Justin Verlander inizia la prima partita delle World Series

HOUSTON — Ha vinto l’American League MVP e il premio Rookie of the Year, è stato MVP della AL Championship Series 2017, ha lanciato tre no-hitter e vincerà il suo terzo AL Cy Young Award entro la fine dell’anno. Per un lanciatore che ha fatto tutto nella sua carriera, Justin Verlander Inseguendo una carota ancora più grande.

Quando Verlander si scaglia contro i Phillies Gara 1 delle World Series è venerdì al Minute Maid Park, cercherà la sua prima vittoria al Fall Classic. Esatto: in sette World Series (quattro con Houston e tre con Detroit), Verlander era 0-6 con un’ERA di 5,68. Le squadre di Verlander sono 1-6 nelle sue sette partenze nelle World Series, con i Dodgers che hanno ottenuto una vittoria di 11 inning sugli Astros in Gara 2 della serie 2017.

A Verlander è stato ricordato questo fatto giovedì, dicendo che lui e il manager Dusty Baker stanno inseguendo quella sfuggente vittoria delle World Series. Baker ha vinto più partite (2.093) di qualsiasi altro allenatore nella storia di AL/NL senza un campionato. L’inizio di Verlander venerdì sarà il suo 12esimo in Gara 1 di una serie post-stagionale (e il terzo quest’anno), legandolo a Jon Lester nella storia di AL/NL.

“Penso che sarebbe una cosa meravigliosa avere nella nostra lista di carriera”, ha detto Verlander. “Tuttavia, questo non è il mio obiettivo. Il mio obiettivo non è quello di andare là fuori e vincere il baseball. Ci sono partite nelle World Series che non merito di vincere. Ci sono partite in cui pensavo di aver giocato bene dove avremmo potuto vincere , e non ha funzionato. A questo punto della stagione, è personale così. I gol non contano.

READ  La sfida di Elon Musk a Putin, la negazione tedesca del boicottaggio energetico

Verlander ha iniziato le partite 1 e 5 delle World Series 2006 per i Tigers contro i Cardinals, consentendo 10 punti (sette guadagnati) in 11 inning. Ha iniziato la prima partita delle ’12 World Series per Detroit, rinunciando a cinque punti e sei successi in quattro inning contro i Giants. Da quando è arrivato all’Astros, ha un’ERA di 4,70 in quattro partenze di Fall Classic – due ciascuna nelle World Series ’17 e ’19.

In effetti, Verlander ha il maggior numero di partenze senza successo nella storia delle World Series. Ci sono 34 lanciatori per fare almeno sette partenze Fall Classic, e tutti tranne uno di loro – Gary Nolan di Cincinnati (un colpo) – hanno almeno due vittorie.

“Voglio vincere, sì”, ha detto Verlander. “Come ho detto, non è il mio obiettivo, quindi non voglio dire che manchi, perché in modo innato, quello diventa un mio obiettivo specifico. Il mio obiettivo è uscire e darmi la migliore possibilità di vincere. Se finisce essere una vittoria, grande. Penso che abbiamo vinto le World Series. Ho partecipato a partite in cui è iniziato il lancio, che è più importante di ottenere un successo.

Venerdì, Verlander lancerà tre anni e un giorno dopo il suo precedente inizio delle World Series, Gara 6 della Fall Classic 2019 contro i Nationals. Con gli Astros che avevano bisogno di una vittoria per conquistare il titolo delle World Series, ha rinunciato a tre punti e cinque successi in cinque inning, inclusi gli homer di Adam Eaton e Juan Soto.

Verlander è andato 18-4 con un’ERA di 1,75 in 28 partenze di stagione regolare. Dopo aver rinunciato a sei punti e 10 successi in quattro inning contro i Mariners in Gara 1 della AL Division Series – uno degli inizi più difficili della sua carriera post-stagionale – Verlander ha tenuto gli Yankees a un punto e tre successi nel gioco. 1 nell’ALCS Lancerà venerdì con otto giorni di riposo: una lunga attesa per quella che spera sia un’altra prima carriera.

“È un periodo di tempo diverso in cui non hai intenzione di correre in un gioco simulato extra o altro, quindi ho lanciato un paio di bullpen”, ha detto Verlander. “Quest’anno, ho attraversato il ciclo due volte, dove ho avuto otto giorni liberi. Quindi spero di ripeterlo per il resto della mia vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.