Le azioni globali scendono e i rendimenti statunitensi aumentano mentre i prezzi del petrolio raggiungono nuovi massimi

NEW YORK (Reuters) – I mercati azionari globali sono scesi mentre i rendimenti dei Treasury USA sono saliti bruscamente martedì mentre gli investitori hanno valutato le prospettive di un aumento dell’inflazione a seguito del graduale divieto alle importazioni di petrolio russo da parte dell’Unione Europea che ha spinto i prezzi del greggio a nuovi massimi storici.

I leader dell’Unione Europea hanno concordato in linea di principio di tagliare il 90% delle importazioni di petrolio dalla Russia, le sanzioni più severe del blocco contro Mosca dall’invasione dell’Ucraina a febbraio. Leggi di più

Le nuove sanzioni si applicheranno al greggio russo consegnato tramite spedizione e saranno attuate in fasi nell’arco di sei mesi, con l’implementazione di prodotti raffinati nell’arco di otto mesi. L’embargo esclude l’oleodotto dalla Russia come concessione all’Ungheria.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I prezzi del petrolio hanno toccato nuovi massimi martedì dopo l’annuncio dell’Unione Europea, con il greggio Brent di riferimento in aumento dello 0,96% a 122,84 dollari al barile dopo essere salito in precedenza a 124,64 dollari, il livello più alto dal 9 marzo.

Ma i contratti del greggio Brent per agosto hanno chiuso in ribasso dell’1,7%, a 115,60 dollari al barile, dopo che è emersa la notizia che i membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) stavano valutando la possibilità di sospendere un accordo di produzione con la Russia.

Anche il greggio US West Texas Intermediate (WTI) è sceso dello 0,06% a 115,02 dollari al barile, invertendo i precedenti guadagni commerciali.

“L’energia è il costo di input praticamente di tutto e l’aumento dei prezzi del petrolio ha danneggiato l’inflazione”, ha affermato Thomas Hayes, amministratore delegato di Great Hill Capital.

READ  Aggiornamenti live: la guerra della Russia in Ucraina

Indice azionario mondiale MSCI (.MIWD00000PUS), che misura le azioni in 50 paesi, è sceso dello 0,61%. L’indice paneuropeo Stoxx 600 è sceso dello 0,72%.

I rendimenti dei Treasury USA sono aumentati vertiginosamente, con la maggior parte delle scadenze al massimo di una settimana, poiché i timori di inflazione hanno dominato le negoziazioni dopo che l’inflazione dell’eurozona è salita a un livello record questo mese.

Anche i rendimenti del Tesoro sono aumentati, guidati in parte dai commenti aggressivi del governatore della Federal Reserve Christopher Waller lunedì. Waller ha detto che chiede un aumento del tasso di 50 punti base da tenere sul tavolo fino a quando non si noteranno profondi tagli dell’inflazione, eliminando le aspettative che la Fed potrebbe prendere una pausa dopo i rialzi di giugno e luglio. Leggi di più

Il rendimento dell’obbligazione decennale di riferimento è salito al 2,8622%.

A Wall Street, tutti e tre gli indici hanno chiuso in ribasso, guidati dai settori dell’assistenza sanitaria, della tecnologia, dell’energia e dell’industria. Media industriale del Dow Jones (.DJI) L’S&P 500 è sceso dello 0,67% a 3.2990,12 (.SPX) Ha perso lo 0,63% a 4132,15 e l’indice Nasdaq Composite (diciannovesimo) È sceso dello 0,41% a 12081,39.

Martedì il dollaro USA si è rafforzato su tutta la linea quando i rendimenti dei Treasury sono aumentati e le preoccupazioni per un’altra accelerazione dell’inflazione globale hanno smorzato la propensione al rischio degli investitori Leggi di più

L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde contro le sei principali valute, è salito dello 0,345% a 101,770. L’euro è sceso dello 0,41% a $ 1,0733.

L’oro rifugio è sceso dell’1%, diventando così il secondo mese consecutivo di calo, poiché l’aumento dei rendimenti del dollaro e del Tesoro USA ha smorzato il fascino del metallo nonostante i timori di un aumento dell’inflazione.

READ  L'insegnante russo ha respinto la propaganda del Cremlino, poi ne ha pagato il prezzo

L’oro spot è sceso dell’1,0% a 1.837,30 dollari l’oncia. I futures sull’oro USA sono scesi dello 0,99% a 1.833,00 dollari l’oncia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Copertura) Di Chipwick Ogo a New York Montaggio di Nick Czyminsky e Will Dunham

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.