Le autorità iraniane arrestano l’attrice cinematografica premio Oscar

IL CAIRO (AFP) – Le autorità iraniane hanno arrestato sabato una delle attrici più famose del Paese con l’accusa di aver diffuso bugie sulle proteste a livello nazionale che stanno dominando il Paese, hanno riferito i media statali.

Secondo il rapporto IRNA, Taraneh Alidoosti, la star del film vincitore dell’Oscar “The Salesman”, è stata arrestata una settimana dopo aver pubblicato un post su Instagram in cui esprimeva solidarietà al primo uomo recentemente giustiziato per crimini presumibilmente commessi durante le proteste .

L’annuncio è l’ultimo di una serie di arresti di celebrità, che hanno incluso giocatori, attori e influencer, in risposta alla loro pubblica dimostrazione di sostegno alle manifestazioni antigovernative ora al loro terzo mese.

Secondo il rapporto pubblicato sul canale Telegram ufficiale dei media statali, Alidoosti è stata arrestata perché non ha fornito “alcun documento coerente con le sue accuse”.

Diceva che molte altre celebrità iraniane erano state “convocate dalla magistratura con l’accusa di aver pubblicato contenuti provocatori” e che alcune erano state arrestate. Non ha fornito ulteriori dettagli.

L’attrice 38enne ha dichiarato in un post: Il suo nome è Mohsen Shakari. Ogni organizzazione internazionale che osserva questo spargimento di sangue e non intraprende alcuna azione è una vergogna per l’umanità”.

Shekari è stato giustiziato il 9 dicembre dopo che un tribunale iraniano lo ha accusato di aver tagliato una strada a Teheran e aver attaccato un membro delle forze di sicurezza del paese con un machete.

A novembre, le autorità hanno arrestato Hengameh Ghaziani e Katyon Riahi, due famose attrici iraniane, per aver espresso solidarietà ai manifestanti sui social media. Anche Furia Ghafouri, calciatore iraniano, è stato arrestato il mese scorso con l’accusa di “insulto alla nazionale di calcio e propaganda contro il governo”. Tutti e tre sono stati rilasciati.

READ  Quando viene dichiarato re Carlo III? Cosa devi sapere sulla scheda di adesione

Da settembre, Alidoosti ha espresso pubblicamente la sua solidarietà ai manifestanti in almeno tre post su Instagram. Il suo account, che contava circa 8 milioni di follower, è stato sospeso.

La scorsa settimana, l’Iran ha giustiziato un secondo prigioniero, Majid Reza Rahnavard, per le proteste. Il corpo di Rahnord è stato lasciato appeso a una gru edile come terribile avvertimento per gli altri. Le autorità iraniane hanno affermato che Rahnavard ha accoltellato due membri delle loro forze paramilitari.

Sia Shekari che Rahnavard sono stati giustiziati meno di un mese dopo essere stati accusati, sottolineando la velocità con cui l’Iran sta ora eseguendo condanne a morte imposte per presunti reati legati alle manifestazioni. Gli attivisti affermano che almeno 10 persone sono state condannate a morte in udienze a porte chiuse. L’Iran è uno dei paesi più giustiziati al mondo.

L’Iran ha assistito a proteste dall’uccisione della 22enne Mohsa Amini il 16 settembre dopo che era stata arrestata dalla polizia morale. Da allora, le proteste si sono trasformate in una delle più serie sfide alla teocrazia iraniana instaurata dalla Rivoluzione islamica del 1979.

Alidoosti aveva precedentemente criticato il governo iraniano e le sue forze di polizia prima delle proteste di quest’anno.

Nel giugno 2020, le è stata inflitta una pena detentiva sospesa di cinque mesi dopo aver criticato la polizia su Twitter nel 2018 per aver aggredito una donna che si era tolta il velo.

Almeno 495 persone sono state uccise durante le manifestazioni nel mezzo di una dura repressione della sicurezza, secondo Human Rights Activists in Iran, un gruppo che ha monitorato le proteste sin dal loro inizio. Le autorità hanno arrestato più di 18.200 persone.

READ  Biden non ha indossato l'uniforme di Mao per incontrare Xi

Altri film famosi in cui Alidoosti ha recitato includono “The Beautiful City” e “About Elly”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.