La portaerei statunitense arriva in Corea del Sud come avvertimento alla Corea del Nord

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

BUSAN, Corea del Sud (23 settembre) (Reuters) – Una portaerei statunitense è arrivata in Corea del Sud venerdì per la prima volta in quasi quattro anni, per unirsi ad altre navi militari in una dimostrazione di forza volta a inviare un messaggio alla Corea del Nord .

La USS Ronald Reagan e le navi del suo gruppo d’attacco di scorta attraccarono a una base navale nella città portuale meridionale di Busan.

Il suo arrivo rappresenta il dispiegamento più significativo fino ad oggi, con una nuova spinta ad avere più “asset strategici” statunitensi nella regione per scoraggiare la Corea del Nord.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il comandante del gruppo d’attacco, l’ammiraglio Michael Donnelly, ha detto ai giornalisti a bordo della nave che la visita era stata pianificata da tempo e mirava a costruire relazioni con gli alleati sudcoreani e promuovere l’impegno inter-navale.

Alla domanda su qualsiasi riferimento alla Corea del Nord, ha detto: “Lasciamo messaggi ai diplomatici”, ma ha aggiunto che le esercitazioni congiunte sono progettate per garantire che gli alleati siano in grado di rispondere alle minacce ovunque e in qualsiasi momento.

“È un’opportunità per noi di praticare tattiche e operazioni”, ha detto Donnelly.

Il presidente sudcoreano Yoon Seok-yeol ha spinto per ulteriori esercitazioni congiunte e altre dimostrazioni di forza militari come avvertimento alla Corea del Nord, che quest’anno ha condotto un numero record di test missilistici dopo che i colloqui non sono riusciti a convincerla a porre fine allo sviluppo delle sue armi nucleari e missili. .

Gli osservatori affermano che Pyongyang sembra prepararsi a riprendere i test nucleari per la prima volta dal 2017.

READ  Testare la forza delle relazioni sino-russe "illimitate" al vertice | Cina

La Corea del Nord ha denunciato il precedente dispiegamento militare statunitense e le esercitazioni congiunte come prove di guerra e prove delle politiche ostili di Washington e Seoul.

La scorsa settimana gli Stati Uniti si sono impegnati a “continuare a dispiegare ed esercitare risorse strategiche nella regione in modo tempestivo ed efficace per scoraggiare e rispondere alla (Corea del Nord) e rafforzare la sicurezza regionale”, e hanno definito la visita della petroliera “chiara prova di questo impegno americano”.

Tuttavia, quando ha annunciato la visita, la Marina degli Stati Uniti non ha menzionato la Corea del Nord, riferendosi solo a una “visita al porto regolarmente programmata” e sottolineando i membri dell’equipaggio che visitano Busan per fare volontariato negli orfanotrofi ed esplorare la scena musicale K-pop.

I funzionari hanno rifiutato di fornire dettagli sulle imminenti esercitazioni congiunte, ma hanno affermato che il vettore sarebbe rimasto in porto per “diversi giorni” mentre il suo equipaggio sarebbe in visita a Busan. Poche ore dopo l’attracco della nave, si sono formate lunghe code di membri dell’equipaggio mentre eseguivano i test COVID-19 prima di essere portati in città.

Un membro dell’equipaggio, che ha chiesto di non essere identificato perché non autorizzato a parlare con i media, ha detto che non vedeva l’ora di una pausa, ma le tensioni geopolitiche erano costantemente presenti.

“Non puoi davvero dimenticare per cosa siamo tutti qui”, ha detto a Reuters un membro dell’equipaggio.

La visita è la prima in Corea del Sud da parte di una portaerei statunitense dal 2018. Quell’anno, gli alleati hanno ridimensionato molte delle loro attività militari congiunte nel mezzo degli sforzi diplomatici per affrontare la Corea del Nord, ma da allora quei colloqui si sono bloccati e questo mese Pyongyang si è rivelata . Una legge aggiornata codifica il suo diritto di lanciare attacchi nucleari con un uso prioritario per proteggersi.

READ  L'Ucraina definisce i lanciamissili statunitensi un "punto di svolta" e chiede di più

Sono state sollevate domande sul ruolo che potrebbero svolgere le circa 28.500 truppe statunitensi di stanza in Corea del Sud se scoppiasse il conflitto su Taiwan.

Donnelly ha affermato che tali domande riguardano i responsabili politici che lo precedono, ma ha affermato che lavorare con alleati che la pensano allo stesso modo come la Corea del Sud è una parte essenziale degli sforzi della Marina degli Stati Uniti per mantenere la sicurezza e la stabilità regionale che esistono da più di sette decenni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Josh Smith. Montaggio di Lincoln Fest e Jerry Doyle

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.