La leader di estrema destra Giorgia Meloni è stata nominata prima donna presidente del Consiglio d’Italia



CNN

piantagrane populista Giorgia Meloni È stata nominata primo ministro donna d’Italia, diventando il leader di più estrema destra del paese dai tempi di Benito Mussolini.

Ha ricevuto il mandato di formare un governo dal presidente italiano Sergio Mattarella venerdì pomeriggio dopo due giorni di consultazioni ufficiali e il suo giuramento è previsto per le 10:00 ora locale (4:00 ET) di sabato.

Le elezioni generali del mese scorso sono sfociate in un’alleanza di partiti di estrema destra e centro-destra guidati da He I fratelli molto conservatori d’Italiaconquistando abbastanza seggi nel parlamento italiano per formare un governo.

La Meloni ha annunciato che il suo governo sarebbe stato scelto al Palazzo del Quirinale a Roma, nominando ministro delle Infrastrutture il leader della Lega di estrema destra Matteo Salvini.

Giancarlo Giorgetti, anche lui leghista, è stato nominato ministro dell’Economia. Antonio Tajani di Forza Italia ha assunto la carica di ministro degli Esteri, mentre la carica di ministro della Difesa è stata trasferita a Guido Crosito, uno dei fondatori della Fratellanza d’Italia.

Il nuovo governo sarà composto da una coalizione della Fratellanza d’Italia guidata da Meloni, la Lega guidata da Salvini e Forza Italia, guidata dall’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. I Fratelli Italiani hanno ricevuto nove ministeri mentre Forza Italia e Lega ne hanno ricevuti cinque ciascuno.

Meloni presterà giuramento durante una cerimonia alle 10:00 ora locale (4:00 ET) di sabato mattina.

La formazione del suo nuovo governo ha rivelato tensioni. questa settimanaIl controverso ex leader Berlusconi ha fatto notizia quando una registrazione audio trasmessa dall’agenzia di stampa italiana La Presse ha rivelato che l’86enne parlava della sua relazione “ristabilita” con il presidente russo Vladimir Putin.

L’ufficio di Berlusconi ha confermato giovedì alla CNN che le clip erano originali – e sembravano essere state segretamente registrate durante una riunione del suo partito Forza Italia in aula martedì.

Nella registrazione audio, il miliardario e magnate dei media ha affermato di aver “ristabilito i rapporti con il presidente Putin” e continua a vantarsi che il leader russo lo ha definito il suo “primo di cinque veri amici”.

I suoi commenti hanno sollevato le sopracciglia, poiché le relazioni diplomatiche tra Russia e leader occidentali rimangono tese in mezzo all’esercito esausto del Cremlino. Attacco all’Ucraina.

Berlusconi è stato sottoposto a numerosi processi per corruzione e concussione durante il suo governo tumultuosa carriera politica.

Meloni era una convinta sostenitrice dell’Ucraina mentre combatteva l’invasione di Mosca. Tra la violenta reazione della sua coalizione alle dichiarazioni trapelate di Berlusconi, ha riaffermato la sua linea di politica estera.

“Quando giudicheremo, l’Italia non sarà l’anello più debole dell’Occidente. La nazione degli spaghetti e dei mandolini così cara a molti dei nostri critici rilancerà la sua credibilità e difenderà i suoi interessi”, ha detto la Meloni mercoledì scorso sul suo account Instagram.

La Meloni ha parlato venerdì dopo un incontro con Mattarella e i suoi partner di coalizione, e ha affermato che è necessario formare il nuovo governo “il prima possibile”.

“Siamo pronti a governare l’Italia”, ha detto la pagina Facebook ufficiale di Meloni. “Saremo in grado di affrontare l’urgenza e le sfide del nostro tempo con consapevolezza ed efficienza”.

Silvio Berlusconi (a sinistra) e Matteo Salvini (a destra) dovrebbero far parte del governo Meloni, che vedrà uno dei governi di più estrema destra della storia moderna.

Meloni è entrata nell’intensa scena politica italiana nel 2006 e nel 2012 ha co-fondato i Fratelli d’Italia, un partito la cui agenda è radicata nell’euroscetticismo e nella politica anti-immigrazione.

La popolarità del gruppo è aumentata vertiginosamente prima delle elezioni di settembre, poiché gli elettori italiani hanno rifiutato ancora una volta la politica tradizionale e hanno optato per una figura marginale.

Si è fatta conoscere per la prima volta come vicepresidente di Alleanza Nazionale, un impenitente gruppo neofascista formato dai sostenitori di Benito Mussolini. Meloni ammirava apertamente il dittatore da giovane, ma in seguito prese le distanze dal suo marchio di fascismo, sebbene la fiamma tricolore che simboleggiava il fuoco eterno sulla sua tomba fosse conservata nello stemma dei Fratelli d’Italia.

Ha perseguito un’agenda fortemente conservatrice per tutto il suo tempo in politica, mettendo spesso in discussione i diritti dei gay, i diritti all’aborto e le politiche sull’immigrazione.

READ  "Drone Boy" è diventato un eroe in Ucraina dopo aver eliminato un lotto di carri armati russi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.