Le azioni scendono, il dollaro si stabilizza mentre il sentimento del mercato si oscura

  • Il benchmark azionario europeo ha toccato il minimo di quattro settimane
  • La Fed si attiene al tono da falco – analisti
  • Guadagno del dollaro, in rialzo sulle aspettative di rialzo dei tassi statunitensi
  • Nuove oscillazioni hanno colpito i titoli immobiliari cinesi

SINGAPORE/HONG KONG, 24 ago (Reuters) – I mercati azionari sono scesi mercoledì e il dollaro ha mantenuto i suoi recenti guadagni, poiché gli scarsi dati economici in tutto il mondo e le speranze che i tassi di interesse delle banche centrali scendano a un ritmo meno aggressivo hanno danneggiato gli investitori. Aumenti dei tassi.

Indice azionario paneuropeo STOXX 600 (.STOXX) Il FTSE britannico ha toccato il minimo di quattro settimane e l’ultima volta è sceso dello 0,2% (.FTSE) Ha perso lo 0,9%, continuando la debolezza dei titoli asiatici rispetto al giorno precedente. (.MIAPJ0000PUS), (.N225)

I futures S&P00 statunitensi sono scesi dello 0,3%.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Mercoledì è stato relativamente tranquillo sul fronte dei dati, ma le notizie di scarsa attività economica all’inizio della giornata dalla zona euro – che ha riportato una contrazione per il secondo mese consecutivo – hanno continuato a minare l’appetito per gli asset più rischiosi come le azioni negli Stati Uniti e in Giappone. leggi di più

L’attenzione degli investitori si è anche rivolta al Jackson Hole Symposium del banchiere centrale, che inizierà giovedì, con i commenti del presidente della Federal Reserve Jerome Powell venerdì in particolare. leggi di più

Le ultime mosse del mercato sono dovute “al fatto che le banche centrali e le banche centrali si attengono al loro mandato inflazionistico, mentre allo stesso tempo i recenti indicatori economici mostrano segni di debolezza non solo in Europa ma anche negli Stati Uniti e in Giappone”. ha affermato Tai Hui, chief market strategist per l’Asia presso JP Morgan Asset Management.

READ  Risultati della Presidents Cup 2022, risultati: copertura in tempo reale, classifiche, aggiornamenti sul golf, programma per il giorno 2 di venerdì

I prezzi di base europei del gas sono triplicati in due mesi, non aiutando.

“Forse due o tre settimane fa, i mercati pensavano che la Fed avrebbe aumentato i tassi entro la fine di quest’anno e tagliato i tassi nel 2023, e quella sequenza di eventi non sembra accadere in questo momento”, ha detto Hui. Ciò ha spinto il rendimento del Treasury decennale statunitense di riferimento al di sopra del 3% all’inizio di questa settimana.

Con il tasso attuale al 3,7% a metà del 2023, i trader stanno aumentando le loro aspettative su dove il tasso sui fondi della Fed potrebbe raggiungere il picco.

Il rendimento degli Stati Uniti a 10 anni è stato l’ultimo a 3,0499%, mentre il rendimento del titolo di Stato tedesco a 10 anni ha toccato un nuovo massimo in 8 settimane dell’1,38%.

Scivolo cinese

Il dollaro USA, sostenuto da aspettative sui tassi di interesse più elevati, ha beneficiato anche di prospettive relative scarse nel resto del mondo.

Mercoledì, l’euro è stato scambiato a $ 0,9956 dopo essere sceso a $ 0,99005 martedì, e la sterlina ha lottato contro la sterlina a 84,14 pence nonostante le sue stesse difficoltà.

In Cina, nel frattempo, le azioni immobiliari sono crollate mentre i guadagni hanno portato un altro promemoria del profondo buco in cui gli sviluppatori non possono ottenere facilmente credito. Indice dei costruttori quotati a Hong Kong (.HSCIPC) È sceso al minimo di 10 anni.

“Le persone stanno ancora cercando di comprendere l’intera portata degli effetti negativi perché ci sono così tante conseguenze diverse”, ha affermato Samuel Siew, esperto di mercato presso CGS-CIMB a Singapore.

“È ancora molto difficile valutare davvero l’intera gravità della situazione. Questo è ciò che i mercati stanno cercando di capire ed è sufficiente il supporto attuale?”

READ  Annunci diretti: la Russia occupa l'Ucraina

Petrolio recuperato dalle prime perdite. I futures sul greggio Brent sono aumentati dello 0,7% a $ 100,9 al barile, ancora appesantiti dai discorsi sui tagli all’offerta saudita. Il greggio statunitense è salito dell’1% a $ 94,75.

L’oro spot è rimasto stabile a 1.747 dollari l’oncia. Bitcoin porta ancora le cicatrici del crollo improvviso dello scorso fine settimana che si è fermato a 21.300$.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Montaggio di Ana Nicolaci da Costa, Jamie Freed e Tomasz Janowski

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.