La Russia afferma che il ritiro della stazione spaziale della NASA è meno imminente di quanto riportato in precedenza

La Stazione spaziale internazionale (ISS) è stata fotografata dall’equipaggio della spedizione 56 della navicella spaziale Soyuz dopo lo smantellamento, il 4 ottobre 2018. NASA/Roscosmos/Handout via REUTERS/file Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Un alto funzionario della NASA ha detto a Reuters mercoledì che funzionari spaziali russi hanno detto alle loro controparti americane che Mosca vuole continuare a trasportare i suoi astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) fino a quando il loro sito orbitale non sarà costruito e operativo. .

Insieme ai commenti di un alto funzionario spaziale russo pubblicati mercoledì, le ultime indicazioni sono che la Russia ha ancora almeno sei anni per porre fine a una cooperazione orbitale con gli Stati Uniti che risale a più di due decenni fa.

Una spaccatura nel programma della Stazione Spaziale Internazionale sembrava più vicina martedì, quando Yuri Borisov, il nuovo direttore generale dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, ha sorpreso la NASA annunciando che Mosca intendeva ritirarsi dalla partnership con la stazione spaziale “dopo il 2024”. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Funzionari russi hanno detto all’agenzia spaziale statunitense più tardi martedì che il Roscosmos russo voleva rimanere nella partnership mentre la Russia gestisce la sua posizione orbitale pianificata, chiamata ROSS, ha detto in un’intervista l’ufficiale capo delle operazioni spaziali della NASA Kathy Lueders.

“Non stiamo ricevendo alcuna indicazione a nessun livello di lavoro che qualcosa sia cambiato”, ha detto Luders a Reuters mercoledì, aggiungendo che i rapporti della NASA con Roscosmos rimangono “come al solito”.

La stazione spaziale, un laboratorio scientifico che si estende per le dimensioni di un campo da calcio e orbita a circa 250 miglia (400 chilometri) sopra la Terra, è stata occupata ininterrottamente per più di due decenni nell’ambito di una partnership guidata da Stati Uniti e Russia che include anche il Canada , Giappone e 11 paesi europei.

READ  L'ondata di caldo complica la crisi energetica globale e la lotta per il clima

Offre una delle ultime vestigia della cooperazione tra Stati Uniti e Russia, anche se il suo destino è stato messo in discussione da quando la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio, mettendo a dura prova le relazioni bilaterali su più fronti quando l’amministrazione Biden ha imposto sanzioni economiche a Mosca.

Il conflitto in Ucraina ha anche sollevato tensioni tra l’agenzia spaziale russa (Roscosmos) e l’Agenzia spaziale europea (ESA).

Non è stato ancora raggiunto un accordo formale per estendere la partecipazione della Russia alla Stazione Spaziale Internazionale oltre il 2024. Lueders ha affermato che la NASA, Roscosmos, l’ESA e altri partner della stazione hanno in programma di discutere la possibilità di estendere la reciproca presenza nel laboratorio fino al 2030 durante un incontro regolare Venerdì del consiglio, che Supervisionare la gestione della stazione.

Roscosmos ha pubblicato mercoledì sul suo sito web un’intervista con Vladimir Solovyov, direttore di volo della parte russa della stazione spaziale, che avrebbe affermato che la Russia dovrebbe rimanere nella stazione fino a quando Ross non sarà operativo.

Solovyov ha detto che si aspetta che il ROSS sia completamente assemblato in orbita nel 2028.

“Ovviamente, dobbiamo continuare a far funzionare la ISS fino a quando non avremo creato un arretrato abbastanza tangibile di ROSS”, ha affermato Solovyov. “Dobbiamo tenere presente che se fermiamo i voli con equipaggio per diversi anni, sarà molto difficile ripristinare ciò che è stato realizzato”.

Le parti americana e russa della stazione spaziale sono state costruite intenzionalmente per essere così interconnesse e tecnicamente interconnesse, che qualsiasi brusco ritiro della cooperazione russa a bordo della Stazione Spaziale Internazionale potrebbe seriamente interrompere uno dei pilastri principali del programma di volo spaziale umano della NASA.

(Segnalazione di Joey Rowlett) Montaggio di Jonathan Otis e Will Dunham

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.