La Corte Suprema respinge l’appello di Round Maker per le accuse di cancro

Segnaposto quando vengono caricate le azioni dell’articolo

Martedì la Corte Suprema ha autorizzato una posizione Milioni di dollari in una causa contro il famoso produttore di erbicidi Per non aver messo in guardia sui rischi del cancro.

La decisione dei giudici di non intervenire ha portato a migliaia di cause simili contro Bayer. L’amministrazione Biden ha esortato il tribunale a respingere la richiesta della società, deviando dalla posizione dell’amministrazione Trump.

In una dichiarazione di martedì, la società ha affermato di non aver accettato la decisione della corte di non accogliere il ricorso, aggiungendo di essere “fiduciosa che l’ampia comunità scientifica e il continuo feedback positivo dei principali organismi di regolamentazione di tutto il mondo avrebbero fornito un forte fondamento per la difesa di successo del rastrellamento”. In tribunale quando serve”.

Il caso è stato sollevato nel 2015 da Edwin Hartmann, a cui è stato diagnosticato il non linfoma di Hodgkin. Ha citato in giudizio l’azienda, accusandola di causare il suo cancro perché aveva usato Roundup per più di due decenni. Ha detto che la società non aveva avvertito dei rischi di cancro associati al principio attivo glifosato.

“È un viaggio lungo e arduo per rendere giustizia al signor Hartman. Si riferisce al produttore originale dell’erbicida, acquisito da Bayer nel 2018.

L’Agenzia per la protezione dell’ambiente ha ripetutamente concluso che è improbabile che il glifosato causi il cancro negli esseri umani. Le leggi sull’etichettatura della California sono molto rigide. Dopo che un team di ricerca internazionale ha classificato il glifosato nel 2015 come “potenzialmente cancerogeno per l’uomo”, lo stato aveva bisogno di un’etichetta di avvertenza per gli erbicidi a base di glifosato. Questa classificazione ha innescato il numero di cause legali contro il produttore di erbicidi più utilizzato della nazione.

READ  La Federal Reserve americana alzerà i tassi di interesse per la prima volta dal 2018 a causa dell'inflazione Economia americana

Una corte d’appello ha confermato la sentenza da 25 milioni di dollari di un tribunale arbitrale e ha rivelato che la retata di Hartman era un “fattore significativo” nel suo cancro e che la società non lo aveva avvertito dei rischi.

La corte ha respinto l’EPA dell’era Trump ritenendo che gli erbicidi siano sicuri

La Corte d’Appello degli Stati Uniti per la 9th Rule ha affermato che la legge federale non impedisce a una società di aggiungere un avviso di cancro sulla propria etichetta. La corte ha stabilito che l’erbicida potrebbe essere “etichettato erroneamente” anche se l’EPA ha approvato la sua etichetta e che un’azienda potrebbe rispettare i requisiti di etichettatura federali e statali.

Gli avvocati della società hanno esortato la Corte Suprema a ribaltare e ad indicare le precedenti sentenze volte a garantire “coerenza a livello nazionale nell’etichettatura dei pesticidi”. Hanno detto che la California e altri 49 stati non potevano “escludere” i rapporti dell’EPA secondo cui è improbabile che il glifosato causi il cancro.

La società ha notato che Hartman ha interrotto l’uso di Roundup nel 2012, prima del requisito dell’etichetta della California.

Bayer ha accettato di pagare più di 10 miliardi di dollari nel 2020 per saldare decine di migliaia di richieste di risarcimento statunitensi. La società ha affermato che l’accordo non ha riconosciuto illeciti e ha affermato nella sua dichiarazione di martedì di aver vinto gli ultimi quattro casi che coinvolgono Roundabout.

Inoltre, la società ha affermato che stava passando da prodotti per prati e giardini residenziali a base di glifosato negli Stati Uniti “per gestire il rischio di casi negli Stati Uniti, non per motivi di sicurezza”.

READ  Elon Musk minaccia di rescindere l'accordo su Twitter per mancanza di informazioni sugli account di spam

La scorsa settimana, un assolo Sentenza dal 9° circuito Ha ordinato all’EPA di riconsiderare la sua conclusione nel 2020 secondo cui il glifosato non rappresenta un “rischio ragionevole per l’uomo o per l’ambiente”.

Per consenso, il giudice Michelle Friedland ha scritto che la conclusione del termine di Trump “non era supportata da prove sostanziali” e non soddisfaceva gli obblighi legali dell’agenzia di rivedere l’impatto ambientale. Si stima che l’area in cui viene utilizzato il glifosato a livello nazionale sia tre volte l’equivalente della California.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.