La giunta militare del Myanmar arresta l’ex ambasciatrice britannica Vicky Bowman

Vicki Boman è stata arrestata con suo marito, il cittadino birmano Htin Lin, mercoledì notte, secondo i media locali e una persona a Yangon a conoscenza della situazione.

Il governo militare del Myanmar non ha annunciato gli arresti. Tuttavia, le agenzie di stampa locali The Irrawaddy, Myanmar Now e l’agenzia di stampa internazionale Reuters hanno riferito che Bauman potrebbe essere accusato ai sensi della legge sull’immigrazione del paese.

Il quotidiano Irrawaddy ha riferito che Bauman e Hein Lin sono detenuti nella prigione di Insein a Yangon.

Un portavoce dell’Ufficio degli esteri, del Commonwealth e dello sviluppo del Regno Unito ha affermato giovedì che il governo britannico era “preoccupato” per l’arresto di una “donna britannica” in Myanmar.

“Siamo in contatto con le autorità locali e forniamo assistenza consolare”, ha affermato il portavoce.

Bowman è stato il principale diplomatico britannico in Myanmar dal 2002 al 2006 e da allora è rimasto nel paese come fondatore dell’organizzazione non governativa Myanmar Center for Responsible Business.

Mercoledì, il Regno Unito ha annunciato un nuovo round di sanzioni contro le società legate alla giunta militare del Myanmar, che ha preso il potere in un… sanguinoso colpo di stato Nel febbraio 2021.

Giovedì il Dipartimento degli Esteri, del Commonwealth e dello Sviluppo ha affermato che sono state adottate misure per “prendere di mira l’accesso dei militari alle armi e alle entrate”.

Tra le società nell’elenco delle sanzioni ci sono lo Star Sapphire Group of Companies, il Gateway Group of Companies e Sky One Construction.

Il governo del Regno Unito ha evidenziato che le sanzioni sono state imposte esattamente cinque anni dopo una serie di brutali attacchi dei militari del Myanmar alle comunità Rohingya che vivono nello stato di Rakhine del Paese.

READ  La Russia ha dichiarato alle Nazioni Unite che l'Occidente potrebbe scatenare una guerra nucleare sull'Ucraina

La comunità Rohingya a maggioranza musulmana nello stato a maggioranza buddista del Myanmar ha subito decenni di persecuzioni.

Il governo del Regno Unito ha anche annunciato la sua intenzione di intervenire in una causa legale che determinerà se il Myanmar ha violato i suoi obblighi ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio in relazione alle azioni militari contro i Rohingya nel 2016 e nel 2017.

“La nostra decisione di intervenire nel caso Gambia contro Myanmar e un altro round di sanzioni invia un forte segnale del nostro continuo sostegno a cercare la responsabilità per le atrocità commesse nel 2017, nonché a limitare l’accesso della giunta ai finanziamenti e alla fornitura di armi”, ha affermato il ministro del Regno Unito per l’Asia Amanda Milling.

Melling ha ribadito la condanna del Regno Unito della “orribile campagna di pulizia etnica condotta dalle forze armate del Myanmar” cinque anni dopo il lancio della campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.