La morte di Daria Dugina: gli Stati Uniti ritengono che elementi all’interno del governo ucraino abbiano permesso l’assassinio vicino a Mosca, affermano fonti


Washington
CNN

La comunità dell’intelligence statunitense lo crede L’esplosione di un’autobomba uccide Daria DuginaFonti familiari con l’intelligence hanno detto alla CNN che la figlia di un importante personaggio politico russo, Alexander Dugin, ha ricevuto il permesso da elementi all’interno del governo ucraino.

Gli Stati Uniti non erano a conoscenza del piano in anticipo, secondo le fonti, e non è chiaro chi esattamente gli Stati Uniti credano che abbiano firmato l’assassinio. Né è chiaro se la comunità dell’intelligence statunitense ci creda Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky Era a conoscenza del complotto o lo autorizzava.

Ma la scoperta dell’intelligenza, Riportato per la prima volta dal New York Timessembra corroborare elementi delle conclusioni delle autorità russe secondo cui l’autobomba era “preprogrammata”. Russia Aveva accusato i cittadini ucraini di essere responsabili dell’attacco, cosa che l’Ucraina ha negato con veemenza all’indomani dell’esplosione.

In risposta a una richiesta di commento, un funzionario dell’intelligence della difesa ucraina ha dichiarato alla Galileus Web mercoledì sera dopo la pubblicazione degli ultimi rapporti che la loro agenzia non aveva nuove informazioni sulla morte di Dugina. Poco dopo la sua morte, lo stesso funzionario ha detto alla Galileus Web che l’Ucraina non aveva nulla a che fare con la questione.

Il Consiglio di sicurezza nazionale, la CIA e il Dipartimento di Stato hanno rifiutato di commentare.

Una delle fonti ha affermato che i funzionari dell’intelligence statunitense ritengono che Dugina stesse guidando l’auto di suo padre la notte in cui è stata uccisa e che suo padre fosse il vero obiettivo dell’operazione. Dugin è un nazionalista e filosofo russo che è stato un convinto sostenitore della guerra russa in Ucraina. L’amica di Dugina ha anche detto all’agenzia di stampa statale russa TASS poco dopo l’esplosione che l’auto che stava guidando apparteneva a suo padre.

READ  Un'altra ondata di caldo intenso sta colpendo l'Europa, provocando allarmi

Pochi giorni dopo la morte di Dugina, le autorità russe hanno accusato una donna ucraina di aver fatto esplodere un esplosivo a distanza piantato in un Toyota Land Cruiser Prado a Dugina, e poi di aver guidato la sua auto attraverso la regione di Pskov fino all’Estonia per fuggire.

Oleksiy Danilov, segretario del Consiglio di sicurezza nazionale ucraino, ha immediatamente negato l’affermazione. “Non abbiamo nulla a che fare con l’omicidio di questa signora – questo è il lavoro dei servizi speciali russi”, ha detto detto ad agosto. Il consigliere di Zelensky, Mikhailo Podolak, ha anche affermato all’epoca che l’accusa russa riflette il “mondo immaginario” in cui opera il governo russo.

Se l’intelligence che circonda l’intervento dell’Ucraina è accurata, indicherebbe un’audace espansione delle operazioni segrete dell’Ucraina per prendere di mira una figura politica ben nota al di fuori di Mosca.

Finora, gli attacchi ucraini all’interno della Russia sono stati in gran parte limitati agli attacchi ai depositi di carburante e alle basi militari nelle città lungo il confine russo-ucraino, come Belgorod. Ma fonti hanno detto alla CNN che gli Stati Uniti non hanno una buona visione di tutti gli scioperi pianificati in Ucraina.

Un funzionario ucraino ha detto alla Galileus Web che i risultati della comunità dell’intelligence statunitense non sono stati affrontati durante un incontro tra il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan e il capo di stato maggiore di Zelensky Andrei Yermak a Istanbul all’inizio di questa settimana. Non è chiaro se la questione sia stata recentemente sollevata dal presidente Joe Biden in una telefonata con Zelensky martedì.

READ  Blinken afferma che le sfide dell'immigrazione che devono affrontare gli Stati Uniti al confine meridionale "al di là di qualsiasi cosa chiunque abbia mai visto prima".

Un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale ha rifiutato di commentare.

Dugina, che aveva 29 anni quando fu uccisa, era una figura pubblica a pieno titolo, appariva spesso come commentatrice nelle reti televisive russe che promuovevano narrazioni nazionaliste anti-occidentali.

Come ha fatto la CNN Precedentemente menzionatoDugina gestiva anche un sito Web in inglese e turco chiamato United World International, che faceva parte di uno sforzo pubblicitario più ampio noto come “Project Lakhta”. Il Dipartimento di Stato ha accusato il Lakhta Project di diffondere “troll” su Internet per interferire nelle elezioni statunitensi.

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni sia a Dugin che a Dogina dopo l’invasione russa di febbraio, accusandoli di diffondere propaganda e di lavorare per destabilizzare l’Ucraina.

Questa storia è stata aggiornata con rapporti aggiuntivi mercoledì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.