La Commissione Ue sostiene il tentativo di adesione all’Ucraina

Intervenendo a Bruxelles, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: “La Commissione raccomanda che all’Ucraina venga concesso lo status di candidato.

“Agli occhi della Commissione, l’Ucraina ha chiaramente dimostrato la sua aspirazione e il suo impegno a essere all’altezza dei valori e degli standard europei”.

Van der Leyen ha concluso la sua dichiarazione: “Sappiamo tutti che gli ucraini sono pronti a morire per la prospettiva europea. Vogliamo che vivano il sogno europeo con noi”.

La commissione ha anche raccomandato lo status di candidato per la vicina Moldova, ma non per la Georgia fino a nuovo avviso. I leader dei 27 Stati membri dell’UE si incontreranno al vertice la prossima settimana per discutere le sue opinioni.

Sebbene gli Stati membri concordino sul fatto che l’Ucraina dovrebbe essere un paese candidato – il che è incerto – il processo di adesione all’UE è complesso e richiede in media cinque anni per essere completato, secondo il think tank. L’Inghilterra nel cambiare l’Europa.

Giovedì, durante una conferenza stampa congiunta a Kiev con il cancelliere tedesco Olaf Scholes, il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro italiano Mario Draghi, i tre principali leader politici dell’Unione europea, il presidente ucraino Volodymyr Zhelensky ha affermato che si tratta dell’attacco della Russia al suo paese . Europa.

Ha aggiunto che il modo migliore per dimostrare “la nostra posizione comune e forte” è sostenere l’integrazione dell’Ucraina nell’UE, aggiungendo che il suo status di candidato all’adesione all’UE potrebbe “storicamente aumentare l’indipendenza in Europa e diventare una delle principali decisioni europee. “

Zhelensky ha affermato che l’Ucraina è pronta a lavorare per diventare un membro a pieno titolo dell’UE: “Comprendiamo che il percorso verso l’UE è davvero un percorso e non un passo. Ma questo percorso deve iniziare e noi siamo pronti a lavorare. Hanno il giusto per intraprendere questa strada”.

READ  Il film The Whale: Brendan Fraser riceve una "grande ovazione" dopo la prima proiezione del film di Darren Aronofsky

Macron in seguito ha affermato che la concessione dello status di candidato dell’UE all’Ucraina era il risultato dell’invasione della Russia. Ha parlato in un’intervista con la sussidiaria della CNN PFMTV venerdì su un treno in partenza dall’Ucraina.

“L’Ucraina non dovrebbe essere un candidato in generale”, ha detto dopo la sua visita a Kiev.

“E’ un segno di speranza, un messaggio dall’Ucraina che appartengono a una famiglia europea”, ha detto.

“Abbiamo paesi che sono molto indulgenti”, ha affermato Macron, aggiungendo che la maggior parte dell’Europa occidentale ha sostenuto il piano.

Il leader francese ha aggiunto che la questione della candidatura dell’Ucraina all’Ue sarà decisa al prossimo vertice del Consiglio europeo di giovedì e venerdì.

“Il percorso per entrare nell’UE è lungo”, ha aggiunto.

Il primo ministro ucraino Denis Schmidt ha ringraziato la Commissione elettorale per questa decisione. “Grazie a @vonderleyen per questo risultato!” Ha detto tramite Twitter. “Accelererà l’intero processo [Ukrainian] Integrazione [European] Contribuisce efficacemente alla ripresa dell’#Ucraina secondo il mercato interno e gli standard dell’UE”.

Il Cremlino ha affermato che Mosca ha bisogno di “più attenzione” allo sviluppo. “Siamo tutti consapevoli delle discussioni sull’intensificazione in Europa e sul rafforzamento degli elementi di sicurezza dell’Unione europea. Pertanto, ci sono vari cambiamenti che stiamo notando”, ha affermato il portavoce Dmitry Peskov in una dichiarazione quotidiana ai giornalisti.

Cosa succede dopo?

L’Ucraina ora lavorerà per soddisfare i criteri di Copenaghen, che devono soddisfare tre requisiti opachi affinché l’UE sia soddisfatta. Si concentrano sul fatto che un’economia di libero mercato operi o meno in quel paese e se le istituzioni di quel paese siano qualificate per sostenere i valori europei come l’interpretazione dei diritti umani e lo stato di diritto dell’Unione Europea e la democrazia che opera all’interno del paese, compreso.

READ  40 La migliore kit produzione birra del 2022 - Non acquistare una kit produzione birra finché non leggi QUESTO!

Ci sono anche reali preoccupazioni sul fatto che l’Ucraina sia lontana dal soddisfare i criteri di Copenaghen in qualsiasi momento. Secondo il 2021 Corruption Investigation Index di Transparency International, l’Ucraina è al 122° posto su 180 paesi. In confronto, la Russia è al 136° posto.

Se si ritiene che il paese abbia soddisfatto questi criteri, potrebbe avviare negoziati su 35 capitoli dell’UE, gli ultimi tre dei quali torneranno a parti dei criteri di Copenaghen.

Quindi, se i leader degli Stati membri dell’UE sono d’accordo, deve essere approvato dal Parlamento europeo e dai rami legislativi del governo di ciascuno Stato membro.

Joseph Attaman, Camille Knight, Anna Chernova e Niamh Kennedy della CNN hanno contribuito al rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.