L’attivista saudita Salma al-Shehab è stata condannata a 34 anni di carcere per tweet

Segnaposto quando vengono caricate le azioni dell’articolo

BEIRUT — L’Arabia Saudita la scorsa settimana ha condannato una donna a 34 anni di carcere per la sua attività su Twitter, segnando la pena più lunga in Arabia Saudita. Un attivista pacifico e per innescare una nuova ondata di paura tra gli oppositori del governo, ha affermato il gruppo dei tre diritti.

La donna, Salma al-Shehab, è stata detenuta nel gennaio 2021 in Arabia Saudita, dove si trovava in vacanza, giorni prima che la cittadina saudita e madre di due figli tornasse a casa sua in Gran Bretagna, secondo i gruppi per i diritti umani. Secondo gli atti del tribunale, le accuse che il 33enne deve affrontare ruotano tutte attorno alla sua attività su Twitter.

Shehab è stata attiva sulla piattaforma dei social media durante le campagne che chiedevano l’abolizione del sistema di tutela del Paese, che conferisce agli uomini il controllo legale su alcuni aspetti della vita delle parenti di sesso femminile. Aveva chiesto il rilascio dei prigionieri di coscienza sauditi.

Nonostante le promesse, le esecuzioni in Arabia Saudita sono già raddoppiate rispetto allo scorso anno

Secondo gli atti giudiziari ottenuti dal Washington Post, Shehab è accusato di utilizzare il sito web dei social media per “disturbare l’ordine pubblico, minare la sicurezza della società e la stabilità dello stato e sostenere coloro che sono coinvolti in attività criminali ai sensi della legge antiterrorismo . Il suo finanziamento.”

I documenti affermano che ha sostenuto tali individui “seguendo i loro account sui social media e ritwittando i loro tweet” e che ha diffuso false voci. Dopo aver impugnato la sentenza iniziale, i documenti affermano che la sua pena detentiva è stata troppo breve “considerando i suoi crimini” e che la sua precedente condanna non era riuscita “a ottenere controllo e deterrenza”.

READ  Clemson vs Georgia Tech Score: aggiornamenti di gioco in tempo reale, risultati di College Football, Top 25 della NCAA di oggi

Oltre alla sua pena detentiva di 34 anni e al divieto di viaggio di 34 anni, che comincerà dopo la sua pena detentiva, la corte ha anche sequestrato il suo cellulare e ha stabilito che il suo account Twitter sarà “chiuso definitivamente”.

Le accuse sono familiari: seminare sedizione e destabilizzare lo stato sono accuse spesso usate contro attivisti del regno che si esprimono contro lo status quo. L’Arabia Saudita usa da tempo le leggi antiterrorismo contro i suoi cittadini.

Alla fine del 2021, una sentenza pregiudiziale contro Shehab l’ha condannata a sei anni di reclusione. Tuttavia, quando ha presentato ricorso, il numero è stato aumentato a 34, la condanna più lunga del Paese contro un attivista pacifico, secondo diversi gruppi per i diritti umani.

I gruppi per i diritti umani hanno ripetutamente messo in guardia contro il recente uso da parte del governo della legge antiterrorismo. In Aprile, Human Rights Watch “Leggi come la legge antiterrorismo notoriamente imperfetta e la legge anti-criminalità informatica includono disposizioni vaghe ed eccessivamente ampie che sono ampiamente interpretate in modo errato e utilizzate in modo improprio”. I giudizi sono spesso caratterizzati da sentenze incoerenti e dure.

Almeno un gruppo per i diritti umani sta cercando di assicurarsi che il suo account non venga chiuso, poiché la punizione includerebbe la chiusura del suo account Twitter, ha affermato Lina al-Hadlol, capo del monitoraggio e delle comunicazioni del gruppo per i diritti saudita con sede a Londra ALQST. .

“Ora stiamo lavorando con Twitter per chiuderlo o almeno far loro sapere che se chiediamo loro di chiuderlo, viene dal governo saudita e non da lei”, ha detto. Twitter non ha risposto alla richiesta di commento di The Post.

