La Corea del Nord invia aiuti a 800 famiglie colpite da epidemia intestinale

SEOUL (Reuters) – Il leader nordcoreano Kim Jong Un e altri alti funzionari hanno preparato aiuti da inviare a 800 famiglie colpite da un’epidemia intestinale sconosciuta, secondo quanto riportato dai media statali venerdì, mentre il Paese ha anche lottato con il primo focolaio di COVID-19 .

La Corea del Nord ha rivelato questa settimana di dover affrontare da settimane una “epidemia intestinale acuta” oltre allo scoppio del nuovo Corona virus (Covid). Non ha spiegato quale fosse la malattia, ma enterico si riferisce all’apparato digerente.

“I funzionari hanno preparato … medicinali, generi alimentari, necessità quotidiane per il trattamento dell’epidemia e una vita stabile per fornire assistenza alle persone nella città di Haeju e nella contea di Kangryong (provincia di Hwanghae meridionale)”, ha affermato l’agenzia di stampa centrale coreana (KCNA) . ) Egli ha detto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il leader Kim ha invitato i funzionari a “adempiere al loro dovere di lavorare per alleviare la sofferenza e la sofferenza della gente il prima possibile”.

Giovedì, un funzionario del ministero dell’Unificazione sudcoreano incaricato degli affari intercoreani ha affermato che Seoul sta monitorando l’epidemia, sospettata di avere il colera o il tifo.

La provincia di Hwanghae meridionale è la principale regione agricola della Corea del Nord e l’epidemia ha sollevato preoccupazioni che potrebbero peggiorare la carenza cronica di cibo in mezzo a un’ondata di infezioni da COVID-19. Leggi di più

La Corea del Nord ha riportato un numero di pazienti con sintomi di febbre, piuttosto che casi confermati di COVID, probabilmente a causa della mancanza di capacità di test.

READ  Biden incontra il principe ereditario saudita nonostante l'impegno "intoccabile".

Altre 23.160 persone hanno mostrato sintomi di febbre, ha riferito venerdì l’agenzia di stampa centrale coreana, portando il numero totale nel paese dalla fine di aprile a oltre 4,58 milioni. Il bilancio delle vittime legate all’epidemia è stato di 73.

La Corea del Nord ha affermato che oltre il 99% dei suoi pazienti con febbre è guarito e che l’ondata di COVID ha mostrato segni di attenuazione, ma l’Organizzazione mondiale della sanità ha contestato le affermazioni di Pyongyang all’inizio di questo mese, affermando di ritenere che la situazione stesse peggiorando. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(riferisce Guri Roh). Montaggio del Lincoln Fest.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.