La Russia dice di aver sequestrato Solidar, l’Ucraina nega di averlo catturato

KIEV, Ucraina (AP) – La Russia ha affermato venerdì che le sue forze avevano catturato la città mineraria del sale fortemente contesa, in quella che ha segnato una rara vittoria per il Cremlino dopo una serie di battute d’arresto. nella sua guerra in Ucraina. Le autorità ucraine hanno affermato che la lotta per Solidar continua.

Mosca ha dipinto le battaglie per la città e la vicina Bakhmut come chiave per catturare l’intera regione orientale del Donbass. – e anche come mezzo per schiacciare le migliori forze ucraine e impedire loro di lanciare contrattacchi altrove. Ma questo taglia in entrambe le direzioni, e l’Ucraina ha affermato che la sua feroce difesa delle sue roccaforti orientali ha contribuito a limitare le forze russe.

Da quando ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, Mosca ha dato la priorità all’acquisizione del pieno controllo del Donbass, una regione composta dalle province di Donetsk e Luhansk dove ha sostenuto un’insurrezione separatista dal 2014. La Russia ha conquistato la maggior parte di Luhansk, ma circa la metà di Donetsk rimane sotto il controllo ucraino .

Ci sono state notizie spesso contrastanti su chi controlla Solidar, mentre una sanguinosa battaglia infuria da mesi. L’Associated Press non ha potuto confermare in modo indipendente l’affermazione di nessuna delle due parti.

“La liberazione della città di Solidar è stata completata la sera del 12 gennaio”, ha detto il portavoce del ministero della Difesa russo, il tenente generale Igor Konashenkov, aggiungendo che lo sviluppo è stato “importante per la continuazione delle operazioni offensive a Donetsk”. La zona.”

Konashenkov ha affermato che la presa della città consentirebbe alle forze russe di “interrompere le linee di rifornimento delle forze ucraine” a Bakhmut e quindi “chiudere e circondare le unità ucraine lì”.

READ  I missili russi colpiscono Kiev all'inizio del vertice del G7 in Europa

Ma Serhii Cherevaty, portavoce dell’esercito ucraino nell’est, ha smentito l’affermazione del ministero della Difesa russo, dicendo all’Associated Press che “ci sono ancora unità ucraine a Solidar”.

Nel frattempo, l’Institute for the Study of War, un think tank di Washington, ha osservato che la caduta di Solidar non rappresenterebbe “uno sviluppo operativamente significativo ed è improbabile che preannunci un imminente accerchiamento russo di Bakhmut”.

L’istituto ha affermato che le operazioni dei media russi hanno “sopravvalutato l’importanza di Solidar”, un piccolo insediamento, sostenendo che la lunga e difficile battaglia ha contribuito all’esaurimento delle forze russe.

Giovedì, anche il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha minimizzato i potenziali guadagni russi nella regione.

“Anche se sia Bakhmut che Solidar cadessero in mano ai russi… non avrebbe un effetto strategico sulla guerra stessa”, ha detto Kirby. “E certamente non fermerà o rallenterà gli ucraini nei loro sforzi per reclamare la loro terra”.

Poche ore prima della rivendicazione della Russia, l’Ucraina ha riferito che c’era stata una pesante notte di combattimenti ma non ha riconosciuto la perdita della città.

Venerdì scorso, il viceministro della Difesa ucraino, Hanna Malyar, ha dichiarato in un post su Telegram che Mosca ha “inviato quasi tutte le sue forze principali” per assicurarsi la vittoria a est.

Questa è una fase difficile della guerra, ma vinceremo. Maliar ha aggiunto: “Non ci sono dubbi.

Un ex ufficiale ucraino ha detto all’AP che nella battaglia di Solidar, i russi hanno prima inviato soldati, molti del gruppo di appaltatori militari privati ​​russi Wagner, che hanno subito pesanti perdite ma hanno esaurito i difensori ucraini. L’ufficiale ucraino, che ha insistito sull’anonimato per motivi di sicurezza, ha detto che i russi hanno poi inviato un’altra ondata di soldati altamente addestrati, paracadutisti o forze speciali.

READ  Netanyahu ha licenziato Deri "con il cuore pesante" dopo che la Corte Suprema ha ribaltato il ministro condannato

Konashenkov ha affermato che l’assalto a Solidar è stato reso possibile da massicci attacchi aerei e di artiglieria e manovre delle forze aviotrasportate per circondare la città. Non menziona il gruppo Wagner, che in precedenza si è preso il merito dell’acquisizione di Solidar. C’erano segni di stress Tra i militari e il gruppo Wagner guidato dal milionario Yevgeny Prigozhin.

Venerdì Prigozhin ha accusato con rabbia il ministero della Difesa di “cercare costantemente di rubare la vittoria di Wagner”.

___

Segui la copertura AP della guerra in Ucraina: https://apnews.com/hub/russia-ukraine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.