La vasta campagna cinese ha fretta di rafforzare le sue difese contro il COVID

  • Ospedali e pompe funebri sono travolti dall’ondata di COVID
  • Alcuni paesi impongono regole sui test ai viaggiatori cinesi
  • La Cina registra un nuovo decesso per il virus Corona il 28 dicembre

SHANGHAI/PECHINO (Reuters) – La campagna cinese affamata di risorse sta correndo per potenziare le strutture mediche prima che milioni di operai tornino a casa per le vacanze del capodanno lunare il prossimo mese dalle città colpite dal COVID-19.

Dopo aver imposto il blocco del coronavirus più duro al mondo e test incessanti per tre anni, la Cina ha invertito la rotta questo mese verso la convivenza con il virus, lasciando sopraffatto il suo fragile sistema sanitario.

La revoca delle restrizioni, dopo diffuse proteste contro di esse, significa che COVID si sta diffondendo in gran parte senza controllo e potenzialmente infettando milioni di persone ogni giorno, secondo alcuni esperti di salute internazionale.

La Cina ha ufficialmente riportato un nuovo decesso per coronavirus mercoledì, in calo rispetto ai tre di martedì, ma i governi stranieri e molti epidemiologi ritengono che i numeri siano molto più alti e più di un milione di persone potrebbero morire l’anno prossimo.

La Cina ha affermato di contare solo i decessi di pazienti COVID per polmonite e insufficienza respiratoria come correlati a COVID.

Nella città sud-occidentale di Chengdu, mercoledì sera le pompe funebri erano affollate, con un flusso costante di auto che entravano in un furgone strettamente sorvegliato dal personale di sicurezza.

Un camionista che lavora nel salotto ha detto che “un numero enorme di persone” era all’interno.

Gli ospedali e le pompe funebri nelle principali città sono stati messi a dura prova, ma la preoccupazione principale per la capacità del sistema sanitario di far fronte è nelle campagne.

READ  Seul allaga morti: la capitale sudcoreana promette di trasferire le famiglie fuori dalle case seminterrate in stile "parassita".

In una farmacia di Shanghai, Wang Caiyun, 53 anni, una donna delle pulizie della vicina provincia di Anhui, ha detto che stava comprando medicine per la sua famiglia a casa.

“Mio marito, mio ​​figlio, mio ​​nipote, mia madre, sono tutti infetti”, ha detto. “Non possono avere nessuna medicina, niente per la febbre o la tosse”.

Ogni anno centinaia di milioni di persone, la maggior parte delle quali lavora nelle fabbriche vicino alle coste sud e est, tornano nelle campagne per festeggiare il capodanno lunare, che inizia il 22 gennaio.

L’ondata di viaggi per le vacanze dovrebbe durare 40 giorni, dal 7 gennaio al 15 febbraio, hanno detto le autorità.

Il China Daily, gestito dallo stato, ha riferito che le aree rurali stanno potenziando le loro capacità mediche.

Ha detto che un ospedale in una zona rurale della Mongolia interna, che ospita più di 100.000 persone, stava cercando offerenti per un contratto da 1,9 milioni di yuan ($ 272.308) per aggiornare i reparti a unità di terapia intensiva.

L’ospedale centrale della contea di Liancheng, nella provincia orientale del Fujian, era alla ricerca di offerte per ambulanze e dispositivi medici che vanno dai ventilatori ai monitor dell’elettrocardiogramma.

A dicembre, secondo un’analisi di Reuters, le offerte presentate dagli ospedali per attrezzature mediche chiave sono state da due a tre volte superiori rispetto ai mesi precedenti, indicando che gli ospedali si stanno affrettando a colmare le carenze.

READ  L'Ucraina scuote la Russia con un video di carri armati che cadono da un treno

requisiti di prova

Si prevede che la seconda economia più grande del mondo subirà un rallentamento della produzione e dei consumi di fabbrica a breve termine a causa delle malattie dei lavoratori e degli acquirenti. Il settore dei servizi ad alta intensità di connessione è stato particolarmente colpito dalle restrizioni antivirus.

La riapertura aumenta anche la possibilità che i turisti cinesi tornino nelle vie dello shopping di tutto il mondo, un tempo un mercato da 255 miliardi di dollari l’anno a livello globale. Ma alcuni paesi sono rimasti sorpresi dalla portata dell’epidemia e hanno messo in dubbio le statistiche COVID di Pechino.

Il bilancio ufficiale delle vittime in Cina ha raggiunto 5.246 dall’inizio della pandemia, rispetto a oltre 1 milione di morti negli Stati Uniti. Hong Kong, sotto il dominio cinese, ha registrato più di 11.000 morti.

Stati Uniti, India, Italia, Giappone e Taiwan hanno dichiarato che richiederanno test COVID per i viaggiatori provenienti dalla Cina.

Mercoledì gli Stati Uniti hanno emesso un avviso di viaggio consigliando agli americani di “riconsiderare i viaggi in Cina, Hong Kong e Macao” citando “rapporti sul sistema sanitario sopraffatto” insieme ai rischi di nuove varianti.

Il principale aeroporto della città italiana di Milano ha iniziato a testare i passeggeri in arrivo da Pechino e Shanghai il 26 dicembre e ha scoperto che quasi la metà di loro era infetta.

I massimi funzionari sanitari dell’UE hanno tenuto colloqui per cercare di coordinare punti di vista molto diversi su come rispondere alla decisione della Cina di revocare le sue restrizioni COVID-19 e l’ondata di infezioni.

La Cina ha respinto le critiche alle sue statistiche come tentativi infondati e politicamente motivati ​​di distorcere le sue politiche. Ha anche minimizzato i rischi delle nuove varianti, dicendo che si aspettava che le mutazioni fossero più virulente ma meno gravi.

READ  Ispettori delle Nazioni Unite vicino alla centrale nucleare ucraina in missione per evitare un incidente

Funzionari sanitari cinesi hanno affermato questa settimana che Omicron rimane il ceppo dominante in Cina.

Australia, Gran Bretagna, Francia, Germania, Tailandia e altri paesi hanno affermato che per ora non imporranno ulteriori restrizioni di viaggio.

Da parte sua, la Cina, che ha chiuso i suoi confini agli stranieri dall’inizio del 2020, smetterà di richiedere ai viaggiatori in arrivo di entrare in quarantena dall’8 gennaio.

($ 1 = 6,9774 yuan)

Segnalazione aggiuntiva di Martin Quinn Pollard a Chengdu. Scritto da Marius Zaharia. A cura di Lincoln Festa, Robert Purcell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.