, la zia di Darwick, che funge da portavoce per entrambi.

Huyn si è mosso verso una vita normale. Shaw ha detto che il 27enne è immerso nell’organizzazione del matrimonio e ha trovato lavoro al Walmart dove lavora la sua fidanzata, dove la coppia sistema la casa che condivideranno. Sta pensando di finire gli studi universitari.

Druckie, 40 anni, che viveva in una roulotte nella terra della famiglia con il suo cane, Diesel, ora ha trovato più conforto nella casa di sua madre, ha detto Shaw, mentre è alle prese con il sonno irregolare e la sua mente iperattiva. Non ha mai mangiato frutta, ha detto Shaw, la mangia molto adesso, e a volte desidera ardentemente le vitamine che non assumeva con una dieta a base di pane ammuffito e salsa.

Derwick, alla ricerca di modi per trasformare la sua esperienza in qualcosa di tangibile e positivo, ha incontrato i funzionari militari statunitensi. Vuole aiutarli a capire meglio come dovrebbero essere trattati i prigionieri di guerra può informare la formazione. Ma Shaw ha detto che i due uomini, che soffrivano di malnutrizione e malnutrizione per mano dei loro carcerieri, erano stanchi e irritabili.

Shaw ha affermato che le lezioni della lunga e tortuosa strada verso casa possono essere utili per Greener, poiché un’altra famiglia impara ad adattarsi alla nuova normalità.

“Hai dei limiti”, ha detto, “e devi darti grazia”.

Goodwin ha detto di avere pochi dubbi sul fatto che il ritorno di Greiner – con tutte le risorse a sua disposizione – sarà probabilmente molto diverso dal suo ritorno. Ma si è reso conto dai suoi rapporti con altri ex detenuti che molti degli elementi erano probabilmente gli stessi.

“Sali quando torni a casa, ma come lo gestisci per il resto della tua vita?” Goodwin ha detto. Per lui, ha detto, “la rete aiuta davvero”.

Brittney Griner è stata rilasciata dalla prigione russa

Scorso: La star della WNBA Brittney Grenier è atterrata negli Stati Uniti intorno alle 5:30 ET di venerdì a San Antonio.

Accordo commerciale di prigionieri: Il suo rilascio faceva parte di un accordo di scambio di prigionieri per il L’armaiolo russo Viktor Bout. Soprannominato il “commerciante di morte”, Bout è un famigerato trafficante d’armi che è stato in custodia degli Stati Uniti dal suo arresto in Tailandia nel 2008. Non è chiaro il motivo per cui i funzionari di Mosca lo fossero. Ansioso di portarlo a casa.

Perché Grenier è stato arrestato?: Era più verde carcere in Russia Da febbraio, quando sono stato accusato di essere entrato nel Paese con cartucce di sigarette elettroniche contenenti meno di un grammo di olio di cannabis, che è illegale nel Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.