READ  Le azioni lottano mentre i tagli dei prezzi in Cina fanno crollare il petrolio

Nella sua dichiarazione di martedì, l’Organizzazione saudita europea per i diritti umani, che monitora gli arrestati nel regno, ha affermato che la decisione di condannare Shehab ai sensi della legge antiterrorismo “conferma che l’Arabia Saudita sta trattando coloro che chiedono riforme e coloro che criticano loro sui social media come terroristi”.

Il gruppo ha affermato che la sentenza costituisce un pericoloso precedente e che gli sforzi ampiamente elogiati dell’Arabia Saudita per modernizzare il regno e migliorare i diritti delle donne “non sono seri e non sono caduti in campagne di imbiancatura per migliorare il suo record di diritti umani”.

I dissidenti sauditi definiscono un tradimento il viaggio pianificato di Biden nel regno

Prima del suo arresto, Shehab era un docente presso la Princess Noora University nella capitale saudita Riyadh e uno studente di dottorato presso l’Università di Leeds in Gran Bretagna. Lì ha condotto ricerche esplorative su nuove tecniche di medicina orale e odontoiatrica e le loro applicazioni in Arabia Saudita, ha affermato un collega che ha lavorato con lui a Leeds.

La persona, che ha parlato in condizione di anonimato a causa della delicatezza del caso, ha descritto Shehab come un collega “meraviglioso” e “generoso” – “qualcuno che porta sempre prelibatezze”.

Non ha mai parlato pubblicamente di politica, ha aggiunto il collega, parlando invece spesso dei suoi figli e mostrando loro le foto ad amici e colleghi. “Le manca così tanto la sua famiglia”.

Shehab è tornato in Arabia Saudita alla fine del 2019 e non è più tornato a scuola in Gran Bretagna. All’inizio non ha spaventato nessuno, visto il lungo periodo di blocco del coronavirus iniziato nel Regno Unito a marzo 2020. Ma alla fine, ha detto il suo collega, la gente ha chiesto: “Qualcuno ha sentito Salma?”

READ  40 La migliore portafoglio thun del 2022 - Non acquistare una portafoglio thun finché non leggi QUESTO!

“È stato uno shock per tutti noi perché eravamo tipo, ‘Come può essere arrestata una come lei?’ ” ha detto la persona. L’Università di Leeds non ha risposto alla richiesta di commento di The Post.

Alla domanda se stesse monitorando il caso di Shehab o stesse lavorando per assicurarne il rilascio, il ministero degli Esteri britannico ha detto al Post via e-mail: “Ministri e alti funzionari hanno ripetutamente sollevato preoccupazioni con le autorità saudite sulla detenzione di difensori dei diritti delle donne. Continua.”

Gli esiliati dell’Arabia Saudita temono di essere in pericolo dopo la scomparsa del dissidente in Canada

Shehab appartiene a una setta sciita minoritaria dell’Islam, considerata eretica da molti musulmani sunniti intransigenti e i cui seguaci in Arabia Saudita sono spesso visti con sospetto dalle autorità sunnite.

L’Arabia Saudita è spesso criticata per il trattamento riservato alla minoranza sciita. All’inizio di quest’anno, Human Rights Watch, con sede a New York, ha affermato nel suo rapporto annuale Rapporto Human Rights ha affermato che “discrimina sistematicamente le minoranze religiose musulmane”, compresi gli sciiti.

L’ultima attività su Twitter di Shehab è stata il 13 gennaio 2021, due giorni prima del suo arresto, quando ha ritwittato una classica canzone araba sulla mancanza della compagnia di una persona cara.

Sulla sua attiva pagina Twitter, c’è un tweet seguito da una preghiera che chiede a Dio di perdonarlo se ha mai trasgredito inconsapevolmente contro un uomo, respingere l’ingiustizia e aiutare coloro che la affrontano.

“Libertà per i prigionieri di coscienza e per ogni persona oppressa nel mondo”, concludeva il tweet.

Timsit segnalato dalla Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.