Iran e Venezuela firmano un piano di cooperazione ventennale durante la visita di Maduro | Notizie di petrolio e gas

Teheran, Iran – Iran e Venezuela hanno firmato una “road map per la cooperazione” di 20 anni durante la visita di stato del presidente Nicolas Maduro a Teheran, mentre le due nazioni ricche di petrolio che vacillano per le sanzioni statunitensi hanno promesso di rafforzare i legami bilaterali.

Il presidente venezuelano ha incontrato oggi, sabato, al Palazzo Saadabad di Teheran il suo omologo iraniano, Ibrahim Raisi, un giorno dopo il suo arrivo nella capitale iraniana con una delegazione politica ed economica di alto livello in un viaggio di due giorni.

In una conferenza congiunta dopo il loro incontro, le due parti hanno salutato l’innalzamento delle relazioni bilaterali a un livello “strategico” e hanno convenuto che i due paesi potrebbero rafforzare i legami commerciali, nonché i settori dell’energia, della scienza e della tecnologia, dell’agricoltura e del turismo.

I ministri degli Esteri dei due Paesi hanno firmato la roadmap della cooperazione, i cui dettagli esatti sono stati mantenuti riservati, alla presenza dei presidenti dei due Paesi.

Le delegazioni dei due paesi hanno discusso i dettagli della futura cooperazione, mentre i due leader si sono concentrati su questioni di cooperazione congiunta su questioni economiche in mezzo a soffocanti crisi economiche dovute alle sanzioni.

“La politica estera della Repubblica islamica dell’Iran è sempre stata quella di stabilire relazioni con paesi indipendenti e il Venezuela ha dimostrato di aver affrontato un’incredibile resistenza contro le minacce e le sanzioni dei nemici e dell’imperialismo”, ha detto Raisi, seduto accanto a Maduro.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il presidente venezuelano Nicolas Maduro arrivano per un incontro a Teheran [President Website/WANA via Reuters]

Ha aggiunto che, come il Venezuela, anche l’Iran ha dovuto affrontare sanzioni da parte degli Stati Uniti e di altri paesi per decenni, ma ha scelto di considerarla un’opportunità per far avanzare il paese.

READ  Il super tifone Hinnamnor dell'Oceano Pacifico diventa la tempesta più forte del 2022

Raisi ha affermato che l’Iran è riuscito a rompere la politica di “massima pressione” avviata da Washington da quando ha unilateralmente abbandonato l’accordo nucleare iraniano del 2015 con le potenze mondiali nel 2018.

Nonostante i numerosi round di colloqui, non è stata fatta alcuna svolta per rilanciare l’accordo storico che probabilmente concederà un allentamento delle sanzioni in cambio delle restrizioni sul programma nucleare di Teheran.

Più tardi, sabato, Raisi ha accompagnato Maduro e la sua delegazione a un incontro con il leader supremo iraniano, l’ayatollah Ali Khamenei.

Khamenei ha anche elogiato le relazioni più strette tra i due paesi e gli sforzi per affrontare gli Stati Uniti e ha sostenuto il sostegno del Venezuela alla Palestina.

“L’esperienza di successo dei due paesi ha dimostrato che l’unico modo per affrontare le intense pressioni e la guerra ibrida degli Stati Uniti è resistere e resistere”, ha affermato il suo sito web.

Volo diretto tra Teheran e Caracas

Maduro ha anche elogiato la “resistenza contro le sanzioni e l’imperialismo” del Venezuela dal 2017 e ha affermato che il suo paese mira a utilizzare le esperienze dell’Iran in questo campo e concentrerà la futura cooperazione nella scienza e nella tecnologia.

Il presidente venezuelano ha elogiato i “miracoli” dell’Iran nello sviluppo del suo settore agricolo in mezzo a siccità storiche e ha affermato che i due paesi mirano a sviluppare relazioni in questo settore.

Maduro ha annunciato che un volo diretto tra Teheran e Caracas sarà lanciato dal 18 luglio, sperando che aiuterà più iraniani a considerare le città venezuelane e i punti di riferimento naturali come destinazioni turistiche.

“Penso che il nostro futuro sarà caratterizzato da amicizie interessanti e solide”, ha detto. Il futuro del mondo è il futuro dell’uguaglianza, della giustizia e della resistenza contro l’imperialismo. Dobbiamo costruire insieme questo futuro”.

READ  Kwasi Karting: Liz Truss licenzia il ministro delle finanze, abbassa grandi tagli alle tasse

In un’intervista con la Hispan TV di stato spagnola venerdì, Maduro ha anche elogiato l’aiuto dell’Iran nella sua industria petrolifera in difficoltà.

Raisi, che ha inviato il ministro del Petrolio Jawad Ogi a incontrare Maduro all’inizio di quest’anno, ha promesso sabato che la cooperazione sarebbe continuata.

Dopo gli incontri, la televisione di stato iraniana ha detto che Raisi e Maduro hanno partecipato a una cerimonia tramite collegamento video, durante la quale l’Iran ha ufficialmente consegnato la seconda delle quattro petroliere di classe Aframax ordinate dal Venezuela.

Costruito da una società governativa, si dice che l’Aframax sia lungo 250 metri e possa contenere fino a 800.000 barili di petrolio.

Resisti all’egemonia americana

Dal 2020, l’Iran ha aiutato a riparare e revisionare un certo numero di raffinerie venezuelane che hanno sofferto per decenni di cattiva gestione, bassi investimenti e sanzioni.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il presidente venezuelano Nicolas Maduro a Teheran.
Hamid Mousavi, professore di scienze politiche all’Università di Teheran, ha affermato che entrambi i presidenti hanno cercato di proiettare un’immagine di “resistere all’egemonia americana”. [Vahid Salemi/AP Photo]

I due paesi hanno anche firmato l’anno scorso un accordo di scambio petrolifero, secondo il quale l’Iran ha inviato spedizioni del suo greggio pesante per aiutare il Venezuela ad aumentare la produzione di petrolio e gas per evitare la crisi del carburante che ha vissuto negli ultimi anni.

Parlando da Teheran, Hamid Mousavi, professore di scienze politiche all’Università di Teheran, ha affermato che entrambi i presidenti hanno cercato di proiettare un’immagine di “resistere all’egemonia americana”.

Ha detto ad Al Jazeera: “Una tale strategia potrebbe avere successo se altri paesi più grandi come Cina e Russia si unissero”.

Notando che l’incontro della delegazione congiunta tra Iran e Venezuela si è concentrato principalmente sugli aspetti economici, Mousavi ha affermato che i due paesi beneficeranno della cooperazione economica indipendentemente dal proseguimento delle rigide sanzioni statunitensi.

READ  Al-Sadr si ritira dalla politica irachena dopo mesi di tensioni | Notizia

L’Iran ha firmato un accordo di cooperazione di 25 anni con la Cina l’anno scorso e ha affermato di essere “entrato nella fase di attuazione” all’inizio di quest’anno.

Sta inoltre negoziando il rinnovo di un accordo di cooperazione ventennale con la Russia, di cui si è parlato durante la visita di Raisi a Mosca a gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.